Cerca

Panico Mario: "Non si allarghi lo spread tra i partiti"

Monti ironico: "Cala lo spread Btp-Bund, non allarghiamo quello tra Pdl, Pd e Udc". Bersani: "Sì a vertici, si parli di tutto"

Panico Mario: "Non si allarghi lo spread tra i partiti"

Usa l'ironia per mascherare i timori, Mario Monti. All'indomani del no di Angelino Alfano a partecipare al vertice "di maggioranza" con premier, Bersani (Pd) e Casini (Udc), il professore cerca di ricucire quello "strappo tra partiti" con cui aveva minimizzato lo screzio con il segretario Pdl. "Si restringe lo spread tra Italia e Germania - ha detto Monti da Belgrado a proposito del differenziale sceso sotto quota 300 - ed ora l'auspicio è che non si allarghi lo spread tra i partiti politici che sostengono il governo perché questo potrebbe intralciare le politiche di risanamento e bilancio". Un appello a "lasciarlo lavorare", anche se il segretario democratico Bersani prova a dettargli l'agenda: "Andrò a vertici in cui sono presenti tutti e non ci saranno temi esclusi". Si parli di crisi ed economia, dunque, e di governance Rai e di giustizia. Temi non previsti dal mandato dell'esecutivo tecnico, tanto cari all'ex opposizione e indigesti all'ex maggioranza. Che però, tramite Alfano, ha mandato un messaggio chiaro: "Il governo è nelle nostre mani".

Tensioni e veleni - Non aiuta di certo a rasserenare il clima tra i partiti l'uscita di Rosy Bindi sul Pdl, definito "partito non più governabile perché nato su una persona e soprattutto intorno ai suoi problemi con la giustizia e sull'informazione". "E non è governabile - ha aggiunto il presidente democratico - neanche da una persona perbene come Alfano che è a sovranità limitata su queste e altre questioni". "Parole inaccettabili ed offensive", le ha battezzate il presidente del gruppo Pdl al Senato Maurizio Gasparri. "La Bindi pensi piuttosto ai brogli del suo partito nelle primarie a Napoli ed a Palermo. Pensi a Penati ed a tutte le vergogne che stanno emergendo. Non esclusa la gestione dei fondi del suo ex partito di appartenenza, la Margherita, che non la vedono coinvolta ma che hanno offerto un'immagine devastante dei partiti dei quali è stata importante esponente. Non siamo disposti a tollerare in silenzio le sue isteriche affermazioni".

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • lulinho

    08 Marzo 2012 - 21:09

    Timore di perdere appoggio? Ma fatemi ridere. Non perderebbe niente. Anzi ritornando a fare il professore a).. sarebbe meno stressato... b) non sarebbe costretto a sopportare la puzza di questi politici...c) potrebbe finalmente dire quello che realmente pensa ....

    Report

    Rispondi

  • blu521

    08 Marzo 2012 - 19:07

    Insomma, Monti l'avete avvisato: non si occupi di giustizia e di RAI. La legge anticorruzione può rimanere ancora nel cassetto.

    Report

    Rispondi

  • spalella

    08 Marzo 2012 - 18:06

    Spread ? per i partiti politici ? sbagliato, per i partiti della vecchia politica che ci ha porrtati al disastro la parola giusta è '''schifezza''', non spread.

    Report

    Rispondi

  • ginomari

    08 Marzo 2012 - 16:04

    Qualcuno avvisi l'ufficio lavori pubblici, si è aperta una fogna nei pressi del Parlamento, c'è pericolo di contaminazione !!

    Report

    Rispondi

blog