Cerca

L'omicidio stradale sarà reato Carcere per chi guida ubriaco

Il ministro Passera: "Non è accettabile che chi uccide sotto l'effetto di alcol poi se ne possa ritornare a casa"

L'omicidio stradale sarà reato Carcere per chi guida ubriaco

Il ministro per lo Sviluppo, le Infrastrutture e i Trasporti, Corrado Passera nel corso di un’audizione alla Commisione trasporti della Camera ha rivelato che il governo sta pensando di introdurre un nuovo reato quello dell’omicidio stradale. Il reato si configura quando il conducente alla guida commette omicidio con un tasso alcolemico sopra l’1,5% o sotto l’effetto di sostanze stupefacenti. La pena prevista va da un minimo di 8 anni a un massimo di 18 anni. "Quello che è certo è che la situazione attuale di totale impunibilità per chi uccide sulla strada non può essere tollerata. E' inaccettabile socialmente che chi uccide sotto l'effetto di alcol o droghe se ne torni a casa, non è proprio possibile" ha spiegato Passera che aggiunge "Chi si prende consciamente una possibilità così grossa, che può portare a delle stragi deve essere sanzionato enormemente".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gibuizza

    29 Febbraio 2012 - 11:11

    Mentre chi uccide nelle sue piene facoltà mentali deve essere perdonato? Chi uccide ... uccide.

    Report

    Rispondi

  • charmant2

    29 Febbraio 2012 - 09:09

    Quando un drogato,oppure un alcoolizzato, alla guida di qualunque mezzo,ammazza o ferisce gravemente e non,un nostro familiare o noi stessi,deve andare in galera senza se e senza ma. Perchè? Perchè, stupefacenti ed alcool,cari giudici,devono ritenersi elemento aggravante. D'accordo? ed allora datevi una mossa anche voi ed,una volta tanto,siate severi come lo sareste se vi mettessero un vostro congiunto,sotto le ruote di un qualunque mezzo.

    Report

    Rispondi

  • Il_Presidente

    28 Febbraio 2012 - 21:09

    troppi garantismi, perdonismi,pietismi... c'è chi raglia di "pene alternative" alla detenzione, di diritti dell'assassino, di reinserimento della feccia in una società in cui neppure la gente perbene trova più lavoro, di umanitarismo verso i detenuti ed altri obbrobbri. E'il sistema in generale a fare schifo, serve un cambio di mentalità radicale (che brutta parola!). Chi sbaglia deve pagare e farlo molto duramente, senza appelli e scemenze varie. E lavorare per pagarsil'ospitalità nelle carceri, nel caso di omicidio stradale A VITA E SENZA SCONTI ALCUNI. Serve molta più durezza, troppi, troppi i pazzi al volante dappertutto.

    Report

    Rispondi

  • sparviero

    28 Febbraio 2012 - 20:08

    Fino ad oggi, per quello che riguarda la giustizia non è stato fatto ancora niente se non tutelare come sempre i delinquenti. Specie quelli importati.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog