Cerca

Bossi fregato dal Cavaliere: accordo inutile col Pdl?

Vertice tra azzurri e Carroccio, La Russa annuncia l'intesa sul Porcellum con gli uomini di Umberto. Intanto, arriva il sì dal Pd...

Bossi fregato dal Cavaliere: accordo inutile col Pdl?

Mentre gli uomini di Umberto Bossi cercavano un'intesa con il Pdl per scongiurare la riforma elettorale (sicuramente penalizzante per il Carroccio), il Pd diceva sì alla proposta indecente di Silvio Berlusconi: riforme e legge elettorale, si tratta. E così, a rimanere con un mezzo accordo con gli azzurri e un pugno di mosche sono proprio i padani.

Il vertice - L'incontro di oggi tra gli esponenti dei due partiti ex alleati avrebbe dato buon esito. Lo riferisce Ignazio La Russa: "Con la Lega ci siamo trovati d'accordo nell'indicare i difetti e quindi modificarli, dell'attuale legge elettorale". Il coordinatore Pdl ha poi sottolineato come i due punti da cambiare riguardino il premio di maggioranza e la possibilità per i cittadini di poter individuare la persona da eleggere. "Abbiamo individuato l'esigenza - spiega La Russa, che ha partecipato al mini-summit insieme al vicecapogruppo Pdl al Senato Gaetano Quagliariello e al presidente della commissione Affari costituzionali della Camera Donato Bruno - e la necessità di un maggior collegamento tra gli eletti e gli elettori. Si è trattato di un primo giro di orizzonte in cui, oltre alla legge elettorale, abbiamo parlato anche delle riforme costituzionali, come il superamento del bicameralismo perfetto e la riduzione del numero dei parlamentari". Per la Lega erano presenti Roberto Calderoli, Federico Bricolo e Gian Paolo Dozzo. Si trattava del secondo faccia a faccia in poche ore tra Lega e Pdl. Il primo, assai più personale, è stata la cena ad Arcore tra Silvio Berlusconi e Umberto Bossi, lunedì sera.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • scorpio53

    07 Febbraio 2012 - 22:10

    non possiamo cadere nel tranello che i due innamorati ci vogliono proporre. non ce ne frega niente della semplice riforma elettorale, se non si apportano grandi modifiche ai regolamenti del parlamento: i parlamentari che escono dai gruppi, tradendo il così tanto decantato voto diretto, ovvero che tradiscono il mandato degli elettori, devono decadere da parlamentare. soltanto in questo modo non troveremo gente che passa da destra a sinistra e viceversa, avendo una intera legislatura di governabilità.

    Report

    Rispondi

  • doblone

    07 Febbraio 2012 - 18:06

    come si può essere d'accordo sul porcellum!!!!!!!!!!!

    Report

    Rispondi

blog