Cerca

Il segretario contro la Lega: "Alle urne senza di loro"

Pdl, Alfano: "Titoli di coda del film. Ma Monti ci è costato caro, non abbiamo nemmeno guadagntao Casini..."

Il segretario contro la Lega: "Alle urne senza di loro"

Un sacrificio necessario. Il segretario Angelino Alfano chiude la porta quasi definitivamente alla Lega, ormai ex alleata del Pdl. Alle amministrative "gli elettori ci vedranno senza la Lega al Nord, anche se ancora nutriamo qualche speranza… - ammette in un'intevista al settimanale Chi -. Per sostenere Monti abbiamo pagato un dazio altissimo. Abbiamo perso un alleato, sacrificando i nostri interessi per il bene dell'Italia". Insomma, spiega Alfano usando un'immagine cinematografica, "queste elezioni rappresentano i titoli di coda di un film che sta per chiudersi". Più che le sparate di Bossi contro il premier (che al Nord rischierebbe la vita), contano piuttosto questioni di equilibri politici nazionali nuovi. "Certo - spiega il segretario - il Pd non ha sconquassato un'alleanza. Noi abbiamo lasciato Bossi senza guadagnare l'alleanza con Casini. Speriamo che i cittadini capiscano e ce lo riconoscano".

Nuovi assetti - Le parole di Alfano lasciano però presagire anche un quadro del tutto differente: addio ai due poli destra-sinistra e all'alleanza "obbligata" con il Carroccio per blindare il Nord. D'altronde, che il Pdl stia pensando al superamento del bipolarismo grazie ad una nuova legge elettorale non è un segreto. Niente premio di maggioranza ed elezione diretta del premier sono due dei punti che Berlusconi e Alfano stanno valutando in un dioalogo a distanza con il Partito Democratico. Per un film che finisce, un altro che inizia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • imbesi.emanuele

    07 Marzo 2012 - 17:05

    Incontro con argomenti di tipo politico coma riforma giustizia o RAI?E che c entra Casini e anche Bersani?Con la scusa governo Monti vogliono entrare dalla finestra?Ci sono disegni di legge del governo Berlusconi bloccati in parlamento,e soni punti di partenza a cui non si può prescindere.Casini vorrebbe contare ma e solo un velleitario,non conta niente e non decide proprio niente.Bersani ha i voti,ma si organizzi per vincere alle prossime elezioni e sarà suo diritto legiferare. Per uscire dal programma per cui nacque il governo Monti bisogna chiedere il permesso al partito di maggioranza in questo parlamento.Il gesto di Alfano dice questo:due +due quattro, e Alfano e molto veloce a fare i conti.Complinenti da un siracusano.Emanuele

    Report

    Rispondi

  • bellissimo

    07 Marzo 2012 - 11:11

    Speriamo non si traducano in " urne cinerarie ".

    Report

    Rispondi

blog