Cerca

Va in scena la sfilata degli ipocriti

Fini e Casini alla camera ardente di Scalfaro. Ma diciassette anni fa parlavano di "ribaltone" e di "governo del presidente"

Va in scena la sfilata degli ipocriti

E meno male che stamattina, presentandosi alla camera ardente, Pierferdinando Casini ha spiegato che «all'ipocrisia preferisco il silenzio: manifestazioni ipocrite sarebbero ben peggio di un dignitoso silenzio» per commentare le assenze di tanti esponenti del Pdl e il silenzio dello stesso Silvio Berlusconi. Perchè, quanto a ipocrisia, sulla scomparsa dell'ex presidente della repubblica Oscar Luigi Scalfaro, non si è certo risparmiato, nelle ultime ore. "E' stato un uomo coerente, ha sempre difeso il Parlamento e la sua centralità istituzionale, gli italiani devono un grande rispetto a questa figura che è stata un importante presidio democratico cristiano" ha detto. Lo stesso Casini che nel 1994, dopo il ribaltone orchestrato dal Capo dello Stato la vedeva così: "Il voto del 27 marzo ha stabilito che Berlusconi ha vinto e il Pd ha perso. E invece ora, a tavolino, si è deciso il contrario. Questo è un ribaltone mascherato, si doveva andare a elezioni".

Stesso dietrofront da parte di Gianfranco Fini, per il quale Scalfaro "si è semore battuto per un'Italia più forte, democratica e unita. Scompare un padre della Repubblica". Lo stesso Fini che nel '92, da leader dell'Msi non voleva Scalfaro al Quirinale perchè "è il simbolo della conservazione, la vestale di un sistema". E nel '95 parlava di golpe e incolpava il Colle di non aver rispettato i patti. Anche il luogotenente futurista di Fini, Italo Bocchino, ha fatto un bel salto mortale: "Sicuramente nel 1994 forzò la mano e favorì la nascita del governo Dini che non aveva consenso nè all'interno del Parlamento nè del Paese. Ma quello che all'epoca ci sembrò uno strappo fortissimo, visto oggi dopo 15 anni di berlusconismo e delle sue distorsioni ci fa dire che Scalfaro aveva ragione".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • aldo47

    05 Febbraio 2012 - 16:04

    2 avvoltoi becchini ipocriti,falsi stomachevoli e ancora in politita e votati,protettori della casta a uso proprio strettamente personale di parenti e amici.

    Report

    Rispondi

  • sdavids

    31 Gennaio 2012 - 17:05

    I due buffoni che piangono il terzo!!!!!!

    Report

    Rispondi

  • fdrebin

    31 Gennaio 2012 - 10:10

    “Se c’è qualcuno che non conosce la democrazia è proprio Scalfaro, visti i suoi precedenti. Scalfaro ha avallato il più grande tradimento della volontà popolare. Ha cambiato la storia d’Italia consentendo che venissero politicamente ingannati i cittadini. Non accettiamo lezioni da chi è troppo abituato alle congiure di palazzo, ai ‘non ci sto’ su vicende che sono ancora avvolte da fitte nebbie. Il senatore a vita abbia almeno la compiacenza di risparmiarci le sue litanie. Lui è l’ultimo che può fare la predica. Non ci sono dubbi il senatore Scalfaro sta invecchiando male” Renato Schifani - 26.9.2002

    Report

    Rispondi

  • Cattif.49

    31 Gennaio 2012 - 08:08

    ... che questi ormai ex bellini sempre rampanti puntano a futuri trionfi elettorali ! I leccapiedi sono la gramigna da eliminare senza indugio : fuori dai piedi , sciò !

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog