Cerca

Monti pensa a una lista Monti Deputati Pd e Pdl in fila

Corsa bipartisan per coalizzare i consensi che raccoglie il premier. Ipotesi: candidare il ministro Passera a Palazzo Chigi

Monti pensa a una lista Monti Deputati Pd e Pdl in fila
La voce gira da un po’. C’è chi parla di una lista civica, chi di un partito vero e proprio. Guidato  da esponenti del governo Monti e capace di raccogliere pezzi del PdL, del terzo polo e del Pd. Poi c’è chi, i super-montiani del Pd, non pensa a una formazione nuova, ma a candidare a Palazzo Chigi un esponente dell’attuale esecutivo. Soluzioni differenti, ma che partono dalla stessa osservazione, avvalorata dai sondaggi: il governo Monti sta raccogliendo consensi che però non si traducono in voti ai partiti che pure sostengono questa esperienza governativa. Il PdL è crollato al 22%, il Terzo Polo è stabile attorno al 12-13%, il Pd non va oltre il 27-28%. Insomma, c’è un bacino elettorale (i famosi indecisi, quelli che decidono chi vince) che, al momento, sembra concentrarsi esclusivamente su Monti e la sua squadra. Ultima conferma, che ha fatto molto discutere nel Pd, il secondo quesito del sondaggio di Ipsos presentato martedì scorso a Ballarò. Alla domanda se «preferiresti un governo guidato dal leader del tuo partito o uno guidato da Monti», il 69% degli elettori di Pd, Sel e Idv ha scelto Monti. Addirittura più della percentuale degli elettori del Terzo Polo, che dovrebbero essere i più montiani (60%). Persino l’elettorato di centrosinistra, insomma, ha più fiducia in Monti che non negli attuali leader del centrosinistra. Come tradurre in politica, quindi, questo consenso? Come non disperdere questa fiducia, una volta conclusa l’esperienza dell’esecutivo? Anche perché, come dice il popolare Lucio D’Ubaldo, «dopo Monti ci sarà una fase, cinque, dieci anni, in cui l’opera di risanamento dovrà essere garantita da una fase di stabilità. Il processo iniziato con Monti dovrà incarnarsi in una presenza politica che si metta su questa scia».

Il punto è: quale «presenza»? Gli attuali partiti o qualcos’altro? L’idea della lista civica (o di un partito) si incrocia con i movimenti verso una Cosa di Centro. Interessati a questa operazione sarebbero Raffaele Bonanni, segretario della Cisl ormai in scadenza, Beppe Fioroni, che proprio l’altro giorno ha organizzato un convegno su Moro con Riccardi, ma anche alcuni cattolici del PdL, da Beppe Pisanu a Roberto Formigoni. Naturalmente non sarebbe una lista guidata da Monti, il quale, semmai, guarda al Quirinale, ma da alcuni esponenti del suo governo: Andrea Riccardi, Lorenzo Ornaghi e magari Corrado Passera. Il premier fungerebbe da padre nobile, ma a metterci la faccia sarebbero altri. Ed è una soluzione a cui guarda con interesse la Chiesa cattolica, sia pure senza sbilanciarsi. Proprio ieri Mariano Crociata, segretario della Cei, ha confermato l’appoggio dei vescovi al governo «di buona volontà di Monti». La presenza di Fini nel Terzo Polo, infatti, è considerata un problema. Mentre la nascita di una forza guidata da Riccardi e Ornaghi, a garanzia del mondo cattolico, e da Passera, trait d’union con i riformisti, viene guardata con attenzione. Una forza simile finirebbe per scomporre la geografia del Terzo Polo (il più preoccupato, infatti, è Casini).

La lista civica (o partito che sia) non è, però, l’unica soluzione. Un’altra, sempre diretta a coinvolgere protagonisti del governo, è la trasformazione del PdL e dell’Udc nella sezione italiana del Ppe, approfittando della crisi del partito di Berlusconi. Tanto che nel Pd c’è chi parla di «un’Opa di Riccardi e Ornaghi sul Pdl». Infine, c’è l’ipotesi dei “montiani” del Pd: fare di Passera il nuovo Prodi, federatore di riformisti e moderati, capace di raccogliere l’elettorato del Pd, ma anche di conquistare elettori al centro. Molto dipenderà dalla legge elettorale. La domanda al fondo, però, è la stessa: chi può interpretare la politica di Monti dopo Monti? E una cosa sembra certa: non i partiti attuali.

di Elisa Calessi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • mauricchio

    28 Gennaio 2012 - 19:07

    Tutti criticano tutti. Tutti cercano alleanze con tutti. Tutti cercano nuove collocazioni politiche. E' iniziato il rimescolo pre-elettorale per riuscire ancora una volta a non perdere il potere e la poltrona. Ci saranno due partiti: BDL (banda di ladri) e BDF (branco di farabutti). Tutto il resto è aria fritta. Bisogna mandarli a coltivare carote!!! TUTTI!!!!!

    Report

    Rispondi

  • piccioncino

    28 Gennaio 2012 - 19:07

    Forse i mercati saranno anche..il diavolo..boh??..Ma, una cosa è certa..ad oggi (ne domani),..nessuno è in grado di sostiturli..con qualcos'altro..E..i mercati non guardano all'oggi ma..al domani..Cioè al medio termine..Sanno molto bene (assai meglio di noi) che,..oltre al passato enormemente indebitatorio e grandemente inefficenziale,..noi abbiamo davanti gente che va per la maggiore come..Pietrisco, Ventolino, la Camussa, Grillo..e molti sinistri democratici..come Fassina, Rossi della Tuscia ecc..Personaggi filo-marxisti.. totalmente fuori dal mondo, inaffidabili...in termini di risanamento e di sviluppo della competitività..Di fronte a ciò,..mi pare che il ritorno sic et simpliceter al Berlusca dei balletti..sia alquanto assurdo e improponibile..Ci sarebbe all'orizzonte qualche baldo giovane brillante, affidabile..Per cui ben venga..tuttociò che non ci sprofondi nel pantano infinito..che ci porterebbe direttamente e velocemente.. in Africa..

    Report

    Rispondi

  • alfredo giulio

    28 Gennaio 2012 - 18:06

    Se i partiti devono prendere un tecnico per farsi guidare vuol dire che i politici sono degli incapaci, bravi solo a parole per sistemarsi e vivono alle nostre spalle da molti anni. Infatti ogni quei tanti anni ci vuole un Governo Tecnico per sistemare le cose, ma sempre sulla pelle dei "Pirla" che pagano le tasse e loro son sempre lì. Sto facendo marcire molte uova per la prossima campagna elettorale e non ho preferenze, tanto son tutti uguali, come quando si danno gli aumenti.

    Report

    Rispondi

  • fossog

    28 Gennaio 2012 - 18:06

    Cosa c'è di più ovvio di un simile pensiero... Dopo tre anni passati in una bestiale immobilità ed inutilità, dopo aver 'gustato' anche governi di Sx, chi è il pazzo che può desiderare di ricominciare da capo ? chi potrebbe essere così stupido da farsi incantare dal canto, palesemente bugiardo, delle sirene del PD o del PDL ? Certo che ci vuole qualcosa di nuovo, e certo che PURTROPPO non si può ammazzare politicamente TUTTA la monnezza dei partiti per trovarne dei nuovi e dei vergini. Si cercheranno allora PEZZI di quà e di là, SPERANDO DI SCARTARE IL MARCIUME , e che la dea fortuna ce la mandi buona. Certo un aiuto concreto verrebbe, a noi ed a qualsaisi altra formazione poltica, da un efficente STERMINIO del nr totale dei dis-onorevoli del parlamento. Un nr oggi tanto alto da assomigliare, nella consistenza e nei danni, ad una colonia di ratti.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog