Cerca

Il Pdl chiede la testa dei pm: Fango su Dell'Utri. Chi paga?

Il partito, soddisfatto, chiede giustizia: "Fango per anni, chi salda il conto?". E Alfano: "Tirare dritto con orgoglio"

Il Pdl chiede la testa dei pm: Fango su Dell'Utri. Chi paga?

La soddisfazione per la sentenza su Marcello Dell'Utri fa il paio, per il PdL, con la rabbia contro le toghe. Tutto il partito ricorda i "veleni e le angherie di questi 14 anni" e chiede le scuse di quanti hanno affondato il coltello tante volte contro Dell'Utri. Ora l'invito, giunto anche dal segretario Angelino Alfano è quello di "tirare dritto" con "orgoglio" e serenità per affrontare il nuovo processo. Iintervenendo all’ultima giornata della scuola di formazione del partito a Orvieto oggi ha detto:  "Oggi dobbiamo congratularci che esista il terzo grado di giudizio che ha consentito a Dell’Utri di non essere condannato ieri". Ma ora "chi restituirà a quel cittadino 16 anni di gogna, 16 anni di dolore?". Ecco "a cosa serve la riforma della giustizia".E anche Silvio Berlusconi avrebbe fatto considerazioni simili a quelle delle segretario nel ribadire la solidarietà a dell'Utri. Che però, secondo il presidente dei senatori del Pdl, Maurizio Gasparri non basta. "A coloro che diranno che bisogna avere fiducia nella giustizia perché la Cassazione ha annullato la condanna a Dell'Utri rispondiamo in anticipo che sono semplificazioni non accettabili. Qual è stato il danno materiale e morale per il senatore Dell'Utri?", chiede Gasparri.  "E per la nostra parte politica qual è stato il danno elettorale? Dobbiamo valutare la possibilità di far condannare chi nella magistratura ha sostenuto accuse prive di fondamento a Palermo. Da domani lavoreremo a questo. Intanto approviamo al Senato la norma sulla responsabilità civile dei giudici senza cambiare una virgola. Capitolo chiuso".
All'ondata di felicitazioni giunte dal Pdl fa riscontro il silenzio del Pd. A caldo è giunto solo il commento di Laura Garavini capogruppo in commissione Antimafia: "Dopo la decisione della Cassazione sul processo a Marcello Dell'Utri almeno speriamo che nessuno osi più dire che la giustizia italiana non è garantista", ha affermato. Per niente impressionato dalla sentenza della Cassazione il partito di Di Pietro che con il portavoce Leoluca Orlando ha sottolineato che il processo "ancora continua" e che "rimane in ogni caso inalterato il giudizio pesantemente negativo sia sotto il profilo etico che politico". Fabrizio Cicchitto ha fatto notare come sia stato "demolito il lavoro dei Magistrati di Palermo", puntando il dito contro la "terribile forzatura politica" operata a Palermo.


Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • roberto19

    roberto19

    10 Marzo 2012 - 15:03

    giusto o sbagliato ... se il processo è da rifare la colpa è qualche incompetente che gira ancora per le aule dei tribunali. Incompetente lui e chi lo autorizza a frequentare il tribunale. Tutto questo tempo e tutto queste spreco di denaro pubblico per poi dire: "..... scusate se semo sbagliati... tocca ricomincià!" Ma a questi incompetenti non li licenzia mai nessuno?

    Report

    Rispondi

  • louiscicca

    10 Marzo 2012 - 12:12

    non siamo in una repubblica democratita bda comandata dai magistrati rossi avrei tanti pensieri da esprimere ma se lo faccio verro querelato perciò non è democrazia. presto la legge sulle responsabilita dei magistrati

    Report

    Rispondi

  • paolo44

    10 Marzo 2012 - 12:12

    Dopo 15 anni che nel mio piccolo mi sgolo a urlare che questo processo era una tragica pagliacciata , il procuratore della cassazione dice molto meglio di me cose che tutti avrebbero dovuto sapere. E invece hanno fato finta di nulla, i vari Capataz sinistrorsi accecati dalla brama di colpire Forza Italia. Ed i vari giudici "democratici". Purtroppo però con i processi staliniani c'è poco da scherzare: è la forma più forte e vile di tutti i regimi dittatoriali, dove la magistratura diventa il braccio armato e spietato di un solo potere. E mi rivolgo anche a tutti i colpevolisti d'accatto, che per anni hanno sbandierato Mangano, feroci accusatori per sentito dire, gente accecata da un tifo simile a quello di stadio. Questa sberla è anche per voi, che argomentate da anni sul nulla.

    Report

    Rispondi

  • ciannosecco

    10 Marzo 2012 - 12:12

    Brunetto,tu non fai finta di capire,effettivamente tu non capisci un caxxo.Sei di una ignoranza atomica.Ancora non hai capito che è finita.Formalmente il processo di Appello si deve rifare,ma il nuovo Collegio Giudicante DEVE recepire cosa ha detto la Cassazione.Che cosa ha detto la Cassazione?Qualsiasi istanza abbia accolto,quella dell'accusa o quella della difesa,ha praticamente certificato che il processo è stato fatto senza prove e con un reato inventato.Anche se porteranno presumibilmente dei nuovi pentiti,la linea guida della Suprema Corte dovrà essere sempre seguita,cioè ci vogliono le prove,non solo le dichiarazioni dei pentiti.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog