Cerca

Bersani: Alfano irresponsabile Angelino: Parlate solo di Rai

Il democratico: "Non accenda fuochi sul governo, non siamo in campagna elettorale". L'azzurro: "Priorità sono lavoro e banche"

Bersani: Alfano irresponsabile Angelino: Parlate solo di Rai

Angelino Alfano volta le spalle a Mario Monti e Pier Luigi Bersani va in crisi. La mossa a sorpresa del segretario Pdl, che la scorsa settimana ha rifiutato di partecipare al vertice su giustizia e governance Rai con premier e leader di Pd e Udc, non va giù al segretario democratico: "Non mi ero accorto che fosse partita la campagna elettorale prima che Alfano sollevasse molti temi polemici. Se è così, ci avvisino. Vorremmo partecipare". La preoccupazione ufficiale è quella di mettere in crisi l'esecutivo, tanto che Bersani poi alza la mira: "E' da irresponsabili accendere fuochi in un momento in cui bisogna mandare avanti il governo". La preoccupazione ufficiosa è che lo smarcamento strategico di Alfano lasci solo il Pd a reggere il peso dei tecnici con riflessi negativi sul giudizio dell'elettorato. Anche perché i temi cari a Bersani sono sempre quelli: giustizia e Rai. "Bisogna mettere a gara le frequenze e non fare dei regali inutili alle televisioni", ecco il primo colpo a Berlusconi e Mediaset. E il segretario di Bettola poi ammette: "Con la destra non sono quasi mai d'accordo su niente, poi non sto lì a dare dei cazzotti: Rai, giustizia, lavoro, fisco, evasione fiscale...".

Botta e risposta - La replica di Alfano arriva a strettissimo giro di posta. "C'è un governo votato dal parlamento chiamato ad occuparsi della vera emergenza, che è l'economia. E Casini e Bersani di cosa vogliono parlare? Di Rai e giustizia... ". Quindi ricorda: "Quando ero ministro e mi occupavo di giustizia, la sinistra era lì a dire che altri erano i problemi e le priorità del Paese. Adesso che abbiamo un governo tecnico chiamato ad occuparsi dell'emergenza del Paese, dunque di economia, secondo voi di che vuole parlare la sinistra? Vuole parlare di giustizia e Rai". "Bersani - prosegue Alfano - mi dà dell'irresponsabile perché io voglio parlare di lavoro e di banche. Adesso anche Casini ha capito che le priorità sono banche e lavoro. Bene, benvenuto nel club presidente Casini". "Se Alfano parla di lavoro sono ben contento: l'importante è che non sia un modo per svicolare", ribatte lesto Bersani. Giusto perché non si è già in campagna elettorale...

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • angelo.Mandara

    13 Marzo 2012 - 11:11

    Contrordine, l'incontro con Prof. Monti ci sarà !! Fuor di polemica...Sulla RAI, il PDL Alfano non ne voleva parlare...ma,sentire ancora in TV dal presidente associazione enti pubblicitari che sei milioni di famiglie,in Italia, non pagano il canone RAI..proprio è irricevibile,un'ingiustizia insopportabile..per chi lo paga. Assolutamente qualcosa va fatto ed il PDL non può sviare e sottrarsi a tale incombenza. Con il tempo dirichiamo martellante che "mamma RAI" fa per due mesi di seguito,nel ricordare la scadenza ed il rinnovo dell'abbonamento..si potrebbe già aver provveduto per altro programma. Allora occorreranno metodi più da Finanza a Cortina? (segue) Angelo Mandara

    Report

    Rispondi

  • angelo.Mandara

    13 Marzo 2012 - 11:11

    ...Oppure, meglio girare la frittata, con diversa soluzione? O che sò, partendo dall'accettazione che oggi tutti abbiano almeno un TV in casa, al soggetto che non paga: la prova del contrario, dove a tradirlo ci sarebbe l'esistenza delle antenne sul tetto? Giorni prima, il sottosegretario Polillo, parlando di case (IMU) aveva affermato che ad oggi la mappatura fotografica del territorio non dà scampo a nessuno. Sei milioni di non paganti significa economia ed evasione da "terzo mondo". Possibile che i rispettivi addetti e responsabili possano solamente giustificare una loro presenza politica e poco altro? Mediaset, senza canone, potrebbe,a crisi persistente, rivedere e "spuntare" i loro bigs. La Rai vorrà continuare sul faraonico Festival? Se RAI e Giustizia non sono urgentemente temi per l'attuale Governo..per chi allora? Saluti. Angelo Mandara

    Report

    Rispondi

  • vin43

    13 Marzo 2012 - 10:10

    Bene fa Alfano a dubitare sui temi del «vertice»; non certo per Monti, ma per quel «parleremo» di giustizia. Specchietto per le allodole, tipica macchinazione di sinistra. Che giustizia? Ormai si sa quello che deve essere fatto. Quando era B. a sollecitare la riforma della giustizia si diceva che erano altre le priorità. In questo caso sono le costosissime poltrone della Rai che interessano a Bersani e Casini.

    Report

    Rispondi

  • fdrebin

    13 Marzo 2012 - 09:09

    Ahahahahah!!! Per la serie: frittate ribaltate. Siete ridicoli!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog