Cerca

Tangenti, il teorema dei pm: c'è un sistema Pdl-Lega

Mazzette in Lombardia, soldi degli imprenditori ai politici in cambio di appalti. Parla l'ex azzurro Nicoli Cristiani

Tangenti, il teorema dei pm: c'è un sistema Pdl-Lega

C’è odore di  sistema tangentizio che unisce Pdl e Lega al Pirellone. È in sintesi il piano accusatorio della procura di Milano all’indomani dell’iscrizione per corruzione nel registro degli indagati di Davide Boni, il maroniano,  presidente del consiglio regionale lombardo, già assessore all’edilizia. Ovviamente al Pirellone (nella foto, l'Ufficio di presidenza, da sinistra in piedi: Carlo Spreafico, unico a non aver ricevuto avvisi di garanzia, e Massimo Ponzoni - arrestato per bancarotta e corruzione -; seduti, da sinistra, Franco Nicoli Cristiani - arrestato per corruzione -, Davide Boni - indagato per corruzione - e Filippo Penati - indagato di corruzione e concussione) .

Secondo i pm ci sarebbero infatti elementi, forniti da verbali di interrogatori, che portano a collegare l’inchiesta a carico di Nicoli Cristiani, ex assessore regionale all’Ambiente e ex vicepresidente del consiglio - finito in carcere e poi ai domiciliari per una mazzetta da 100 mila euro -  e quella a carico di Boni, ex assessore lombardo all'Edilizia e al Territorio. Entrambe le indagini coordinate dal procuratore aggiunto di Milano Alfredo Robledo e dal pm Paolo Filippini, metterebbero in luce un «sistema Pdl-Lega» con alla base presunti rapporti di corruzione con imprenditori interessati a permessi e facilitazioni nell’ambito immobiliare e commerciale.

In poche parole Nicoli Cristiani, nei verbali secretati, avrebbe dato informazioni in questo senso: un’abitudine diffusa tra diversi assessori della giunta lombarda. E i pm su questa strada si sono buttati a pesce. «Stando ai primi riscontri, in sostanza, è emerso che alcuni imprenditori interessati a facilitazioni e permessi avrebbero avuto bisogno di oliare con mazzette», fa sapere l’Ansa, «non un solo assessore, ma più di uno. Per questo, gli inquirenti sono convinti di essere di fronte a una rete di rapporti tra assessori con al centro una serie di irregolarità».  Insomma, una nuova tangentopoli per finanziare partiti e campagne elettorali. Anche perchè sembrerebbe appurato in ambiente investigativo che non ci sia stato arricchimento personale per Boni e per il suo collaboratore Dario Ghezzi.

Per l’inchiesta  -nata da una costola su presunte tangenti che ha coinvolto la passata amministrazione di Cassano d’Adda e che nel maggio 2011 ha portato in carcere l’allora sindaco Edoardo Sala - i due leghisti avrebbero gestito «affari illeciti» e spartito tangenti che l’architetto Michele Ugliola e il cognato Gilberto Leuci avrebbero concordato con alcuni imprenditori, tra cui Luigi Zunino e Francesco Monastero (legato al gruppo Sile Costruzioni). Il tutto affinché alcuni amministratori locali, anch’essi destinatari di parte dei profitti illeciti, favorissero gli interessi immobiliari degli imprenditori in diverse aree di Milano e dell'hinterland, soprattutto per la realizzazione di centri commerciali. Boni, sempre secondo i pm, avrebbe ricevuto, tra il 2008 e il 2010 quando era assessore regionale all'Edilizia e al Territorio, buste di contanti anche nei suoi uffici in Regione. Per un totale, tra soldi promessi ed effettivamente versati, di circa un milione di euro.

Infatti negli atti, intercettazioni e verbali trasferiti per competenza ai pm di Monza Mapelli e Macchia che indagano sul sistema Sesto, c'è anche il riferimento a una presunta promessa di denaro a Boni per ottenere il via libera alla valutazione di impatto ambientale sull’area Falck. Denaro che sarebbe dovuto uscire dal gruppo Zunino, attraverso un giro di fatture, e che doveva essere consegnato al presidente del consiglio regionale dall'architetto Ugliola. Consegna, però, mai avvenuta in quanto l’accordo non è andato in porto. Resta quindi da capire a) se le promesse illecite si siano trasformate in atti o siano rimaste tali. b) se in futuro scatterà anche l’accusa di finanziamento illecito ai partiti.

Boni, che l’altro giorno ha ribadito la sua estraneità alle accuse, «potrebbe chiedere di farsi interrogare», ha spiegato il legale Federico Cecconi, il tutto in un contesto di «massima disponibilità e dialogo». Il presidente del consiglio dal canto suo ieri non ha detto nulla. Si è fatto vivo solo su Facebook: «Nottata un po’ agitata, ora però sono in ufficio».

di Claudio Antonelli

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ciannosecco

    08 Marzo 2012 - 20:08

    Ma che minchia dici!!! L'indagato ha dichiarato che provenivano da una transazione immobiliare.Ma siete capaci di leggere?Che sia vero o falso si dovrà appurare,ma voi siete proprio allo stato brado,senza un minimo di cognizioni critica.

    Report

    Rispondi

  • ciannosecco

    08 Marzo 2012 - 20:08

    Tante parole per non dire niente,anzi,solo delle caxxate.Mi è stato contestato un fatto,io ho portato come riferimento un giornale che non è di parte,che ha sbugiardato bepper che nella sua replica ha sparato l'ennesima minchiata.Dimmi fenomeno, trovi nel mio commento un'imprecisione?Riguardo alla tua replica,c'è qualcosa che non torna.Parli du un tuo assistito e poi citi la difesa come se questo fosse etranea alla tua persona.Ah solaaaaa!!!!!

    Report

    Rispondi

  • peaolta

    08 Marzo 2012 - 20:08

    I soldi trovati in casa, in contanti, sono dello stesso importo di una presunta tangente ma lui dichiara che sono suoi per le spese dei regali di natale, forse? Se3 fosse vera la metà della storiella come si spiega che si è, quasi, prontamente dimesso da tutto per starsene tranquillo nella città di Brescia? Vuoi vedere che l'hanno incarcerato per una cosa e ne aveva commessa un'altra di seguito? Ai posteri.

    Report

    Rispondi

  • testin della cazzetta

    08 Marzo 2012 - 19:07

    ...il 5 Marzo u.s., ad un mio assistito (omicidio) è stata revocata la misura cautelare sulla base di alcuni rilievi della difesa, ma lui me l' ha detto di aver accoltellato la vittima...la posizione di Cristiani è passata da indagato detenuto ad indagato a piede libero, il resto sono chiacchiere. Poi tu che prendi il "Fatto" come fonte è veramente ridicolo. Negare il malaffare in politica, minimizzare comportamenti delinquenziali, parlare di ladri solo se facenti parte della fazione avversa e tacere delle palesi ruberie di chi abbiamo votato è stupido. Si mangiano i nostri soldi tutti: PD, PDl Fini, Lega, Idv, Sel, gruppo misto...ma il PDL è un' associazione a delinquere; personaggi come il tuo amico di Casal del Principe e il diniego del suo arresto basterebbero per un' imputazione per 416bis C.p.,

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog