Cerca

Silvio, retromarcia su Alfano: Angelino candidato premier

Berlusconi smentisce le risereve sul segretario riportate da alcuni quotidiani: "Angelino ha indiscusse capacità"

Silvio, retromarcia su Alfano: Angelino candidato premier

Non è vero che ad Angelino Alfano manca il "quid". Silvio Berlusconi smentisce le frasi riportate oggi, venerdì 2 marzo, da alcuni quotidiani, secondo i quali l'ex premier avrebbe espresso dubbi sul segretario Pdl come potenziale candidato premier. "Sono molto dispiaciuto perché le mie presunte dichiarazioni sul segretario del Popolo della Libertà, Angelino Alfano, non rispondono assolutamente al mio sentire" dice il cavaliere. "Angelino Alfano è il più giovane leader tra quanti oggi esistono in Italia ed è stato eletto per un grande progetto di cambiamento, in un momento difficile che sta gestendo con indiscussa capacità. Pertanto, quando saremo chiamati a scegliere il nostro candidato premier, lo faremo sì attraverso lo strumento delle primarie, ma io ho già detto e ripetuto che sosterrò lui, Angelino Alfano". Gli fa eco il seario politico del partito, Fabrizio Cicchitto: "Alfano è un investimento per il futuro che è tato condiviso da tutto il gruppo dirigente del Pdl".

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • marina58

    03 Marzo 2012 - 15:03

    e lei...chi sarebbe?un altro patologico avvinazzato, che sproloquia, di ammucchiate!! NO! lascio a lei molto volentieri, questo genere di privilegio, molto probabilmente esperto, nel merito!! È vero...provo tanta compassione,non che tristezza nel leggere "pensieri" che vorrebbero addirittura sembrare ironici e...che invece, sono intrisi di becero squallore; non sarà di certo lei, nè...ilpovero Marino, a trascinarmi, nel modo più viscido a commentare, postati...gratuitamente volgari, da taverna...grazie del suo "prezioso" e "profondo" pensiero è stato..".molto istruttivo"...e...poi scusi l'ignoranza...ma che significa...lololol...che linguaggio è!! non è dato sapere!! AUGURI!!!!

    Report

    Rispondi

  • marina58

    03 Marzo 2012 - 15:03

    e lei...chi sarebbe?un altro patologico avvinazzato, che sproloquia, di ammucchiate!! NO! lascio a lei molto volentieri, questo genere di privilegio, molto probabilmente esperto, nel merito!! È vero...provo tanta compassione,non che tristezza nel leggere "pensieri" che vorrebbero addirittura sembrare ironici e...che invece, sono intrisi di becero squallore; non sarà di certo lei, nè...ilpovero Marino, a trascinarmi, nel modo più viscido a commentare, postati...gratuitamente volgari, da taverna...grazie del suo "prezioso" e "profondo" pensiero è stato..".molto istruttivo"...e...poi scusi l'ignoranza...ma che significa...lololol...che linguaggio è!! non è dato sapere!! AUGURI!!!!

    Report

    Rispondi

  • agosman

    03 Marzo 2012 - 08:08

    Ogni giorno che passa, e ogni volta che Berlusconi apre bocca, ho la sensazione che non solo le braccia ma tutto il tronco cada irrimediabilmente sempre più giù. Ormai non c’è più rimedio. Il bello è che Berlusconi si atteggia come se nulla fosse successo, come se tutto quello che ha predicato e poi puntualmente smentito sia con le parole che con i fatti non fosse mai accaduto. Oggi ci viene a dire che lui sostiene la premiership di Alfano, ieri auspicava il Monti –bis per il 2013. Se le parole hanno un senso è questo che ha detto all’intervistatore, ma evidentemente, il senso che lui sa distinguere ormai è solo quello del ridicolo. Alfano è sicuramente una brava persona, onesta e volenterosa. Sicuramente è uno che crede nei valori del centrodestra moderato che io condivido ma in un partito pieno di affaristi e mezzi delinquenti, ladri e profittatori non ha futuro. Non vedete che sono tutti lì ad adularlo e “sostenerlo” con una mano mentre con l’altra nascondono il pugnale pronti a colpirlo appena si gira? Berlusconi lo ha voluto segretario ma non accetterebbe mai una decisione di Alfano che non condividesse. E Alfano non prenderebbe mai una decisione che dispiacerebbe al suo presidente. Ecco, questi sono i limiti del fu più grande partito del paese. Alfano non ha la forza e credo nemmeno la voglia di mettere alla porta i più che chiacchierati Scaiola, Milanese, Brancher, Lunardi, Cosentino, Verdini, Dell’Utri, e giù di lì tutta una lista di personaggi equivoci che si annidano ad ogni livello del partito e sotto ogni campanile. Se non si comincia a ripulire il partito, come ha riconosciuto lo stesso Alfano quando fu acclamato segretario, non si va da nessuna parte. Un partito così che esprime una lista bloccata di nomi così è invotabile.

    Report

    Rispondi

  • lorenzovan

    02 Marzo 2012 - 21:09

    ma che fai???? ce provi col sor "43" ??? anvedi che ammucchiata...lol proprio vero..dimmi chi voti e ti diro' chi sei...lolololol

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog