Cerca

Berlusconi batte pm 25-0 eppure Silvio non gode

Processo Mills, Cav prosciolto per prescrizione ma avrebbe voluto di più: "Sono innocente!". Resta il flop dell'accusa: nuovo spreco di soldi e tempo

Berlusconi batte pm 25-0 eppure Silvio non gode

Chiedimi se sono felice? E lo è, Silvio Berlusconi. Zero dubbi al riguardo. Ok, l’ex presidente del Consiglio deve fare quello che «era meglio l’assoluzione perché io sono innocente». È la strategia di Niccolò Ghedini. Che sta valutando la presentazione del ricorso in Appello contro la sentenza Mills, «ma solo se lo fa anche la procura». L’avvocato rimane in surplace con il pm De Pasquale: fermi, studiano le rispettive mosse.  

Berlusconi invece è una trottola. È a Villa Certosa quando riceve la notizia. Poi  nel pomeriggio rientra a Milano, nel quartier generale di via Rovani. Poche balle: «Alla fine c’è da essere soddisfatti», confessa Silvio agli amici che lo raggiungono al telefono. Tira un mega sospiro di sollievo, alimentando la tramontana che batte il Nord della Sardegna: «Il proscioglimento per prescrizione è la prima notizia su tutti i siti di informazione del mondo. Pensa che sputtanamento planetario se mi avessero condannato...». Meglio non pensarci. Il Cavaliere già guarda avanti: «Da domani bisogna sotterrare l’ascia e dialogare con la sinistra per riformare la giustizia». Argomenta meglio: «Io mi sono fatto da parte e non ho più sulla testa la spada di Damocle  di una possibile condanna per corruzione. Se in passato i nostri avversari sostenevano che l’ostacolo ero io, ora non hanno più alibi. Adesso c’è il clima giusto».

 Ammette di «aver apprezzato la misura delle dichiarazioni di molti esponenti del Pd». Molti, ma non tutti. Le parole di Bersani, che chiede a Berlusconi di rinunciare alla prescrizione, irritano Silvio. E parecchio: «Ma come si fa a dire cose del genere?». Lui continua a  rivendicare la sua innocenza. Lo fa in maniera ossessiva: «In quelle carte non c’era nulla, è un processo inventato dalla pubblica accusa». Berlusconi ha parole di duro biasimo per i magistrati «incompetenti» che «non sanno neanche calcolare i tempi della prescrizione di un processo». Ed è per evitare «il ripetersi di queste situazioni» che bisogna «riformare la giustizia». Divisione delle carriere tra magistratura inquirente e giudicante, poteri di indagine alla politizia giudiziaria, due Csm, nuovi sistemi di elezione della Corte Costituzionale. Domanda: il Pd ci starà? Non è questo il giorno giusto per chiederlo. Magari tra una settimana, quando l’eccitazione giustizialista di ritorno si sarà ammosciata. A patto che l’altro processo del Cavaliere (quello “Ruby” per concussione e prostituzione minorile) non faccia da diaframma. 

Ma per un giorno Silvio distoglie lo sguardo. Milan-Juventus è il divertissement: «Se fossi stato condannato...», no, Berlusconi non avrebbe avuto voglia di farsi vedere allo stadio: insopportabile, per lui, il rischio di eventuali contestazioni. Invece l’ex presidente del Consiglio arriva a San Siro. Con un sorriso sponsorizzato Durban’s: «Mezza giustizia è fatta», la battuta che regala ai taccuini. Poi siede in tribuna tra Galliani e la figlia Barbara, coccolato dai cori dei tifosi: «Sil-vio! Sil-vio!».      

di Salvatore Dama

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • otello52

    27 Febbraio 2012 - 09:09

    e di cosa può essere soddisfatto?? il reato si è prescritto e dunque non è più giudicabile. il processo non si è chiuso a suo favore per non aver commesso il fatto o perchè il reato non sussiste. se l'è scappottata. e questo lo capiscono tutti anche i giornali stranieri. non credo che la questione si sia chiusa con onore. leggeremo le motivazioni della corte quando le presenterà. ed allora, temo per lui, ci sarà ancora meno da essere soddisfatto.

    Report

    Rispondi

  • GerolamoCardano

    27 Febbraio 2012 - 02:02

    Resta da spiegare come mai Mills fu condannato a 4 anni e 6 mesi in primo e in secondo grado. Come hanno potuto farlo se non c'era un becco d'una prova? Qui non si tratta solo di De Pasquale, c'erano altri magistrati coinvolti. C'e' stato un giornalista serio che sia andato a scartabellare fra i faldoni della sentenza e vedere su cosa si sono basati? Una volta che non esistono le prove allora bisognerebbe iniziare un'azione nei confronti di quelle toghe. E per serieta' Berlusconi dovrebbe querelare Mills per diffamazione, perche' non lo ha fatto?

    Report

    Rispondi

  • mariannadescalzi

    26 Febbraio 2012 - 23:11

    E ancora una volta, come prevedibile, l'anziano delinquente ce l'ha fatta e si è salvato il suo culaccio flaccido. Nessuna sorpresa se non ancora il sostegno di cui questo farabutto gode da parte di tanti italiani che voglio pensare onesti e non complici.

    Report

    Rispondi

  • guido.blarzino

    26 Febbraio 2012 - 21:09

    Ora mandiamo il conto al PM e alla Presidente del Tribunale con obbligo di frequenza della terza elementare finche' impareranno le tabelline per conteggiare la prescrizione.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog