Cerca

Scandalo Margherita, Lusi adesso fa ricorso contro il Pd

L'ex tesoriere di Rutelli, indagato per il buco da 13 milioni, accusa i democratici: "Mi hanno espulso senza motivo"

Scandalo Margherita, Lusi adesso fa ricorso contro il Pd

Non c'è Margherita senza spine, ma solo per il Partito democratico. Luigi Lusi, l'ex tesoriere del partito di Francesco Rutelli indagato per aver stornato 13 milioni di euro sui propri conti personali, farà ricorso al tribunale civile contro il Pd "perché penso che la decisione del partito democratico di estromettermi da tutto mi è sembrata fuori dalla misura e dalle regole". Ad annunciarlo è stato lo stesso senatore, oggi nel gruppo misto dopo essere stato sospeso dal partito di Bersani, in un'intervista ai microfoni di Radio Città Futura. "Sto vivendo giornate particolarmente difficili - ha spiegato Lusi - ma ciò che più mi crea problemi è che ho preso un impegno di non parlare e quindi non potendo rispondere a numerose stupidaggini che sento e che leggo questo mi crea numerosi problemi". Per quanto riguarda il contributo ai partiti Lusi ha aggiunto: "Ho già detto in un dibattito pubblico che noi dovremo tramutare il nostro sistema con quello europeo che è apparentemente più burocratico e farraginoso ma sicuramente molto più certo dal punto di vista della destinazione delle risorse".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • lulumicianera

    14 Febbraio 2012 - 15:03

    ma come ragiona questo coso? Invece di andarsi a nascondere vuole ancora a vere ragione .La faccia tosta di certa gente non ha fine

    Report

    Rispondi

  • Cini

    14 Febbraio 2012 - 10:10

    Poveraccio il Lusi, cos´è che ha poi fatto di così male da essere espulso in tronco dal suo partito, si è infatti soltanto impossessato di 13 milioncini mentre ad altri come il Penati indagato per reati molto più gravi di corruzione e concussione e così pure diversi altri membri dell´onorata Casta che si sono intascati molto ma molto di più truffando a destra e manca, la Commissione di garanzia ha adottato una sospensione cautelare o la possibilità di dimettersi volontariamente. Tipica giustizia partitocratica e penale all´italiana.

    Report

    Rispondi

  • Cini

    14 Febbraio 2012 - 09:09

    La migliore difesa che Lusi possa oggi mettere in atto contro la sua immediata espulsione dal PD e domani di fronte ai giudici nei tribunali consisterebbe nell'attaccare sputando fuori i nomi di coloro che hanno collaborato direttamente o indirettamente con lui semplicemente chiudendo uno od entrambi gl'occhi per fare sparire 13 e probabilmente molti di più milioni del partito o per essere più precisi dei cittadini. È chiaro che il Lusi non avrebbe potuto compiere una tale complessa operazione di furbizia da solo senza l'aiuto da parte di coloro che non potevano non sapere e che pertanto devono di certo aver ricevuto parte del bottino come ricompensa. Si rivelerà una faccenda alquanto interessante a meno che non decidano di occultare il tutto così come stanno facendo per il Penati. Tanto noi cittadini ci siamo, da ormai decenni adattati ad essere presi per i fondelli!.

    Report

    Rispondi

  • maupi55

    13 Febbraio 2012 - 18:06

    Questo è un bel detto che ho imparato da alcuni autorevoli romani quando ho chiesto a loro un parere sui parlamentari che conoscevano. Ritengo non servano ulteriori commenti in quanto ogni giorno ne abbiamo conferma...

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog