Cerca

Intesa tra Silvio e Pd Ecco cosa può accadere

Berlusconi e l'accordo per riscrivere la legge elettorale. Senaldi su LiberoTv: "Da qui al 2013 tre ipotesi: il dialogo fallisce, riesce o..."

Intesa tra Silvio e Pd Ecco cosa può accadere
Nel colloquio con Salvatore Dama pubblicato domenica 5 gennaio su Libero, Silvio Berlusconi si è sbottonato anticipando la volontà di trovare con il Partito democratico un'intesa sulla legge elettorale. "Perché con questa architettura istituzionale - ha sottolineato l'ex premier - tornare a Palazzo Chigi sarebbe inutile". La priorità, infatti, è ridisegnare una legge elettorale semplificando il panorama politico italiano, "tagliando fuori" in qualche modo le ali estreme e i terzi poli: i due più importanti partiti italiani, Pdl e Pd, riuscirebbero così a ridimensionare il peso di concorrenti eterogenei e di difficile collocazione come Sel, Idv, Futuro e Libertà, Udc, Lega. Secondo voi la scelta di Berlusconi è quella giusta?



Cosa accadrà? - La mossa di Berlusconi, oltre a sparigliare le carte e creare il panico nei partiti, apre almeno tre scenari differenti. Potrebbe essere una sparata per guadagnare tempo, far emergere le divergenze e le paure negli avversari (soprattutto nel Pd, stretto nella morsa Sel/Idv e Terzo Polo), far tornare  a più miti consigli la Lega Nord e, perché no, l'Udc di Casini. Di fatto, la riforma elettorale salterebbe ma avrebbe riconsegnato al Pdl un panorama politico migliore di quello attuale. Seconda possibilità: il dialogo diventa possibile, la riforma elettorale bipartitica diventerà realtà e si arriverà al 2013 con uno scontro frontale tra azzurri e democratici. Terza, e forse più suggestiva ipotesi: Berlusconi, trovando un terreno comune con i democratici, concede una maggioranza solida al governo Monti. Tutto questo permetterebbe al Cavaliere di scegliere poi il proprio candidato per Palazzo Chigi proprio tra le fila di tecnici: Corrado Passera, Elsa Fornero, addirittura lo stesso Mario Monti. Fantapolitica? Di sicuro Berlusconi ha ottenuto quello che voleva: riprendere il pallino in mano.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • pepino2004

    07 Febbraio 2012 - 08:08

    Con i sondaggi del Pdl a picco il buon Silvio spara le ultime cartucce. Ma non c'è da preoccuparsi, sono a salve. Un'epoca è finita, e con essa il sogno del " partito liberale " che non c'è più.

    Report

    Rispondi

  • brunom

    07 Febbraio 2012 - 06:06

    di risanamento del paese un anno non basta, bisogna continuarlo anche nella prossima legislatura. Un accordo PD e PDL di sostegno ad un esecutivo tecnico, otterebbe risultati che i partiti non sarebbero in grado di fare, metterebbe il governo al riparo dai ricatti dei partiti minori, specialmente il terzo polo. Ormai e' chiaro a tutti che il problema del paese e' l'immobilismo ed inefficienza della politica, e questo e' risaputo anche all'estero. In un futuro piu' o meno lontano la responsabilita' potra' tornare ai partiti.

    Report

    Rispondi

  • luan

    07 Febbraio 2012 - 05:05

    Si Signori Della Sinistra Salvatelo Ancora Una Volta Almeno Cosi' Potrete Sbraitare per Altri 5 Anni.Ormai Siete Carne Da macello

    Report

    Rispondi

  • delfino47

    06 Febbraio 2012 - 22:10

    Di certo non le mosse da Voi evocate, nè lo deciderà Berlusconi o Bersani ma gli Elettori sfiduciati, dai tanti ciarlatani che siedono in Parlamento mentre Noi cerchiamo di arrivare a fine mese con DIGNITA' .

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog