Cerca

Altri fischi per Napolitano Sardegna, tour del disonore

Il presidente della Repubblica contestato a Sassari da indipendentisti e lavoratori: accusato di essere un uomo delle banche

Altri fischi per Napolitano Sardegna, tour del disonore

Nuove contestazioni per Giorgio Napolitano in Sardegna. Indipendentisti sardi, Movimenti anti Equitalia, ed esponenti del Partito comunista dei lavoratori. Tra i cartelli degli slogan, il Presidente viene definito "uomo delle banchè e il Governo Monti 'Infamè. “Lo contestiamo perchè non ci  ha ricevuto”. Lo ha detto all’Adnkronos il leader del Movimento   pastori sardi, Felice Floris, in merito alle contestazioni al   presidente della Repubblica Giorgio Napolitano al suo arrivo al Teatro  comunale di Sassari per le celebrazioni del 450° anniversario della   fondazione dell’Università e del 150° dell’Unità d’Italia. Pastori,   popolo 'partite ivà, 'movimento anti-Equitalià, trasportatori e   'liberi commerciantì hanno contestato Napolitano “perchè non ci ha   ricevuto anche qui a Sassari, come ieri a Cagliari”, spiega Floris.   “Abbiamo sempre in mente - ha detto Floris - cosa ci è stato   fatto a Civitavecchia quando ci fu impedito di Raggiungere Roma e   abbiamo in mente la lettera che gli abbiamo mandato il 10 gennaio   2011, quale garante dei diritti costituzionali, alla quale non ci ha   mai risposto. Noi chiedevamo il diritto costituzionale di manifestare   e di muoverci liberamente”. 

La difesa del ColleIl presidente della Repubblica ha denunciato oggi la necessità di affrontare una crisi economica che in Sardegna è particolarmente grave, "per vari aspetti drammatica" ma "nella piena consapevolezza del contesto in cui ci troviamo, vale a dire un’Unione europea in seria difficoltà e in un mondo radicalmente cambiato".   Bisogna, ha spiegato rispondendo alle domande di alcuni studenti dell’università di Sassari, "far valere gli impegni assunti nei confronti della Sardegna e che non sono stati rispettati".   Rivolgendosi poi a "chiunque alzi la voce per protestare", Napolitano ha detto che contestare è "legittimo purchè non si sconfini nell’illegalità e nella violenza". E soprattutto "non si tratta di ricorrere a formule ideologiche, ma di considerare le basi serie per lo sviluppo in un contesto europeo molto critico"

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • peppino 27

    22 Febbraio 2012 - 14:02

    Come definite coloro che prendono le difese di un individuo che oltre a costarci il doppio di un monarca ha anche ucciso la democrazia rifilandoci un presidente del consiglio spacciandolo per un genio Chi sono costoro? Sono coloro che ancora credono a colui che oltre a costarci il doppio di un sovrano ha anche decretato la fine della democrazia rifilandoci una sola quale quella dell'attuale presidente del consiglio e dei suoi complici.

    Report

    Rispondi

  • bruno osti

    22 Febbraio 2012 - 12:12

    Me se Berlusconi stà esternando in ogni dove, che è stato lui stesso, Burlesque, a suggerire Monti a Napolitano, avendolo già scelto anni addietro per una carica in Europa!! Come la mettiamo, allora? per quanto riguarda i costi, non è che la Presidenza del Consiglio con Lui costasse molto meno. Dove eravate prima?

    Report

    Rispondi

  • bruno osti

    22 Febbraio 2012 - 12:12

    dopo esservi svegliati dal sogno ed aver riscontrato che rischiate di arrivare ad un 10/15%; che rischiate di non fare le primarie (tanto derise quando le faceva il CSX) causa la massa di schede false; che dovete cambiare l'inno (e forse il simbolo, in comproprietà con Fini!!!) nella speranza di risolvere i vostri guai e che probabilmente sparirete dalle amministrazioni locali, vi è concesso di sfogarvi con questa baggianata. Nel frattempo, prendete coscienza che Napolitano è benvoluto dal 90% degli italiani: di conseguenza anche da elettori di CDX. E forse è questo che vi rode di più. Sentite condoglianze e senza rimpianti

    Report

    Rispondi

  • aldo47

    22 Febbraio 2012 - 07:07

    Povero presidente,si lamenta pure basta vedere i costi del suo enturage di chi si è contornato anzi chi ha scelto per farci governare con ordini ben definiti made in ggermani ed altri,nessun banchiere tutti provenienti da settori industriali,artigiani,ecc.. presidente ti devi abituare è ancora presto.Buona giornata a tutti agli onesti che lavorano sono.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog