Cerca

Altro che un taglio alle tasse: Monti ci stanga in banca

Nel testo sulle semplificazioni c'è un bollo dello 0,1% anche sui certificati di deposito e sui depositi vincolati

Altro che un taglio alle tasse: Monti ci stanga in banca

Altro che tagli alle tasse. Dopo aver fatto retromarcia sul fondo che avrebbe dovuto garantire un calo dell'aliquota fiscale per i redditi più bassi, il governo Monti si prepara a veder approvato oggi al Quirinale il decreto semplificazioni. Nel quale, al di là del nome che lascia intendere una semplificazione tributaria, viene aumentata la patrimoniale sui conti bancari, che andrà a colpire anche certificati di deposito e depositi vincolati. In pratica, un bollo proporzionale dell'uno per mille (cioè dello 0,1%), che comunque non colpirà i conti correnti.

La norma stabilisce che vengano tassate le comunicazioni periodiche alla clientela relative ai prodotti finanziari "compresi i depositi bancari e postali anche se non rappresentati da certificati". L'imposta resta non dovuta per le comunicazioni ricevute e emesse da fondi pensione e fondi sanitari e si calcola sul valore del deposito o, nei casi dei certificati, sul valore nominale o di rimborso.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • bruno osti

    28 Febbraio 2012 - 12:12

    tra i quali Berlusconi, Alfano, Cicchitto, Gasparri, Quagliariello, Gelmini, Sacconi, e via destreggiando

    Report

    Rispondi

  • veon11

    28 Febbraio 2012 - 09:09

    Io non so se lei abbia vissuto sopra le sue possibilità. Io non l'ho certo fatto, e così credo anche la maggior parte degli Italiani. Non si capisce perchè dobbiamo pagare tutti per gli errori di pochi, errori da cui non abbiamo ottenuto alcun vantaggio. In Islanda, paese più civile del nostro, se lo sono chiesto. A lei di verificare come hanno fatto ad uscirne, ma che non mi si venga a dire che è giusto che paghiamo tutti!

    Report

    Rispondi

  • gigigi

    28 Febbraio 2012 - 09:09

    Il senatore a vita Professor Monti, eletto tecnicamente dal Presidente della repubblica Napolitano, a Premier Italiano, non ha fatto altro dal momento che e' entrato a dirigere il Governo, che mettere tasse e tasse e tasse, al fine di soddisfare l'Unione Europea e....farli stare zitti! Ovvio, che chi ne ha sofferto, soffre e soffrira' sono i cittadini Italiani. Ma fra tutti e 60 milioni circa dei cittadini Italiani, ce ne sono ventuno milioni che continuano a gozzovigliare e fregarsene altamente del Prof.Monti e le sue tasse. Nel groviglio di ladri e farabutti che occupano i posti dei 21 mln, ci sono ovviamente tutti i politici che stanno li da 10, 20, 30 ed anche 40 anni, che non hanno mai, dico mai, lavorato in vita loro, che hanno sempre, dico sempre rubato a piene mani nei confronti dei poveracci come me e come voi, che non contiamo un cazzo! Non possiamo nemmeno piu' contare su una legge divina, in quanto prerogativa del clero e sappiamo come e' andata con l'Imu del Vaticano.....

    Report

    Rispondi

  • asfodelo13

    28 Febbraio 2012 - 04:04

    Italiani pensavate forse che fosse finita????????? Il bello deve ancora arrivare ...i fascisti usavano l'olio di ricino..Monti usa la vasellina..il risultato e' sempre il medesimo.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog