Cerca

Berlusconi oggi in piazza Nuovo partito a giugno

Il Cavaliere a Milano per votare al congresso Pdl cittadino. Ma la mente è all'estate: "Ora stiamo fermi, poi si cambia"

Berlusconi oggi in piazza Nuovo partito a giugno

 

Silvio Berlusconi crede ancora nel Pdl, almeno fino a giugno. Poi si vedrà. Per dimostrare che  il Cav è ancora in pista, più che mai, oggi sarà in piazza a Milano per partecipare al congresso cittadino del partito. Presentandosi di persona potrà votare. Anzi, essendo quello milanese un congresso non unitario, sarà chiamato a scegliere tra due candidati: Giulio Gallera e Pietro Tatarella. L'occasione non è memorabile, ma significativa: l'ex premier non l'aveva mai fatto e sembra una forma di risarcimento per quella battuta finita sui giornali su Angelino Alfano, segretario del partito e principale promotore della stagione congressuale. Giovedì, al vertice del Partito Popolare Europeo di Bruxelles, Berlusconi si sarebbe infatti lasciato scappare un: "Angelino? E' bravo e tutti gli vogliono bene, ma gli manca un quid, una storia". Frase che ha suscitato molto fastidio in via dell'Umiltà. Alfano ha sentito al telefono il Cavaliere per un "chiarimento" già ieri mattina. Tempo qualche minuto e Berlusconi ha diramato una nota con la quale non soltanto manifesta "stima e fiducia" nel segretario, ma gli preannuncia il suo "appoggio" alle primarie con le quali si sceglierà il candidato premier. Al di là dei nomi e dei candidati, però, la questione è più profonda: si tratta di cambiare faccia al partito o addirittura cambiarlo, il partito. "Fino a giugno stiamo fermi - ha rivelato Berlusconi ai suoi -. Poi comincia la campagna elettorale, si cambia". Il Cav ha più volte manifestato la propria "nostalgia per Forza Italia" perché movimento "leggero e dinamico". Quel senso di rottura potrebbe essere ritrovato attraverso un uso più massiccio e mirato dei social network, anche grazie ai suggerimenti del deputato e responsabile della comunicazione web Antonio Palmieri.

 

Leggi tutti i dettagli negli articoli di Paolo Emilio Russo
su Libero in edicola oggi, sabato 3 marzo


Ascolta il nuovo inno del Pdl
 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • InenascioPadidio

    04 Marzo 2012 - 12:12

    La libertà, tanto osannata dal PdL in questo nuovo inno (e nella politica svolta in 18 anni), se non è configurata nella unica Verità (presente in ogni coscienza umana, unitamente alla bestia animale), è soltanto una misera illusione, destinata al fallimento. Parola del "pazzo-stolto-debole" di... DIO (non di se stesso come ogni persona, naturalmente, è): l'uomo più saggio, più sapiente e più forte del mondo, da cui Berlusconi, Alfano e chiunque altro si trovi a governare, potrà attingere gratuitamente a piene mani, per far RISORGERE L'ITALIA e, conseguentemente, l'intera Europa, con buona pace di tutti, in primis, l'attuale governo di Mario Monti.

    Report

    Rispondi

  • freefaber

    03 Marzo 2012 - 11:11

    Il treno delle canzonette è definitivamente partito. Ha lasciato l'ultima stazione e non tornerà più, un'epoca si è chiusa e non potrà tornare con una canzoncina, mi si lasci dire, raccapricciante.

    Report

    Rispondi

  • ghigabiagioni

    03 Marzo 2012 - 11:11

    Schettino, Tagliavento e Berlusconi 3 coglioni

    Report

    Rispondi

  • UNGHIANERA

    03 Marzo 2012 - 11:11

    Facciamo finta che domani si vada tutti quanti felicemente a votare,e le proposte di voto sono legate ai personaggi attuali,visto che nessuno vota per Silvio:per chi voterete? Mi raccomando brutti finocchi,fatemi un nome e non ditemi che non andrete a votare,altrimenti io e gli altri quattro gatti che andremo a votare rimetteremo Silvio ancora al governo,per rispaccarvi il culo!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog