Cerca

Finalmente Monti sale sul treno "LaTav si fa, basta violenze"

Il premier prende in mano il dossier Val di Susa: l'opera si farà contrastando l'illegalità ma niente misure straordinarie per l'ordine pubblico

Finalmente Monti sale sul treno "LaTav si fa, basta violenze"

La faccia ce l’ha messa. Reduce dal vertice europeo in cui ha ammanettato - dando corso a decisioni prese dal governo precedente - la politica fiscale italiana a quella comunitaria, il premier Mario Monti si è dedicato al dossier della Tav. Prima una riunione con i ministri competenti (Interno, Sviluppo, Giustizia e Ambiente,  più il commissario Virano  e il sottosegretario Catricalà), quindi l’attesa conferenza stampa, piuttosto rapida e senza domande, durante la quale ha letto parti di un comunicato prima di procedere a braccio.

Con qualche giorno di ritardo, la posizione di Monti è quella che era lecito attendersi fin da quando il livello di tensione è diventato preoccupante nei giorni scorsi. Il premier ha detto parole inequivoche sulla ineludibilità del progetto dell’Alta velocità. Con sottile precisione il Professore ha sottolineato di non aver dato nulla per scontato, a cominciare dalle scelte prese dai (numerosi) esecutivi che l’hanno preceduto sul tema. Il senso dell’opera è stato vagliato, il dialogo c’è stato, ma questo è il momento dei lavori.  Altro punto decisivo: a parte la richiesta di «moratoria» sulla Tav fatta da Antonio Di Pietro, quello che da ministro l’ha approvata, del «tavolo» invocato  per prendere tempo il premier non ha fatto cenno. Tra gli altri, ad appellarsi a una nuova riflessione «senza riserve mentali» erano stati personaggi drammaticamente interessati alla Tav come il presidente della regione Puglia Nichi Vendola e i sindaci di Bari e Napoli (i cui elettori forse preferirebbero treni nelle loro zone di competenza).

I veri tavoli -  Più concretamente, il premier ha fatto capire di essere disposto a trattare sul vero nodo che interessa molti amministratori del territorio coinvolto. Si tratta di forme di compensazione o accordi economici con le imprese sul campo che permetteranno, lontani dai clamori politici nazionali, di ridurre ampiamente il dissenso «istituzionale», che in larghissima parte non coinvolge l’opera tout court. Così facendo, diventa in linea teorica più semplice distinguere alcune comprensibili rivendicazioni dalla fusione di estremismi che ha dato vita agli episodi di violenza dei giorni scorsi. Le parole più attese sono state proprio quelle sugli episodi di «violazione della legalità» che Monti ha stigmatizzato, spiegando che non saranno più tollerati. Con piglio fedele al suo cursus honorum, il premier si è di nuovo appellato all’Europa per spiegare che la Tav si farà. Con una venatura «sociale» che, nell’apparente difficoltà a riconoscersi in una dimensione nazionale, ha il suo perché. Monti ha ribaltato l’incredibile assunto di molte proteste secondo cui il traforo della Val Susa sarebbe da evitare per scongiurare tensioni: il «disagio», ha detto, è conseguenza di un rischio di perdita di competitività nel confronto coi partner europei. E il gap infrastrutturale non può che aumentare questo disagio, ha fatto capire con una domanda retorica e molto professorale: «Vogliamo noi lasciare andare dolcemente alla deriva, staccandosi dall’Europa, questa nostra penisola, rendendosi così sempre più difficile per l’economia italiana risalire, essere competitiva, creare posti di lavoro, consentire una maggiore equità, un maggior benessere sociale ed economico?».

Pugno di ferro in loden Anche il nesso rivendicato col cammino delle (stentate) liberalizzazioni («il nostro governo è impegnato in tutti i campi a superare i blocchi che vengono da categorie particolari in nome dell’interesse generale per creare sviluppo: è anche il caso della Tav») è in linea con un pugno che, se è di ferro, è ben nascosto sotto il loden. Sarà rimasto deluso chi si aspettava l’annuncio di leggi ad hoc, o il Daspo di cui si era vociferato nel pomeriggio. Monti non ha fatto cenno all’uso dell’esercito, né ad altri provvedimenti. Pochi minuti dopo la conferenza stampa, il leader No Tav Perino ha soffiato minacce: «Monti ha detto un sacco di cose roboanti e ha mostrato i muscoli. Gli vogliamo bene, ma eviti le prove di forza con noi». A ben vedersi, il premier ha schivato ogni prova di forza, limitandosi all’ovvia esigenza di contemperare la tutela della libertà di espressione con l’opposizione alle violazioni della legalità. A parole, tutto bene. È auspicabile che non sia costretto a mostrare coerenza con i fatti, a cominciare dalla manifestazione di oggi a Roma.
di Martino Cervo

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • imahfu

    04 Marzo 2012 - 21:09

    Da Lione a Settimo Torinese. E' lì che arriva il treno veloce. Poi da Settimo Torinese a Torino, si é già perso il tempo guadagnato. Da Torino in poi, il TAV non é contestato. Anzi, oltre la Val di Susa, nessuno contesta. Percio' la linea esistente é sufficiente. L'ammorrtamento é previsto all'incirca in un secolo. Termine dei lavori tra 25 anni (parola del Commissario TAV). E poi si parla di sprechi... Per antonomasia le grandi opere portano grande spesa e poco lavoro; cioé sono tipiche dei periodi ''favorevoli'', non di crisi. Si é bocciato il Ponte di Messina con tale argomentazione (altra opera ancor piu' devastante) ed ora non si ha il coraggio di lasciar stare il TAV. Si dice infatti '''ormai....'''. Ormai cosa? Non ci sono penali; i francesi non sono tanto interessati (le loro merci passano piu' a nord); non ci sono i famosi corridoi perché la Slovenia ha gia' detto che non le interessa. Allora? Bah! Vedranno i nipoti il riscontro.

    Report

    Rispondi

  • imahfu

    04 Marzo 2012 - 21:09

    x pietra dello s. il post: se ero io al posto del carabiniere insultato ... quella persona li serebbe stato l'ultimo insulto della sua vita. pietra dello s. Già, ma sarebbe stato il tuo primo giorno di galera.

    Report

    Rispondi

  • the.signor.rossi

    04 Marzo 2012 - 06:06

    a lui queste cose non interessano,lui è rapido solo quando deve tassare

    Report

    Rispondi

  • Alfred4

    03 Marzo 2012 - 13:01

    Che un governo possa dire "ora basta" ( si fa come diciamo noi) era chiaro da tempo. Ciò che poteva dare un segno di svolta in positivo era invece rendere le cose un pò più trasparenti, in rispetto di tanta gente disposta a rischiare grosso pur di andare contro la TAV. Si, perché il rispetto lo meriterebbe ogni essere umano. Servirebbero poche puntualizzazioni molto chiare: 1) quali sono i vantaggi della TAV; 2) quanto costa acquistare tali vantaggi e se il rapporto costi/benefici è sostenibile in tempi di crisi; 3) in quanto tempo sarà finita l'opera; 4) quale sarà il ristoro per chi sarà sacrificato agli interessi della collettività. Grazie sig. Presidente.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog