Cerca

Baby Fornero, due poltrone all'università di mammà

La figlia del ministro prof associato a Torino e responsabile di una fondazione. Elsa: posto fisso per tutti un'illusione

Baby Fornero, due poltrone all'università di mammà

Non uno, ma due lavori tutti vicino, molto vicino a mammà. Lei si chiama Silvia Deaglio ha 37 anni ed è la  figlia del ministro del Welfare Elsa Fornero e del giornalista-prof Mario Deaglio. Silvia è professore associato alla facoltà di medicina dell'Università di Torino e, allo stesso tempo responsabile della ricerca presso la HuGeF, una fondazione che si occupa di genetica, genomica e proteomica umana.

Le strane coincidenze - Come scritto da Libero la figlia del ministro ha cominciato a insegnare medicina, a soli 30 anni, proprio nella stessa università in cui insegnano economia il padre Mario e la madre neoministro. Inoltre è responsabile di “Human Genetics Foundation” che guarda caso, è stata creata dalla Compagnia di San Paolo di cui la Fornero era vicepresidente dal 2008 al 2010, dall’università di Torino in cui insegnano i genitori e dal Politecnico di Torino il cui rettore era nel consiglio direttivo della Fondazione, fino a che non è diventato ministro dell’Istruzione con il nome di Francesco Profumo.
"Ovviamente non c`è nulla di illegale né di irregolare e non nutriamo dubbi sulla competenza della dottoressa Silvia Deaglio,figlia di Mario e di Elsa e collega di entrambi all`università di Torino. Siamo anche sicuri che si tratti di una scelta sobria e in linea con i tempi cupi", ha scritto nei mesi scorsi Libero ma la notizia, già di per sé sorprendente fa un certo effetto  dopo le dichiarazioni del ministro dell'Interno Anna Maria Cancellieri che ha detto che gli italiani sono fermi al posto fisso nella stessa città di fianco a mamma e papà. Bene, a guardare la figlia della Fornero sembrerebbe proprio di sì. La città è Torino, il posto fisso è all'Università della stessa città dove i suoi genitori insegnano. Non solo.  Silvia ha non uno ma due posti, ma il ministro Elsa intervenendo proprio all'Università di Torino ha detto "non si può promettere a tutti l'illusione del posto fisso. Fare in modo che tutti abbiano un pò più di chance e non che un segmento sia protetto a scapito di altri. Non si intende usare la clava ma una parte propositiva di dialogo per cambiare questa società".

I ricchi finanziamenti - Quello che sorprende, oltre al duplice incarico nell'Università di mammà, fa notare il sito del Fatto Quotidiano è che "in un Paese che investe in questo campo meno dell’1% del Pil Silvia Deaglio è riuscita a ottenere dai ministeri della Salute e della Ricerca quasi un milione di euro in due anni (500mila nel 2008, 373.400 e 69mila nel 2009). La Regione Piemonte ha finanziato per 12mila e 6mila euro. ALa Compagnia di San Paolo, quella “vicepresieduta” dalla mamma, nello stesso biennio ha finanziato a Silvia un progetto di ricerca da 120mila euro divisi in due trance da 60mila. Nel 2010 la fondazione “Human Gentics Foundation”, creatura della Compagnia stessa, ha garantito il posto da responsabile di unità di ricerca affidandole un progetto da 190mila euro. Silvia, alla fine dei conti, è una donna da un milione e mezzo di euro".

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • parigiocara

    07 Febbraio 2012 - 11:11

    e questa qui sarebbe il meglio dell'Italia ?????? via !!! e la sua collega cancellieri che le offre la spalla ???????? via anche lei .... ANZI, VIA TUTTO IL GOVERNO, composto di gente insignificante, insolente, arrogante e fancazzista

    Report

    Rispondi

  • parigiocara

    07 Febbraio 2012 - 11:11

    a chi il posto di lavoro non lo trova, non fisso né mobile; e non lo trova vicino a mamma e papà, né lontano da loro. Ha mai pensato la ministra che, qualche volta il posto vicino a mammà può essere necessario se mammà è invalida e non ha nessun altro intorno ??????

    Report

    Rispondi

  • Fairchild

    07 Febbraio 2012 - 10:10

    Lungi da me difendere il direttore, per carità... ma le affermazioni di Fornero e Cancellieri, di fronte alla situazione attuale di tanti di noi, sono talmente ridicole che sbugiardare queste persone mi sembra il minimo. Non ho capito, lontano da casa e con le pezze al sedere ci devono andare tutti tranne le loro bambine?

    Report

    Rispondi

  • Fairchild

    07 Febbraio 2012 - 10:10

    Ci sono figli e figliastri, come i maiali di Orwell " siamo tutti uguali ma alcuni sono più uguali degli altri".

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog