Cerca

Renzi, Genova sul conto Pd: candidati sbagliati, "si cambi"

Il sindaco di Firenze a Belpietro: "Il flop alle primarie non è questione di regole. Dal 2013 cambiare la classe dirigente"

Renzi, Genova sul conto Pd: candidati sbagliati, "si cambi"

Non è una questione di regole, ma di candidato sbagliato. Il sindaco di Firenze Matteo Renzi, ospite del direttore di Libero Maurizio Belpietro a La telefonata su Canale 5, va dritto al sodo e punta il dito contro i vertici del Partito democratico all'indomani della batosta alle primarie di Genova, dove il vendoliano Marco Doria ha battuto le due candidate democratiche Vincenzi e Pinotti. "Se perdi alle primarie, vuol dire che hai sbagliato il candidato, è inutile accanirsi contro le regole", spiega il rampante sindaco Pd, che torna a invocare una rottamazione generale: "Dopo il governo Monti, per vincere le elezioni bisogna cambiare la classe dirigente, è un consiglio - precisa Renzi - che vale per entrambi gli schieramenti". Dito puntato anche contro i casi di malversazioni e corruzioni, ultimo quello che ha coinvolto il senatore democratico Lusi, ex tesoriere della Margherita: "Cambiamo il sistema del finanziamento pubblico dei partiti - incalza Renzi a La telefonata -. Se Lusi fosse stato un mio dipendente sarei andato a prenderlo a casa".

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • amb43

    15 Febbraio 2012 - 11:11

    Sono d'accordissimo con Renzi : ma attento, il PD non tivuole, perchè non ama le critiche !

    Report

    Rispondi

  • amb43

    15 Febbraio 2012 - 11:11

    Sono d'accordissimo con Renzi : ma attento, il PD non tivuole, perchè non ama le critiche !

    Report

    Rispondi

  • sparviero

    14 Febbraio 2012 - 22:10

    Ovvia Renzi, te tu un ci poi più stare con codesti grulli.

    Report

    Rispondi

  • spalella

    14 Febbraio 2012 - 15:03

    Ha ragione Renzi..... c'è da buttare via tutte le vecchie facce della vecchia politica... tra l'altro la maggior parte sono anche dei vecchi che rifiutano di morire pur avendone l'età e l'ìnutilità.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog