Cerca

Fini fa l'ipocrita con Scalfaro: lo criticava, ora lo celebra

Gianfranco: "Fu esempio di coerenza". Nel 1995 lo accusava sul ribaltone: "Golpe". Deputati Pdl via dall'aula

Fini fa l'ipocrita con Scalfaro: lo criticava, ora lo celebra

"Con Oscar Luigi Scalfaro scompare uno dei principali protagonisti della vita politica ed istituzionale del Paese, un esempio di coerenza morale e di integrità, un punto di riferimento in politica non solo per i cattolici". Così Gianfranco Fini prima di chiedere un minuto di silenzio in aula in memoria dell'ex capo dello Stato scomparso la scorsa domenica. Il presidente della Camera si dimostra minore esempio di "coerenza morale e integrità", poiché sconfessa in toto il pensierò che offrì all'Italia in occasione del ribaltone del 1995. E anche negli anni precedenti. Le parole pronunciate da Gianfranco in aula hanno suscitato sdegno nel Pdl: alcuni deputati hanno abbandonato l'aula, seguiti da diversi esponenti della Lega Nord.

Quando parlava di "golpe bianco" - Nel 1995 Fini (quando quattro ministri del Msi erano nel primo governo Berlusconi) non esitò a parlare di un vero e proprio golpe architettato da Scalfaro per fare cadere l'esecutivo: "Le elezioni a giugno erano la soluzione naturale e concordata all'atto dell'incarico a Lamberto Dini per un governo di breve emergenza", puntava il dito l'attuale leader di Futuro e Libertà. L'aspra accusa rivolta al Colle era quella di non aver rispettato i patti con i partiti: Fini non esitò a parlare di "governo del presidente", "golpe bianco" e non esitò a usare il termine "ribaltone". Spingendoci ancora più indietro, fino al 1992, ci si può ricordare di come l'allora segretario del Msi protestava contro Scalfaro al Quirinale poiché "è il simbolo della conservazione, la vestale di un sistema".

Il nuovo ribaltone - Ma oggi, a distanza di 17 anni, i toni cambiano radicalmente. Già prima delle frasi riconoscenti tributate oggi, mercoledì 1 febbraio, in aula, subito dopo la scomparsa del presidente emerito della Repubblica, Fini spiegò: "Scompare un padre della Repubblica. Si è battuto per tutta la vita per un'Italia sempre più forte, democratica e unita". Secondo Gianfranco, "Scalfaro è stato un protagonista di cui il Paese sentirà la mancanza". Un esempio in tutte le fasi della sua carriera politica: "Da membro della Costituente, da deputato, da presidente della Camera, da capo dello Stato, da senatore a vita, si è sempre impegnato a rafforzare la Repubblica fondata sulla Costituzione di cui fu uno strenuo difensore". A 17 anni di distanza, ecco l'altro riblatone: quello del pensiero del leader futurista.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • khomey

    02 Febbraio 2012 - 11:11

    Ormai il topo d'appartamento non fa più neppure ribrezzo, fa solo pena. Quando penso che una volta - tanto tempo fa - l'ho pure votato...

    Report

    Rispondi

  • ulisse74

    02 Febbraio 2012 - 11:11

    Commentare Fini ? Mi fanno pena le sue figlie. Cosa possono imparare da un padre simile ? Speriamo che almeno la badante insegni loro cosa vuol dire essere una persona seria.

    Report

    Rispondi

  • faustino.guaraldi

    02 Febbraio 2012 - 11:11

    E proprio vero che il personaggio Fini fa acqua da tutte le parti . Ma come si fa a rinnegare quello che ha detto cinque sei anni fà , certo che uno può cambiare la sua Politica "non condivido" ma lo può fare contento lui , ma che lui rinneghi quello che ha detto nei confronti del Presidente Scalfaro sul suo comportamento è innaudito . Scalfaro contribuì al RIBALTONE è Fini ed il suo Partito erano al Governo e questo si vede che se le dimenticato . La coerenza non è il suo forte si dimentica si vede chè l'alzaimer comincia a lavorare dentro ,aveva accusato Berlusconi che non dava le dimissioni dal Governo ed aveva strappolato da Berlusconi che avrebbe dato le dimissioni quanto prima alchè Fini disse il giorno che tu darai le dimissioni le darò anchio . Oggi Berlusconi le dimissioni dal Governo le ha date ma Fini è ancora al suo posto da Presidente della Camera , ecco perchè dico la sua parola vale meno di niente , penso anche che come Politico sia FINITO non ha più credibilità

    Report

    Rispondi

  • folgore38

    02 Febbraio 2012 - 10:10

    Se non conoscessi il personaggio,potrei anche dire che i commenti sono viziati e precostituiti.Eppero', dobbiamo essere sinceri con noi stessi: il FINI-to quando parla, ha la memoria corta e contorta.Insomma:mi viene da vomitare.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog