Cerca

Camusso spara su Biagi: Con lui via al caos lavoro

La numero uno della Cgil sul Libro bianco del giuslavorista ucciso dalle Br nel 2002: "Ha dato il via alla stagione dell'incertezza"

Camusso spara su Biagi: Con lui via al caos lavoro

C'è la crisi in tutto il mondo. La gente perde il lavoro negli Usa, in Francia, in Gran Bretagna. E fa fatica a ricollocarsi. Di precari ce n'è in Italia come negli altri paesi. Ma la numero uno della Cgil Susanna Camusso, evidentemente, considera le difficolta del mondo del lavoro italiano come la conseguenza di peculiari e nostrane politiche. Che, dice, hanno la loro radice nel Libro bianco che il giuslavorista Marco Biagi scrisse ormai dieci anni fa. E per il quale, o anche per il quale, venne ucciso dalle Brigate rosse nel 2002.  "Pensai allora - spiega la Camusso a proposito del Libro bianco - e lo pensammo tutti che avrebbe dato il via a una stagione di incertezza e devo dire che dieci anni dopo avevamo ragione".  Intervenendo alla registrazione della puntata di 'La storia siamo noi', 'Marco Biagi: chi tocca muore", in onda stasera alle 21 su Rai 2, Camusso ha aggiunto: "La somma e la moltiplicazione della possibilità d'ingresso, contenute nel libro, significavano percorsi meno coerenti".

"Non era un nemico" - Quanto al ruolo della Cgil di allora, per la Camusso "la Cgil ha potuto fare errori di personalizzazione, di aver confuso lo studioso con il Governo, ma non ha mai avuto in mente l'idea di avere davanti un nemico e mai un interlocutore. Personalizzare è sempre un errore, ma il fatto di citare tante volte una persona non significa considerarlo un mandante".



 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • jongingiullo

    15 Marzo 2012 - 16:04

    Purtroppo Il mondo è pieno di persone che credono di aver capito tutto. l peggiori sono quelli che per farsi capire offendono gli altri, quelli non guariscono mai.

    Report

    Rispondi

  • paolino46

    15 Marzo 2012 - 15:03

    Fino ad ora mi sono sempre limitato ad esprimere la mia opinione, che pur sbagliata che possa essere credo di avere il diritto di esprimerla e sopratutto su di un giornale che di testata si chiama "Libero". E penso inoltre che nessuno possa arrogarsi il diritto di offendere, solo per il fatto di credere di essere in possesso della verità assoluta, che fra l'altro non esiste.

    Report

    Rispondi

  • paolino46

    15 Marzo 2012 - 15:03

    Non è che quì qualcuno sia idiota o stupido o come tu preferisci chiamarlo. Secondo me sei tu che sei troppo intelligente per la media. Hai un grosso problema però, quando clicchi si sente l'odore da lontano.

    Report

    Rispondi

  • fdrebin

    15 Marzo 2012 - 14:02

    Perche' tu l'hai sentito il presunto "discorso della Camusso su Biagi", oppure ti sei fidato del riassuntino di Libero?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog