Cerca

Alfano, Bersani e Casini: ecco chi ci perde con Monti

Dopo il vertice soddisfatto solo il leader Dell'Udc: "Accordo irreversibile". Pdl e Pd frenano: dal giugno '13 ognuno per sè

Alfano, Bersani e Casini: ecco chi ci perde con Monti

And the Oscar goes to? Sicuramente al direttore della fotografia, cioè Pier Ferdinando Casini, ma anche al regista, Mario Monti. Il premier, a una settimana dallo strappo di Angelino Alfano, ha rimesso in piedi la consuetudine dei vertici di maggioranza; obbligato alla discussione i tre leader della coalizione allargata;  trovato un accordo di massima su un po’ tutte le questioni, dal lavoro alla giustizia alla politica estera, rinviando il tema Rai.  Ma è Casini, il più lesto di tutti, che impone il primato della tecnica sulla politica, twittando la foto del vertice che vede lui (e la sua bretella rossa) in primo piano e, sullo sfondo, tutti gli altri. Pier  esalta le larghe intese e, d’altronde, come potrebbe altrimenti: è l’unico che davvero ci guadagna in questa situazione di interludio. Che, giustamente, vorrebbe non finisse mai: «D’ora in avanti si troveranno stabilmente anche i capigruppo» e, precisa, gli accordi presi a Palazzo Chigi sono irreversibili: «Sarebbe gravissimo se qualcuno ci ripensasse». Furbamente, Casini tiene fuorisacco la Rai, materia altamente infiammabile: «Ne riparliamo dopo le Amministrative, quando ci sarà la serenità per farlo».

Vincenti  Ma Pdl e Pd frenano l’entusiamo del leader centrista. Quella foto postata su Twitter ha creato non pochi imbarazzi a via dell’Umiltà e a largo del Nazareno. Sicché, il giorno dopo, Alfano e Bersani hanno speso la loro giornata per smorzare i trionfalismi casiniani sull’esito del vertice notturno. Bene la riforma del lavoro e la ristrutturazione dell’articolo 18, ma «il conto non lo possono pagare le piccole e medie imprese», mette i paletti il segretario azzurro. Alfano riesce a portare anche lui a casa la statuetta se vanno in porto quegli interventi sulla  giustizia  prospettati, a grandi linee, giovedì sera: «Abbiamo ribadito che il ddl anti-corruzione porta la firma del governo Berlusconi e mia, quindi possiamo solo che essere favorevoli». Sulla responsabilità dei magistrati, «noi restiamo fermi sul principio che “chi sbaglia, paga”». Ma soprattutto, Berlusconi e i suoi incassano la legge sulle intercettazioni (accolta da Monti nell’elenco delle cose da fare) e un intervento sul disegno anti-corruzione che riveda il reato di concussione. Temi che stanno molto a cuore al Cavaliere, presissimo, in questi giorni di permanenza a Roma, dalle proprie  vicende processuali ancora aperte, specie Unipol e Ruby.
 
Perdente
  Bersani? È quello che forse ne esce peggio di tutti: «Non abbiamo risolto i problemi, ma abbiamo fatto passi avanti», ridimensiona   il segretario democratico. Dopo la foto di Vasto, questa diffusa da Casini, per il leader della gauche italiana, è una foto “devasto”: «Con gli altri partiti stiamo facendo il possibile per affrontare l’emergenza», ma sia chiaro, sottolinea Bersani, che «siamo alternativi». Concetto su cui indugia anche Alfano: «Dopo il 2013 basta con questa maggioranza, siamo una forza alternativa alla sinistra  e crediamo in cose diverse da quelle in cui credono loro».

di Salvatore Dama

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • anes332000

    17 Marzo 2012 - 13:01

    Ma chi controllerebbe i controllori? Anche essi nel campo di calcio.

    Report

    Rispondi

  • anes332000

    17 Marzo 2012 - 13:01

    Io ce l'avrei un'idea per salvare l'Italia, un campo di calcio come l'Olimpico, concentrare in esso tutti i politici, comunali, provinciali e governativi unitamente ai loro familiari, metterli a pane ed acqua e procedere ai relativi accertamenti patrimoniali, accertando cosa avevano 10/20/30/40 anni fà e cosa hanno oggi, non uscirebbe più nessuno.

    Report

    Rispondi

  • uliclin

    17 Marzo 2012 - 11:11

    Siam tre piccoli porcellin... siamo tre maialin... mai nessun ci dividerà... finchè non andrem a votar....

    Report

    Rispondi

  • Mereno

    17 Marzo 2012 - 11:11

    Con monti ci perde Berlusconi, Alfano, e tutti quegli squallidi politicanti melmosi, grassoni, orgisti, è indegni, del resto basta leggere i sondaggi, UDC quais al 9%, PD quasi8 al 30%, Pdl invece e sulla soglia critica del 20% e a quanto pare gli umori generali ci dicono che questo trend per il PDl è destinato ad aumentare, c'è chi sostiene che dopo le amministrative il PDl conterà il 10%, e nel mentre i topi iniziano a scappare, poveretti quelli di libero rischiate di chiudere, senza il vostro padrone siete finiti.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog