Cerca

De Benedetti attacca tutti: Passera, Bersani e Draghi

L'Ing a Servizio Pubblico: "Corrado ci metta la faccia. Pier vecchio per fare premier. Mario sbaglia su welfare Ue"

De Benedetti attacca tutti: Passera, Bersani e Draghi

"Bersani candidato premier? Ho molta stima e amicizia per lui, ma, detto questo, la gente vuole archiviare questo periodo, al di là dei meriti o demeriti delle persone: vuole voltare pagina". Così Carlo De Benedetti, presidente del gruppo editoriale L’Espresso (nonché presunta, ma smentita, tessera numero 1 del Partito Democratico), in un’intervista in onda giovedì sera su Servizio Pubblico di Michele Santoro. L'editore di Repubblica scarica il suo segretario. Ma l'ingegnere, un vero fiume in piena, ne ha per tutti. Nel mirino ci finisce anche un idolo di Repubblica, il governatore della Banca centrale europea, Mario Draghi. "Sbaglia Draghi quando dice che il welfare europeo deve essere cambiato: è parte della nostra cultura, è una nostra caratteristica. Nel momento in cui ci viene chiesto giustamente di pagare le imposte, abbiamo diritto di esigere che queste imposte ci vengano restituite sotto forma di servizi, da un lato, e di welfare, dall’altro. Gli indignati hanno ragione: sono l’indizio di un malessere che è molto più diffuso nel paese".

L'affondo contro Passera - L'ingegnere sotterra poi Sergio Marchionne ("Io vorrei sapere cosa la Fiat è disposta a fare per l'Italia") e quindi spara su un altro democratico, rottamando con una battuta il sindaco di Firenze, Matteo Renzi. L'elenco degli 'abbattuti' da De Benedetti si arricchisce poi del capitolo Corrado Passera. "Lo ho conosciuto quando aveva 26 anni ed era deluso perché, dopo gli anni trascorsi in McKinsey, non era riuscito a diventare partner di quella società". Il riferimento è al 1985, anno in cui De Benedetti conobbe e arruolò l'attuale superministro nella sua holding Cir. L'Ingegnere omette poi tutti i particolari della successiva carriera di Corradino, costellata di innegabili successi. A De Benedetti interessava chiudere subito i conti con il suo ex collaboratore, e denunciare gli eccessi di furbizia di Passera, a cui ha rinfacciato il fatto che non si diventa leader per riflesso di qualcun altro (ogni riferimento era a Mario Monti) e che in politica e al governo arriva il momento in cui bisogna metterci la faccia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • marystip

    10 Marzo 2012 - 08:08

    Il sig. Carlo ha già procurato immensi guai all'Italia; se ne vada ......in pensione e non ci rompa più.

    Report

    Rispondi

  • guidoboc

    09 Marzo 2012 - 14:02

    Vi fate dettare l'agenda politica da un malandrino , ne' ha combinate piu' di Carlo in Francia.

    Report

    Rispondi

  • 654321

    09 Marzo 2012 - 12:12

    ora se lo molla anche il suo giornale aprira' una balera!! Lui e' uno specialista del passo, specialmente di quello indietro!! E il Renzi, lo rottama, !!! Mgorb

    Report

    Rispondi

  • piccioncino

    09 Marzo 2012 - 10:10

    A parte qualche occasionale osservazione azzeccata (anche per il semplice gioco di probabilità) su Bersanosky,..quel personaggio svizzero (di adozione)..non ne azzecca una..Salvo che in materia giudiziaria,..ove probabilmente gode di strane, accentuate simpatie all'amatriciana (chissà perchè..eh??)..che gli procurano molti vantaggi insperati..Ma resti..a blaterare..in Svizzera,..ove i diritti (fasulli)..dei lavoratori sono assai meno tutelati,..ma dove (guarda caso..eh') i lavoratori stanno molto meglio..Ma, ci faccia il piacereee!!

    Report

    Rispondi

blog