Cerca

Berlusconi: "Quanti ingrati in politica"

Il Cav al mensile Usa The Atlantic: "Più opportunisti nei palazzi che negli affari. Ma gli italiani mi amano. E al ristorante..."

Berlusconi: "Quanti ingrati in politica"

Una confessione a cuore a perto, tra leggerezza e amarezza. L'intervista di Silvio Berlusconi al mensile americano The Atlantic è un viaggio a 360° nella vita e nella carriera, nel passato e nel futuro del Cavaliere. "Ho conosciuto più ingrati e più opportunisti in politica che negli affari", ammette l'ex premier, che comunque non rinnega nulla della sua esperienza. E del suo "metodo": "Il mio stile come manager e come leader politico si è sempre basato sulla persuasione e non sulla forza. Non so dare ordini, so come convincere". Sulla possibilità, tramontata, che il Cav potesse diventare il grande liberalizzatore, il Thatcher italiano, Berlusconi fa in parte autocritica: "E' colpa mia perché non sono stato capace di convincere il 51% degli italiani a votarmi. E' colpa degli italiani quella di aver diviso il voto sparpagliandolo tra molti piccoli partiti". Il futuro, del Pdl e del centrodestra, è Angelino Alfano, "ma io sarò il padre nobile, il padre fondatore". Consolazioni? Il presente: "Sono felice con me stesso. Sono tenuto in grande considerazione dalle persone che mi amano. Un terzo del popolo italiano mi ama profondamente e me lo dimostra continuamente. Quando cammino si intasano le strade, se vado al ristorante la gente si alza in piedi e comincia a battere le mani e non pago mai il conto..."

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • curcal

    07 Febbraio 2012 - 23:11

    una nuova legge elettorale che tolga di torno tutti i quaqquaraqua della politica italiana e lasciare al giudizio degli italiani la scelta di chi dovrà guidare il gover no della prossima legislatura con un'ampia, solida e compatta maggioranza, im mune da correnti e colpi d'aria e che non avrà scuse da accampare se non è stata in grado di realizzare le promesse poi non mantenute.

    Report

    Rispondi

  • Libero Di Rino (LDR)

    07 Febbraio 2012 - 21:09

    Berlusconi a furia di parlare sempre di ristoranti sta trasformando la politica in minestrone a spese della povera gente tartassata dalle tasse e afflitti dalla precarietà e miseria! BERLUSCONI!!!!! SVEGLIA!!! Quando andrete a cercare voti siete certi che gli elettori dovrebbero votare un centrodestra uguale alla CASINI-FINI?La gente ha già il dente avvelenato dalle tasse, figuratevi quando sarà il momento della dichiarazione dei redditi e gli ulteriori rincari che causerà l'aumento dell'IVA al 23%! BERLUSCONI CI STAI PRENDENDO IN GIRO! Meglio la LEGA che i CASINI DI FINI!

    Report

    Rispondi

  • cal.vi

    07 Febbraio 2012 - 11:11

    comunque il grande, nei confronti di tutti gli altri nanerottoli politici si intende. Se non mi sbaglio, Cicerone diceva: Se è la gratidudine quello che vuoi, allora adotta un cane.

    Report

    Rispondi

blog