Cerca

Il premier ci prende in giro: "Salari in linea con l'Ue"

Monti rilegge il documento di Eurostat sugli stipendi degli italiani. Secondo il prof guadagnamo di più di spagnoli e greci

Il premier ci prende in giro: "Salari in linea con l'Ue"

Mario Monti smentisce Eurostat: non è vero che i nostri stipendi sono i più bassi d'Europa. Il Premier per questo si è affrettato a fare delle precisazione prendendo di mira il documento  dal titolo 'Labour market statistics'. Nella nota diffusa da palazzo Chigi il prof spiega infatti che all'interno della pubblicazione, "fra le tante informazioni sul mercato del lavoro, nella tavola 7.1 intitolata 'Average gross annual earnings by sex, business economy, 2005 and 2009', le retribuzioni lorde annuali per l'Italia indicate per il 2009 risultano essere pari a 23.406 euro, ponendo il nostro paese nella graduatoria al di sotto della Grecia (29.160 euro) e della Spagna (26.316 euro). In realtà nella tabella c'è la nota 2 posta sopra il 2009 che segnala, purtroppo in modo poco chiaro, che il dato relativo all'Italia si riferisce al 2006 e non al 2009. Di conseguenza i dati pubblicati non sono comparabili".

Per realizzare un confronto corretto, evidenziano da Palazzo Chigi, si può considerare la stessa pubblicazione Eurostat alla sezione 'Labour costs' (tabelle 8.1, 8.2 e 8.3), dove i dati derivano dall'ultima edizione della Rilevazione sulla struttura del Costo del lavoro del 2008. La tabella A contenente i dati estratti in data odierna dalla banca dati Eurostat, "consente di confrontare correttamente le retribuzioni e il costo del lavoro all'interno dell'UE: da tale confronto, il posizionamento relativo dell'Italia risulta in linea con la media europea, e il valore assoluto nazionale supera ampiamente quello della Spagna e ancor più il valore della Grecia". Stipendi e salari sono infatti riportati in 29.653 euro di media per il nostro Paese, mentre quelli di Spagna (24.609 euro) e Grecia (22.698 euro) sono molto al disotto della media dell'Europa a 27 che è di 29.234 euro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • blu521

    28 Febbraio 2012 - 10:10

    E' solo un'abitudine contratta dal diversamente onesto: al catramato va bene da 20anni, perchè cambiare?

    Report

    Rispondi

  • biemme

    28 Febbraio 2012 - 09:09

    ve ne accorgete solo ora che oltretutto ci pigliano in giro? Questo è solo il governo "Prodi 2" ma formato da gente presuntuosa e megalomane. Questo ha messo solo 50 tasse nuove contro le 101 di Prodi, ma molto, molto pesanti. Napolitano ridacci Prodi.

    Report

    Rispondi

  • liberto99

    28 Febbraio 2012 - 08:08

    Certo il confronto tra due anni diversi non è corretto, ma dobbiamo anche tenere conto che se gli stipendi medi in italia se aumentano tanto lo fanno del 2% annuo per cui anche se aumentiamo di un 6% i redditi del 2006 siamo ancora ben lontani dal resto d'Europa, Monti continua a prenderci in giro dopo non aver toccato i privilegi della casta, dopo non aver abolito le province, ecc ecc.; stiamo attenti se andiamo avanti di questo passo per il nostro bene abolirà le elezioni e ce lo dovremo tenere per almeno un ventennio lui e napolitano imbalsamato, questo è l'omologo di Re Giovanni senza Terra lo potremo chiamare Re Mario senza voti ne partito, lui e tutti i suoi sgherri a partire dallo sceriffo di Nottingham Attilio Befera e dalla strega Fornero la quale se non altro aveva definito la situazione anomala, ho solo un messaggio per questi signori: FUORI DALLE PALLEEEEEEEEE!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    Report

    Rispondi

  • mapen

    28 Febbraio 2012 - 08:08

    forse è il salario del premier in linea con l'UE,ora ci prende in giro anche l'ISTAT. italiani che popolo do m**da

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog