Cerca

Monti terrorizza i politici: Premier nel 2013? Forse

Il prof: "Se riuscirò a raggiungere gli obiettivi secondo mandato improbabile". Visto come sta andando, la Casta trema

Monti terrorizza i politici: Premier nel 2013? Forse

Sobrio, enigmatico, una Sfinge. Il professor Monti regala alla politica italiana un altro indovinello. Intervistato dall'agenzia Bloomberg, il premier ha detto che "non è probabile un secondo mandato a Palazzo Chigi se l'esecutivo riuscirà a raggiungere gli obiettivi che si è posto". Qualche parola buttata lì con nonchalance. I più attenti, a Roma, hanno però già rizzato le orecchie e fatto due calcoli. In quella frase c'è qualche elemento non poco inquietante per le orecchie politiche. Innanzitutto quel "non è probabile" lascia aperta la porta a ogni eventualità. Secondo: è l'ultima parte del ragionamento a gettare ombre sinistre davanti alla Casta. Il governo riuscirà a raggiungere gli obiettivi che si è posto? E qui Monti, scaltro, tende la trappola. Nell'agenda dell'esecutivo tecnico c'è taglio agli sprechi, liberalizzazioni, riforma del lavoro, crescita. Tutti punti che finora hanno lasciato molto a desiderare molto per colpa dei partiti convinti di poter sabotare le riforme a fini elettorali. Ma se l'Italia non esce dalla secca, Monti potrebbe tornare utile anche per la prossima legislatura. E qui, dicono rumors romani, è scattato il terrore nelle sedi di partito: slittano le elezioni del 2013? Fantapolitica. Più probabile che, con il presidente Napolitano al suo fianco anche se per le ultime settimane di mandato, Monti possa trasformarsi da premier tecnico a candidato politico, magari di una mega-coalizione. E lì il terrore passa dai Palazzi romani alle case degli italiani, che già prevedono lacrime e sangue all'infinito.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • spalella

    01 Marzo 2012 - 19:07

    I miserabili che da decenni ci distruggono sia in economia che in gestione statale dovrebbero temere non Monti, ma NOI cittadini. Io ad es ho deciso che, per quanto mi compete, la vecchia politica la cancellerò alle prox elezioni. E non credo che sarò il solo a votare le piccole formazioni che offrono dei cambiamenti anche parziali ma comunque utili..... e poi i vecchi monnezzari dovranno vedersela con questi inaspettati e non gestibili consensi...

    Report

    Rispondi

  • arch

    01 Marzo 2012 - 17:05

    ...se si va avanti così non ci sarà nessuno stato nel 2013!

    Report

    Rispondi

  • bruggero

    01 Marzo 2012 - 16:04

    Se, gli ITALIANI, fossero davvero intelligenti ed in grado di ragionare, non saremmo arrivati a questo punto e non continueremmo a mantenere le puttane di palazzo, capaci solo di..............bla-bla-bla. Non andare ai seggi è, solo, fare il loro gioco, bisogna andarci TUTTI in massa (se no dicono che, data la bella giornata, sei andato al mare)e rifiutarsi di ritirare le schede. Solo formando il "partito" del dissenso, li puoi delegittimare, mandarli a casa, senza benefit, a guadagnarsi il pane con il sudore!!!

    Report

    Rispondi

  • sparviero

    01 Marzo 2012 - 16:04

    terrorizza anche me!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog