Cerca

Riccardi ministro da cacciare Sfiducia, scontro nel Pdl

Alfano annuncia su Facebook: "Il caso è chiuso, lo ho comunicato a Monti. Sperò però che non ci regalino un bis". Ma resta l'attrito

Riccardi ministro da cacciare Sfiducia, scontro nel Pdl

Il segretario del Pdl, Angelino Alfano, getta acqua sul fuoco e annuncia che non ci sarà la sfiducia ad Andrea Riccardi, il ministro della Cooperazione internazionale contestato da 46 senatori del Pdl dopo aver bollato come "schifosa" la politica italiana. La decisione di Alfano è stata annunciata sul suo profilo Facebook: "Ho parlato con Nitto Palma, Gasparri e Quagliarello. Già informato il Presidente Monti. Istituzionalmente comunicato anche al Presidente Schifani. Per me no problem! Con lui caso chiuso...Ovviamente spero non ci regalino un bis.

La decisione degli azzurri - Si è poi appreso che Maurizio Gasparri e Gaetano Quagliariello, capogruppo e vicecapogruppo vicario del Pdl, hanno incontrato il segretario Alfano nel corso della mattinata di venerdì, e hanno deciso di non presentare la mozione di sfiducia nel confronti del ministro Riccardi "per senso di responsabilità del Pdl in un momento difficile per il nostro Paese".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • bruno osti

    10 Marzo 2012 - 12:12

    ma voi riuscirete a farle? vista la valanga di tessere false (per cui qualcuno sta rischiando la galera) ci sono dei grossi dubbi. Riuscirete a presentare liste del(la) PDL in ogni città? altro grosso dubbio: a Genova hanno rifiutato ben in sei ed a Palermo non avete ancora nessuno. Le altre città? buio assoluto. L'alleanza con la Lega è finita. Condoglianze vivissime

    Report

    Rispondi

  • angelo.Mandara

    09 Marzo 2012 - 20:08

    Si dice, per delegittimare e controbattere le mazzate del neo-Governo, che gli attuali ministri , da vecchio "adagio", non sono stati "eletti" come si conviene e perciò sarebbero discutibili (...nella forma più che nella sostanza). Gli eletti, invece, loro sì sono stati eletti (o piuttosto imposti, che fa molta differenza). Gli eletti che rappresentano il sistema democratico dei "nominati" dai singoli segretari di partito. Il sig. Alfano (PDL) archivia la pratica Riccardi per una sfiducia che non doveva neppure nascere (e ben 46 del suo partito a sostenerlo, inoltre, nelle passate foto sull'accaduto, al banco del Governo, non mi era neppure piaciuto quell'indice della mano quasi appoggiato sul naso del ministro...a mò di minaccia (sempre che la prospettiva non ingannasse). "Il caso è chiuso...ma eviti di rifarlo !!". (segue) Angelo Mandara

    Report

    Rispondi

  • angelo.Mandara

    09 Marzo 2012 - 20:08

    Già, cosa potrà mai essere al confronto del "no pasaran"...sì, quella mancata patrimoniale che fa da cerniera e tante cose sanerebbe fin tanto che il ferro non andrà a raffreddarsi. Per rimanere tra i tantissimi privilegi altri se ne aggiungono, quando si sente del trattamento di miglior favore riservato ai parlamentari : mutui a tasso variabile a 20 anni...all'1,57%, non male, quando si pensi che in Germania il Presidente repubblica è stato dimissionato per aver accettato un tasso agevolato del 4%? Che altro? Saluti. Angelo Mandara

    Report

    Rispondi

  • blu521

    09 Marzo 2012 - 19:07

    Lei vola talmente alto che è arrivato sulla luna. A sua insaputa naturalmente.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog