Cerca

Al Cavaliere mitra e cammelli Per Prodi una pistola d'oro

Tutti i doni ricevuti dai politici. Ma ora che Monti dice di restituirli è panico: che farà Giarda di quelle casse di vino?

Al Cavaliere mitra e cammelli Per Prodi una pistola d'oro

Il professor Monti ha gettato scompiglio con la sua bizzarra circolare: "Cari colleghi, d'ora in poi dovrete seguire il codice etico e restituire tutti i regali ricevuti e il cui valore sfora i 150 euro". I problemi sono molteplici. Primo, come valutare i doni? Il Pdl Crosetto con ironia suggerisce di "istituire un'authority per la valutazione dei regali". I sobri ministri Giarda e Severino, invece, secondo quanto riporta il quotidiano La Stampa, discutevano animatamente su cosa fare delle quattro confezioni di vino che per Natale erano state recapitate al titolare del dicastero dei Rapporti con il Parlmento. Anche la Severino aveva i suoi dubbi: e il vaso da tavolo quanto sarà costato? Più o meno di 150 euro? Mistero.

L'intransigente Cossiga - La circolare di Monti, insomma, rischia di scardinare la tradizione dei regali (ma ne siamo così sicuri?). In verità, in passato, ci fu un campione assoluto di morigeratezza. Si tratta di Francesco Cossiga, il più severo di tutti, che riconsegnava ogni regalo ricevuto a qualsiasi titolo 'subappaltando' la riconsegna a due carabinieri. Spulciando tra i doni del passato, invece, la plama del più bizzarro se l'è aggiudicata quello ricevuto da Romano Prodi dal re saudita: un Winchester con diamanti e zaffiri. Simile regalo fu recapitato al ministro della Difesa di Mortadellone, Arturo Parisi: una pistola in oro massiccio. L'allora direttore del dipartimento dell'Economia, Francesco Boccia (dal 2006 al 2008), spiega che Prodi devolveva tutto allo Stato, ed era stato creato un apposito magazzino dove accatastare tutti i doni.

Gheddafi e il Cav - In anni più recenti, invece, il fuoriclasse del dono assurdo fu lo scomparso colonnello libico, Muammar Gheddafi. Il raìs, prima della carambolesca fine che ribaltò tutte le sue relazioni, aveva un rapporto confidenziale con Silvio Berlusconi, al quale regalò due cammelli: un siparietto indimenticabile. Tra gli altri regali del Colonnello al Cav un fucile, l'ultimo appartenuto ai soldati italiani in Libia, diverse camicie e una parure di capi d'abbigliamento arabi. Berlusconi, nel corso di un viaggio in Kazakhstan, ricevette una scimitarra; un emiro invece gli consegnò una mitragliatrice d'oro. Ma a Silvio, i regali, piaceva anche farli: non prese benissimo quella volta in cui donò degli orologi ai coniugi Blair, che la coppia rivendette appena tornata in patria.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • bruno osti

    11 Febbraio 2012 - 12:12

    Un altro che non legge! L'articolo dice: "...Simile regalo fu recapitato al ministro della Difesa di Mortadellone, Arturo Parisi: una pistola in oro massiccio."

    Report

    Rispondi

  • bruno osti

    11 Febbraio 2012 - 12:12

    Non ha letto bene l'articolo: "...L'allora direttore del dipartimento dell'Economia, Francesco Boccia (dal 2006 al 2008), spiega che Prodi devolveva tutto allo Stato, ed era stato creato un apposito magazzino dove accatastare tutti i doni."

    Report

    Rispondi

  • nlevis

    11 Febbraio 2012 - 09:09

    mi chiedevo se avrebbero dovuto affittare un magazzino: niente paura c'era già. Non possiamo proprio proporre nulla ai politici per proteggere i loro beni: hanno pensato a tutto, a priori.

    Report

    Rispondi

  • iltrota

    10 Febbraio 2012 - 22:10

    Da che pulpito vien la predica! Anzitutto si scrive "nickname", mi consenta, quindi si studi l' inglese. Riguardo alle patacche, si documenti meglio e vada a rivedere un po' di interviste a tante ragazzotte che hanno frequentato l' innominabile!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog