Cerca

Nel Pdl la fronda anti-Alfano Lo scontro finale sarà in Sicilia

Tra gli azzurri cresce il malcontento contro il segretario. Il test delle amministrative a Palermo lo snodo fondamentale

Nel Pdl la fronda anti-Alfano Lo scontro finale sarà in Sicilia

Il delfino che segue la strada o addirittura supera il maestro? A volte accade, altre no. E' questa la sintesi che meglio potrebbe descrivere la situazione politica di Angelino Alfano da quando il 1° giugno dello scorso anno è stato nominato primo segretario del Pdl del Cavaliere. "La sua situazione è che finché c’è Berlusconi non potrà mai essere il leader e quando non ci sarà Berlusconi, non lo sarà lo stesso – spiega al quotidiano Il Riformista un ex ministro azzurro che sceglie l'anonimato –. Chi sceglie il galleggiamento prima o poi affoga". Una frase sinistra che la dice lunga su come, nel partito, sia cambiato il clima attorno all'ex ministro della Giustizia.

La partita palermitana - Sulla stessa linea d'onda paiono essere anche molti politici di via dell’Umiltà, ex An come Denis Verdini e Daniela Santanché, ed esponenti di spicco del partito come Claudio Scajola e il governatore lombardo Romberto Formigoni. Sembra esserne cosciente Alfano stesso, che dopo un lungo corteggiamento al Terzo Polo si ritrova ora in crisi nel tentativo di intessere un'alleanza per le prossime amministrative siciliane. Dopo le dimissioni di Cammarata a Palermo e senza un possibile candidato, Angelino avrebbe chiesto a Casini: "Pier dammi una mano in Sicilia, le cose si stanno mettendo male. E se perdo le amministrative sono morto. Nel partito - la dichiarazione è riportata sempre da Il Riformista - mi sbraneranno i falchi, non aspettano altro". Se Alfano perdesse la sua Sicilia sarebbero dolori.

Delfino spiaggiato? - E'  proprio per le elezioni a Palermo che potrebe naufragare il progetto di leadership dell'ex guardasigilli. Il fu democristiano si trova al timone di una creatura politica, il Pdl, che dalla sua fondazione non aveva mai conosciuto una simile crisi di consensi (gli ultimi sondaggi danno il partito a poco più del 20%, a diversi punti percentuali di distacco dal Pd di Bersani). Anche i diversi sostenitori che ha tra gli azzurri, su Alfano, nelle ultime settimane hanno scelto il silenzio. Il grande vecchio del Pdl, Silvio Berlusconi, continua a difenderlo e spiega che è giovane, che deve crescere. Ma il Cavaliere in parallelo ha stretto anche un fitto dialogo con Corrado Passera, il nuovo superministro con triplice dicastero (Sviluppo Economico, Infrastrutture, Trasporti). Che Alfano rischi di fare la fine dei troppi delfini (spiaggiati) della storia repubblicana del Belpaese?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • piccioncino

    09 Febbraio 2012 - 19:07

    Credo che la gente sia (giustamente) molto perplessa verso gli ex democristiani..che..oltretutto..fanno la corte ad altri ex DC....Il centro destra ha bisogno di un leader carismatico forte,..e soprattutto.. anche del lucido coraggio di fare una bella ripulitura al suo interno..Non vedo come soggetti deboli, evanescenti, altamente compromissori..come Alfano,..ed.. altri compromessi e/o ambigui, poco credibili..(a vario titolo)..come Scaiola, Pisanu, Mussolini e.. molti altri opportunisti/equilibristi..possano offrire una decente linea politica..ed attrarre l'elettorato moderato, rigoroso, alternativo..della destra liberale e riformista..Bah??!!

    Report

    Rispondi

  • iltrota

    09 Febbraio 2012 - 18:06

    Half-ano è un uomo di carta messo lì dal filibus-cavaliere Burlesque per tamponare la situazione che era diventata insostenibile anche per un ometto duro come Silvio!! Qualcuno dei berluscones e degli osservatori politici ha veramente creduto che Angelicchio potesse fare veramente il "capo" del PdL? Il PdL (Predellino dei Loschi) è nato con Berlusconi, e con lui morirà!!!

    Report

    Rispondi

  • ggp1964

    09 Febbraio 2012 - 18:06

    ma ancora perdiamo tempo con i vari compagni di merenda.Cazzo, cambiamo sto cavolo di partito.Vai avanti Angelino.

    Report

    Rispondi

  • marco70

    09 Febbraio 2012 - 18:06

    se cambia la legge elettorale altro che collegi sicuri...molti scompariranno...se Alfano si candidasse alle comunali di Palermo nn sarebbe neanche eletto consigliere...d'altronde Schifani alle comunali precedenti prese poco più di 1000 voti....è finita la pacchia...devono andarsi a prendere i voti sul territorio nn nomine ad arcore....son finiti...da destra a sinistra.....

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog