Cerca

Nuova bordata contro Tosi: "dimesso" dal parlamentino

I vertici della Lega tolgono al sindaco di Verona la carica di vicepresidente del Parlamento padano: Dozzo al suo posto

Nuova bordata contro Tosi: "dimesso" dal parlamentino

Un nuovo colpo per Flavio Tosi, il sindaco maroniano di Verona, che è stato "dimesso" dal ruolo di vicepresidente del parlamento della Padania. Tosi è stato sostituito nella carica che ricopriva assieme a Federico Bricolo e Roberto Castelli: al suo posto Gianpaolo Dozzo, recentemente nominato capogruppo del Carroccio alla Camera. La scelta di sostituire Tosi sarebbe legata al fatto che gli impegni da primo cittadino scaligero gli impedivano una presenza costante nel parlamento padano: non è mai stato presente, finora, alle quattro convocazioni dell'ufficio di presidenza del parlamento padano, riaperto dopo il passo indietro di Berlusconi e l'inizio dell'era Monti.

Dissidi nel Carroccio - La motivazione ufficiale non può però distrarre dall'idea che dietro alla mossa ci sia una precisa volontà della Lega Nord, del cerchio magico e dei fedelissimi di Bossi in particolare, di indebolire Tosi, molto popolare tra i militanti leghisti e uomo fidatissimo di quel Roberto Maroni che sembra mirare alla leadership del partito cavalcando i militanti a lui fedeli, i cosiddetti 'barbari sognanti'. Inoltre Tosi, negli ultimi tempi, non ha esitato ad assumere posizioni poco in linea con querlle del partito, spiegando di essere molto nazionalista, di non credere alla secessione e di riputare il programma della Padania solo un concetto filosofico e senza concretezza. Inoltre, il sindaco di Verona ha recentemente espresso la volontà di presentarsi solo alle prossime amministrtive, con una lista civica, una soluzione che però gli è stata vietata dai vertici della Lega. Ma Tosi non molla, e ha minacciato di rinunciare alla candidatura.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Alessio1

    20 Febbraio 2012 - 10:10

    Via dalla Lega Nord i delinquenti mafiosi democristiani come Tosi, Raineri, Pini, Fontana, Salvini etc... Pini è già indagato.... Adesso toccherà a qualcun altro....

    Report

    Rispondi

  • doblone

    19 Febbraio 2012 - 12:12

    E anche la lega vuole scomparire,tanto chi doveva farsi un pò di soldi è a posto,per il resto fxxxxxx

    Report

    Rispondi

  • wilegio

    wilegio

    19 Febbraio 2012 - 10:10

    Il cerchio magico ha i giorni contati, ha perso completamente la fiducia e l'appoggio della maggior parte della "base" e sta dibattendosi come un pesciolino preso nella rete. Maroni, Tosi, Pini e i loro sono vincenti su tutta la linea. Ormai questi gesti plateali da parte della vecchia dirigenza non possono portare altro che a nuovo livore e risentimento nei loro confronti. Siamo tutti con Maroni e Tosi.

    Report

    Rispondi

  • gully87

    19 Febbraio 2012 - 02:02

    Al Parlamento della Padania tosi era presente tutte e 4 le volte!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog