Cerca

Il Carroccio assolve Boni "Non ha preso tangenti"

Il presidente del consiglio lombardo convince il partito della sua innocenza: "Non potevo decidere su quei progetti"

Il Carroccio assolve Boni "Non ha preso tangenti"

La Lega assolve Davide Boni. Al termine della segreteria politica il Carroccio ha diffuso un nota in cui si legge: "dopo aver ascoltato il presidente Davide Boni e   il suo capo della segreteria Dario Ghezzi, in relazione ai fatti loro   contestati, ha confermato la piena fiducia al Presidente del Consiglio  Regionale, invitandolo a proseguire nel suo mandato".    Prima della riunione della segreteria politica federale si era   riunito il comitato amministrativo federale della Lega Nord, composto   da Roberto Castelli, Piergiorgio Stiffoni e dal segretario   amministrativo federale Francesco Belsito.    "Nel corso della riunione - spiega il Carroccio- è stata   eseguita un’accurata verifica della documentazione contabile della   Lega Nord ed è stato appurato che, nel periodo dal 2005 al 2010,   nell’elenco delle oblazioni volontarie ricevute a bilancio, da   società o da privati, non figura nessuno dei nominativi emersi in   questi giorni nelle varie indiscrezioni apparse sugli organi di   stampa. Da questa verifica -conclude la nota- è dimostrato che la   Lega Nord è completamente estranea a qualsiasi tipo di illazione al   riguardo".


Il Carroccio: accuse infondate Poi, durante la riunione con Bossi, Roberto Maroni, Roberto Calderoli e gli altri dirigenti leghisti, Boni avrebbe proclamato ancora una volta al sua totale "estraneità" dalle accuse. Ai colleghi di partito è apparsa convincente la sua difesa, incentrata soprattutto sulla tesi che, nell’incarico di assessore regionale all’urbanistica, non avesse specifiche competenze decisionali sulle aree e gli appalti tirati in ballo dai magistrati.   In serata sono arrivate anche le parole rassicuranti del segretario del Pdl, Angelino Alfano ("Se viene dimostrato che c'è un attacco politico alla Lega, noi dobbiamo sostenerla: è un nostro alleato"). Mentre da parte leghista si segnalano le dichiarazioni 'fuori dal corò di Flavio Tosi: " Se Boni facesse un passo indietro, con questo quadro accusatorio poco chiaro, sarebbe un gesto da signore".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • bepper

    09 Marzo 2012 - 16:04

    Autocertificazione della colpevolezza, monologo al posto del dibattimento e trascrizione volontaria nelle scritture contabili per gli illeciti amministrativi. Avremmo processi rapidissimi senza tema di prescrizioni. Giudizio di Dio per le parti civili. Lasciamo ai giudici solo l'incombenza del verdetto. Potremmo ridurre gli organici di polizia e magistratura dell'80%, un bel risparmio.

    Report

    Rispondi

  • imahfu

    09 Marzo 2012 - 15:03

    PM. assente - Giudice : Bossi .- giudici a latere: Castelli e Maroni. Giuria: solo Il trota. ''Direi di premiarlo'' - Certo, premiamolo ma a patto che ci dia un po' di soldi. Bene: assolto! Per non aver concesso il fatto.

    Report

    Rispondi

  • roberto19

    roberto19

    09 Marzo 2012 - 14:02

    non ha preso d' iniziativa le tangenti perchè ..... gliele abbiamo date noi

    Report

    Rispondi

  • larussa

    09 Marzo 2012 - 13:01

    Come mai è certo che Boni sia innocente? Se ha prove certe, visto che lo ammira, vada subito a discolparlo. Se,invece , lo fa per appartenenza è sbagliato : ciò vale per tutti i partiti, non solo per la Lega, perchè così facendo tutta questa miriade di politici che manovrano il denaro sudato di noi contribuenti non avrà nessun freno, perchè sanno che ci saranno gli elettori fedeli che li voteranno comunque.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog