Cerca

Monti premier globetrotter: 60mila km in 120 giorni

Tanto ha viaggiato il presidente del Consiglio in 4 mesi di mandato: dagli Usa alla Libia, spola con Bruxelles e Strasburgo

Monti premier globetrotter: 60mila km in 120 giorni

Il "viaggio" più importante, curiosamente, è stato anche il più corto: appena 640 metri che separano l’Hotel Forum, al centro di Roma, dal Quirinale. Un breve tragitto che Mario Monti ha percorso, esattamente quattro mesi fa, per sciogliere la riserva e accettare l’incarico di guidare il governo. Da  allora, non si è praticamente più fermato, in un tour de force di viaggi da fare invidia Papa Giovanni Paolo II.

Dal 16 novembre, giorno dell’insediamento a Palazzo Chigi, il Professore ha sempre avuto la valigia in mano. In totale, 58mila 500 chilometri in 120 giorni (sommando andata e ritorno), una media di 14mila 625 al mese e 487 al giorno, compresi i 2 chilometri e  mezzo che separano Palazzo Chigi da Città del Vaticano, dove Monti ha  incontrato Benedetto XVI a metà gennaio. E senza contare i molti   spostamenti all’interno dei confini nazionali. Le mete più gettonate, come è naturale, sono Bruxelles e   Strasburgo, sedi istituzionali dell’Ue, dove Monti ha partecipato ai vertici anti-crisi. Ma anche le principali Capitali del  Vecchio continente per incontrare Merkel, Sarkozy e Cameron e la trasferta in Libia, dove insieme al   premier Abdel Rahim al Kib ha firmato la dichiarazione di Tripoli per   rafforzare l’amicizia e la cooperazione tra i due Paesi dopo la   tragica fine di Gheddafi.

Il mese di febbraio, quello del viaggio negli Usa, a New York e Washington per incontrare  il presidente degli Stati Uniti Barack Obama è stato quello più impegnativo: 14mila 832 chilometri,   considerando anche i 400 che separano le due città americane. E nel mese in corso, il premier prenderà la strada dell'est, con una lunga trasferta in Asia.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • udefusco

    17 Marzo 2012 - 09:09

    Beh, non si muove troppo. E' un quinto di quanto viaggiassi io nel '70 da giovane imprenditore ed ho continuato a fare fino al '90. Come tanti altri, ma i Economy, su aerei di linea, e quando si arrivava si doveva lavorare. Poi, con gli email. la necessità di viaggiare si è ridotta, ma in Italia non se ne sono accorti perché anche Monti penda che l'email non sia per lui ma per il suo Cetromessaggi. Così non deve rispondere e probabilmente on li vede mai mentre noi vediamo stampato quello che già sapevamo sui furti allo Stato dei politici/burocrati non sentiamo di una sola proposta per mettere fine a questo scempio.

    Report

    Rispondi

  • iltrota

    17 Marzo 2012 - 08:08

    Il fatto che Monti abbia viaggiato molto sembra essere presentato quasi come una colpa: per lo meno, lo ha fatto e lo sta facendo per gli interessi del Paese e per adempiere al suo mandato. Molto diverso da quel signore (!!!) mascarato che girava il mondo per farsi i ka77i suoi millantando impegni istituzionali di altissimo livello e giocando a fare il clown nelle riunioni coi capi di stato esteri.

    Report

    Rispondi

  • parigiocara

    16 Marzo 2012 - 20:08

    i tours del capo dello Stato. Ormai il giro del mondo a nostre spese se lo è fatto; veda di rimanere un pò a casa e farci risparmiare qualche centesimo di tasse.

    Report

    Rispondi

  • parigiocara

    16 Marzo 2012 - 19:07

    beh, i chilometri non li ha percorsi a piedi ma comodamente trasportato con il conforto del figlio al seguito ....

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog