Cerca

Processi e Pdl allo sfascio: perché Silvio sostiene Monti?

Retromarcia sul corteo contro la magistratura: Berlusconi sta con il prof e sceglie il basso profilo. Ma fino a quando?

Processi e Pdl allo sfascio: perché Silvio sostiene Monti?

Retromarcia nel Pdl per quel che riguarda la campagna antimagistrati: la manifestazione del prossimo sabato è stata annullata. Due i motivi. Il primo: era annunciata una scarsa partecipazione. Il secondo: Berlusconi, e lo ha ribadito anche mercoledì, pensa che sia da irresponsabili togliere l'appoggio a Monti, e in questo contesto è meglio mantenere una certa pax giudiziaria. E sul fronte giudiziaro, per il cavaliere, le giornate sono tornate ad essere calde tra caso Ruby e caso Mills. Berlusconi ha però scelto il basso profilo e la prudenza.

Vota il sondaggio di Libero

La base si ribella sul web: "Ci tradisci"

I pro e i contro della strategia del Cav

Silvio sa che lo attende un periodo delicatissimo: dipende dall'esito dei due processi citati la s sua futura agibilità politica, che potrebbe risentirne notevolmente. Per quel che riguarda il caso Mills il nodo è l'istanza di ricusazione: se la Corte d'Appello di Milano, il 18 febbraio, dovesse accoglierla, con tutta probabilità il Cav godrebbe della presscirzione. Per quel che riguarda il processo Ruby, se la Corte costituzionale dovesse giudicare legittimo il conflitto di attribuzione sollevato da Berlusconi, i tempi del processo si dilaterebbero. Ma si tratta di due circostanze che devono ancora verificarsi.

In questo contesto, a sconsigliare spallate (a Monti) del Pdl e di Silvio Berlusconi, sono i sondaggi. Gli azzurri secondo le rilevazioni sono ai minimi storici. Gli elettori non riescono a comprendere perché il Cav si sia fatto da parte e perché continui a sostenere il governo dei tecnici. Insomma, le urne, ora, potrebbero rivelarsi una soluzione suicida per Berlusconi, che preferisce mantenere un basso profilo. Ma se la magistratura dovesse stringere la sua tenaglia sul Cav, gli esiti - anche per il governo Monti - potrebbero essere imprevedibili.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • stabilri

    02 Febbraio 2012 - 21:09

    una scelta responsabile ma anche necessaria. Senza Monti saremmo conciati come la Grecia, anzi peggio

    Report

    Rispondi

  • ciannosecco

    02 Febbraio 2012 - 20:08

    provate a ragionare non seguendo motivazioni soggettive,ma analizzando la realtà.Con Silvio al Governo è successo di tutto,dal Giuda che lo ha pugnalato alle spalle,al caro Presidente che non gli firmava i decreti ( mentre adesso ne ha appena firmato uno identico a Monti,mistero della fede )alla Consulta a senso unico,il torneo nazionale tra magistrati per inchiappettare Silvio,Parlamento paralizzato dall'opposizione peggiore degli ultimi 150 anni.Praticamente tutti contro Berlusconi,compresi i pentiti arruolati per l'occasione.Dalla scomoda posizione,con le spalle al muro,Silvio ha fatto il suo capolavoro.La sinistra,dopo averci gonfiato le pa@@e fino a 20 atm con l'invocazione delle dimissioni di Silvio,proponendosi per formare un nuovo governo,la stessa sinistra,i cui sondaggi la davano per stravincente,adesso ha raggiunto il traguardo prestigioso,si è autocastrata, è praticamente sparita , il bifolco di Montenero è isolato,la recchia di Terlizzi ha abbandonato sogni di gloria,gli stessi magistrati si stanno prendendo una sonora in@ulata, con la responsabilità civile delle loro caxxate.In sostanza,il Cavaliere è uscito per l'ennesima volta vincitore e non mi pare che nessuno di noi possa dare dei consigli ad uno che ha dimostrato ampiamente di essere il migliore.

    Report

    Rispondi

  • pablolife

    02 Febbraio 2012 - 20:08

    bello il nick ma soprattutto quello che scrivi ..si vede che "sei sveglio come un pesce"!

    Report

    Rispondi

  • wilegio

    wilegio

    02 Febbraio 2012 - 19:07

    Guardi che noi coglionazzi elettori di Destra lo abbiamo capito benissimo, il perchè dell'attuale atteggiamento di Berlusconi: se la sta facendo sotto. Non ci vuole una grande scienza, non bisogna essere dei bocconiani per arrivarci. Solo che non siamo d'accordo. Noi ci aspetteremmo che saltasse fuori qualcun altro, possibilmente non ammanicato con lui, che prendesse in mano le redini di un Centro-Destra che è ancora maggioritario in Italia e che, insieme a chi ci vuole stare, si assumesse la responsabilità di governare. Farebbe sicuramente meno danni dell'attuale governo tecnico.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog