Cerca

Sondaggi, asta tv e processi: pro e contro della strategia di Silvio

Il Cavaliere cala nei consensi e rischia di perdere pezzi del partito. Ma se fosse lui a tassare e tagliare pagherebbe ancora di più

Sondaggi, asta tv e processi: pro e contro della strategia di Silvio

E' la seconda volta, in pochi giorni, che Silvio Berlusconi definisce "irresponsabile" togliere la spina al governo Monti. Lo aveva fatto in risposta al leader della Lega Umberto Bossi, che lo aveva posto di fronte all'aut-aut tra Monti e Formigoni. Lo ha fatto oggi alla presentazione del libro scritto dal "responsabile" Razzi. Un monito che sembra rivolto, questa volta ai "suoi". E che, anche questa volta, non ha mancato di suscitare i malumori dei "malpancisti" del Pdl e di quanti tra i fan del Cavaliere vorrebbero la fine di Monti e nuove elezioni.

Il Cavaliere, in queste settimane, si sta barcamenando tra esigenze e spinte a volte confliggenti. Il sostegno all'esecutivo tecnico trova una ragione fondamentale nella possibilità di fargli fare il lavoro sporco: tagli e tasse. Certo, il Cavaliere paga in termini di consenso, con i sondaggi che danno il Pdl in discesa, l'appoggio a chi mette le mani nelle tache degli italiani. Ma probabilmente paga meno di quanto pagherebbe se fosse lui a tagliare e a tassare. In più, quello che da molte parti, ma soprattutto da sinistra e dagli stessi giudici qualche giorno fa in apertura dell'anno giudiziario, è stato definito un "clima più sereno", non può nuocergli nella vicenda dell'assegnazione delle frequenze tv e nelle vicende processuali che lo riguardano.

I contro della linea pro-Monti stanno invece nella flessione del consenso del suo elettorato, che vede Monti e le sue misure (liberalizzazioni in primis) come il fumo negli occhi e si sente abbandonato dalla politica. Le manifestazioni, i blocchi e gli scioperi dei giorni scorsi sono stati sì contro Monti, ma pure il segnale di un malcontento del ceto medio nei confronti del centrodestra. Infine, le divisioni interne al partito, già comparse nei giorni scorsi, potrebbero ulteriormente aggravarsi fino a una spaccatura interna. Spaccatura che, però, sarebbe praticamente certa qualora il Cavaliere decidesse di tagliare con  Monti.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • bruno osti

    02 Febbraio 2012 - 09:09

    i sondaggi danno ora il PDL a circa il 20%. Se ci togli gli ex MSI, quanto seguito personale è rimasto a Burlesque? Ah, come godo!!!!

    Report

    Rispondi

  • nlevis

    02 Febbraio 2012 - 09:09

    ha deciso di regalarci il governo Monti che sta facendo ciò che nessun politico avrebbe potuto fare nel settore tasse. A questo punto vediamo se taglierà la casta e le spese dello stato. Forse più avanti riusciremo a comprendere se rimanere in Europa ci sarà costato più dei benefici che ne potremo ricavare. I partiti li possiamo solo giudicare per ciò che hanno fatto precedentemente e per come si organizzeranno in futuro. Oggi staccare la spina a Monti vuol dire bloccare un processo nostro malgrado iniziato, se interrotto a metà strada non se ne potranno giudicare i benefici o gli sviluppi. Nessuno può progettare una casa, costruirne un pezzo e poi abbandonarla, si vedrebbe solo un gran buco e qualche fondamenta. L'Italia è un paese diviso a metà, staccare la spina a questo governo potrebbe innescare spinte separatiste ancora più importanti.Potrebbe esser un vantaggio, o forse no, ma sicuramente servirebbe una forza enorme. Non siamo pronti per un salto così fondamentale

    Report

    Rispondi

  • imbesi.emanuele

    02 Febbraio 2012 - 07:07

    Caro amico bossi i,con tutto il rispetto lo chieda a fini.un affettuoso salutoEmanuele

    Report

    Rispondi

  • imbesi.emanuele

    02 Febbraio 2012 - 06:06

    Secondo me bisognava inizialmente bloccare Napolitano e andare subito ad elezioni.Adesso mi sembra tardi,sarebbe mossa politica suicida.Alla lunga questo atteggiamento di Berlusconi potrebbe pagare.Su pensionati elevare di piu' la tracciabilità,i ticket vengono pagati anche con redditi bassissimi,vedi regione siciliana.queste cose non dovevano passare.Il partito del ceto debole dove si trova?' Figli di troia del PD siciliano dove siete?Emanuele

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog