Cerca

Maroni fa le prove da Bossi megacena con 500 militanti

Bobo impegnato in un tour fittissimo di incontri nel nord Italia. Lunedì appuntamento in un hotel di Milano, il Senatur "infastidito"

Maroni fa le prove da Bossi megacena con 500 militanti

Impegnato in un tour di almeno un comizio a settimana, Roberto Maroni sarà a Milano, lunedi” sera, per una cena con i militanti in un grande albergo alla periferia della città. L’ex ministro dell’Interno sta rispettando l’impegno preso di accettare tutti gli inviti che gli sono arrivati nei giorni della direttiva-bavaglio (oltre 400, disse allora). Ed è impegnato in un tour di incontri pubblici, in giro per il Nord Italia. Ieri sera è stato a Vigonza, in provincia di Padova, lunedì a Parma, prima altre tappe in Lombardia: Senago, Canzo, Pavia, Bergamo (qui con Umberto Bossi e Roberto Calderoli, però) e a Castiglione delle Stiviere, nel Mantovano. In genere, dopo il comizio segue la cena con alcuni dirigenti e un gruppo di militanti locali. Il tour maroniano è visto come fumo negli occhi da alcuni dirigenti del Carroccio. Lo stesso Bossi ha palesato, sul palco, a Bergamo, una manifesta insofferenza per il troppo entusiasmo dimostrato dalla base per il Bobo. Ed è probabile che, in via Bellerio, qualcuno non gradirà particolarmente l’appuntamento di lunedì, una grande cena con la base, un tipo di iniziativa che finora era riservata al segretario federale.

L’appuntamento, alle 20, al Novotel di via Suzzani (zona Niguarda), è organizzato dalla segreteria provinciale di Milano che finora ha raccolto circa 500 adesioni tra "militanti, categorie produttive, professionisti e associazioni di volontariato. Monti e Pisapia stanno massacrando la gente del Nord e di Milano - sostiene, in una nota, il segretario provinciale Igor Iezzi -. Lavoratori, pensionati e imprese sono sempre più in difficoltà. A difenderli è rimasta la Lega, l’unica opposizione alla grande coalizione formata da Bersani e Berlusconi. Per questo aumentano ogni giorno i cittadini che vedono nel Carroccio l’unica risposta ai loro problemi. Come dimostra l’alta adesione avuta da professionisti, persone del mondo del volontariato e delle categorie produttive avute per questa iniziativa".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Daniele Roscia

    27 Febbraio 2012 - 07:07

    Piu' che una serpe, mi sembra un codardo. Lo era nel 1994 poi ha vissuto a corte, per opportunismo, ora non ha il coraggio di sfidare direttamente Bossi, se questo e' un'uomo?

    Report

    Rispondi

  • godia

    26 Febbraio 2012 - 08:08

    La verità fa male a qualcuno? Non posso credere conoscendo Libero non da ora,ma da sempre.

    Report

    Rispondi

  • aifide

    25 Febbraio 2012 - 17:05

    .......diventa troppo tardi fermarlo. Bossi avrebbe dovuto accorgersi ben prima di quanto Maroni "tramava" alle sue spalle. E cos' anche la lega si spacca...........con somma gioia della sinistra che, tuttavia, non solo non riesce a compattarsi - l'enzima Berlusconi non c'è più - ma divide il PD in 21 microcorrenti. E alla fine, purtroppo, rispunterà la DC............

    Report

    Rispondi

blog