Cerca

Monti rimangia la promessa Tasse giù? Si deve aspettare

Il premier dopo l'Eurogruppo: "In Grecia un risultato importante, scongiurato il contagio. Ma si poteva fare prima"

Monti rimangia la promessa Tasse giù? Si deve aspettare

Per un calo delle tasse "è necessario aspettare", ha spiegato il premier Mario Monti al termine della riunione dell'Eurogruppo, alla quale il prof ha partecipato in qualità di ministro dell'Economia. Nel Consiglio dei ministri di venerdì, ha spiegato, "non ci saranno misure di riforma fiscale ma di semplificazione fiscale". Il presidente del Consiglio ha sottolineato che comunque le risorse della lotta all'evasione dovranno "rifluire in un beneficio alla collettività". L'obiettivo, come già trapelato negli ultimi giorni, è quello di costituire un Fondo "in cui far affluire i proventi della lotta all'evasione", ma il governo si muove "con i piedi di piombo" e "non ha contabilizzato i benefici" della lotta ai furbetti.


Stoccata alla Merkel - Al centro dell'attenzione c'è anche il caso Grecia, il cui crac, almeno nell'immediato, è stato scongiurato grazie allo sblocco della nuova tranche di aiuti pari a 130 miliardi di euro. "Il risultato della Grecia è importante perché toglie immediati rischi di contagio - ha spiegato Monti - e perché porta un Paese molto importante per l'Europa verso la riconciliazione. Toglie il rischio più preoccupante, che è quello della deviazione dell'euro a fattore di disgregazione e tormetno reciproco tra Paesi". Quindi il prof rivolge un ringraziamento, esprimendo "gratitudine", a Francia e Germiania per l'atteggiamento tenuto nei confronti dell'Italia "fin dal primo momento". Quindi una stoccata alla Merkel:" Forse si poteva agire più rapidamente a cominciare da due anni fa per risolvere la crisi del debito greco". Una frase chiama direttamente in causa la Cancelliera, che tante volte ha frenato sugli aiuti al Paese ellenico.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • sdavids

    22 Febbraio 2012 - 09:09

    Uomo non credibile, legato a lobbies oltre confine di cui non ne usciamo facilmente.

    Report

    Rispondi

  • alvit

    22 Febbraio 2012 - 09:09

    Il nostro presidente Berlusconi sta facendo un errore enorme, appoggia questo governo e se ne accorgerà, ma il colmo dei colmi è che il tuo partitino, quello degli arraffa tu che arraffo anche io, protetto con lo scudo togato e ermellinato, nella persona del furbo fra i furbi, bersanosky, non solo ha dato l'appoggio incondizionato al montagnola di mer@@, ma ha approvato il blocco delle pensioni, l'aumento dei balzelli, e sta accondiscendendo a tutto ciò che viene fatto, CONTRO LA POVERA GENTE. Lo strano è che ci sono personaggi come te che applaudono e irridono il CDX, mentre dovrebbero prendere a calci in ku@@ i propri leader e opporsi a tutto ciò.Hanno pubblicato i redditi dei buffoni, chissà se ci sarà qualche bel komunistone tipo te, che urlerà la propria disapprovazione a questi boiardi di stato. Dubito, sono quasi tutti sinistri e beceri come te.Abbiamo un governo presidenziale con i ministri komunisti? Si vede che lo meritiamo, molti di noi fanno spallucce ma voi peones??

    Report

    Rispondi

  • encol1

    22 Febbraio 2012 - 09:09

    Va tutto bene prof. ma i tagli alla CASTA quando arrivano? Tagli, ben inteso che non si tratti della ridicola riduzione di 200 parlamentari altrimenti significa che ci state prendendo per una massa di Idioti. LA CASTA naturalmente è un esempio perchè in questo paese c'è tutto da tagliare. Limitarsi agli aumenti di tasse, benzina, pedaggi, ecc. beh tutti ne sono capaci, basta avere a disposizione un popolo bue che accetta passivamente senza ribellarsi.

    Report

    Rispondi

  • D.P.F.

    22 Febbraio 2012 - 08:08

    Fra le dichiarazioni di Monti e quelle della Fornero sorge un dubbio. Che questo governo, fortemente voluto da Zar Georgios come taumaturgico per correggere le storture italiane, in effetti tiri a campare, fra l'altro accanendosi solo contro gli inermi - leggi salariati e pensionati - rimandando ogni importante decisione al 2013 quando, forse, speriamo, magari, ci saranno delle elezioni popolari e M (ve ne ricordate un'altra di tempo fa ?) dovrà lasciare il passo ad eletti con suffragio generale.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog