Cerca

Lo svuota carceri ora è legge Severino: "Non è un indulto"

La norma approda alla Camera con 385 voti favorevoli. Nel Pdl qualcuno si sfila. Il ministro: "Nessuna resa dello Stato"

Lo svuota carceri ora è legge Severino: "Non è un indulto"

Il dl carceri è stato approvato dall’Aula della Camera con 385 voti favorevoli. Sono stati 105 i voti contrari e 26 gli astenuti. Il voto di fiducia chiesto dal Governo sul provvedimento era passato, la settimana scorsa, con 420 voti a favore.  Il Pdl non ha votato compattamente per il decreto contro il sovraffollamento delle carceri in Aula alla Camera. Contro il testo si sono espressi 29 deputati del Popolo della libertà, mentre sei si sono astenuti.

"Non è un indulto" - Il ministro della Giustizia interviene subito dopo l'approvazione del dl carceri."Non è un indulto mascherato né resa dello Stato alla delinquenza". "Nessuna delle norme del decreto - sottolinea il Guardasigilli - appare idonea ad attentare alle istanze di difesa sociale, così come da alcuni paventato. Ho sentito a tal proposito i toni piuttosto accesi di chi, puntando il dito verso di me ha dichiarato che sarò responsabile di tutte la conseguenze di questo decreto. Ora - aggiunge il ministro -  se con il termine responsabile si intendeva dire che sarò colpevole, bene devo dire che mi sento molto più colpevole delle morti in carcere per suicidio che delle conseguenze di un decreto che dovrebbe contribuire a salvare il carcere dallo stato di degrado in cui attualmente si trova".

Replica la Lega - Arrivano i primi commenti critici dei leghisti dopo l'approvazione alla Camera del dl carceri. "E' arrivato l’ennesimo aiuto da parte di un governo che è più vicino ai delinquenti che ai cittadini  e agli enti locali che non hanno risorse per il personale". Lo scrivono in una nota congiunta i deputati della Lega Nord, Matteo Bragantini e Giovanna Negro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • osicran2

    16 Febbraio 2012 - 16:04

    Come si suol dire: il dado è tratto! Ho forti dubbi che la cura possa funzionare, speriamo bene! Ora è necessario fare il resto e cioè mettere in funzione le carceri già costruite e costruirne altre; assegnare altre risorse di mezzi e uomini al comparto; velocizzare i processi; ridurre i gradi di giudizio e responsabilizzare gli addetti ai lavori. In ogni caso, il decreto svuota carceri non è minimamente paragonabile alle amnistie ed agli indulti delle passate legislature ! Se il primo può valere (-1), gli altri interventi valgono almeno (-10), considerati i colpi di spugna dati a destra e manca consapevolmente od inconsapevolmente oltre allo svuotamento delle carceri obbiettivo primario.

    Report

    Rispondi

  • ferrarigiuliano

    16 Febbraio 2012 - 12:12

    entro un mese i "fuorusciti" torneranno dentro...avendo combinato qualche altro reato. Motivo: mancanza di soldi e lavoro! Nei due casi si recupera solo i primi!

    Report

    Rispondi

  • il leghista monzese

    15 Febbraio 2012 - 22:10

    Cari amici, non credo ci sia bisogno di altro, per documentare quanto superficiali siano gli Italiani. Sempre pronti a pontificare inutilmente sulle cose appunto INUTILI, e sempre ahimè ASSENTI sule cose importanti. Per questo che stiamo andando alla malora!!!! A me comunque il MOSTRO SACRO di Sanremo non è dispiaciuto, ha detto a suo modo alcune verità ne piu ne meno di tanti altri che si o ci vengono quotidianamente propinati dal CIRCO MEDIATICO. AMEN

    Report

    Rispondi

  • sandros

    15 Febbraio 2012 - 14:02

    A noi normali non interessa come viene chiamato. Quello che sappiamo è che d'ora in poi circoleranno migliaia di delinquenti in più e, a differenza dei ministri di oggi o passati, non abbiamo difese da opporre a questo schifo. Ringraziamo i nostri beneffattori.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog