Cerca

Napolitano, Monti, Fornero: vertice contro i sindacati

Il Colle: "Sindacati pensino all'interesse generale, grave la mancanza di un accordo". Al via incontro con Cgil, Cisl e Uil

Napolitano, Monti, Fornero: vertice contro i sindacati

Durante la commemorazione di Marco Biagi, il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, interviene sulla trattativa che vede sul tavolo la riforma del lavoro e lancia un messaggio quanto mai significativo ai sindacati. "Penso che sarebbe grave la mancanza di un accordo al quale le parti sociali devono dare solidalmente il loro contributo" afferma Napolitano che poi ha aggiunto: "Io mi aspetto che anche le parti sociali dimostrino di intendere che è il momento di fare prevalere l’interesse generale su qualsiasi interesse di calcolo particolare. Lo richiedono le difficoltà del Paese, i problemi del mondo del lavoro e dei nostri giovani". Nel tardo pomeriggio, il presidente della Repubblica ha poi incontrato il premier Monti e il ministro del Welfare Fornero: un vertice in cui il Quirinale ha comunque ribadito la necessità di raggiungere una posizione condivisa con le parti sociali. Il mandato al governo però è chiaro: chiudere in fretta, pensare al bene dell'Italia e non farsi intimorire dalle posizioni di parte. Subito dopo, la Fornero è tornata al Ministero dove è iniziato il vertice con i rappresentanti di Cgil, Cisl, Uil.

Niente accordo tra i sindacati - In mattinata i tre maggiori sindacati si erano incontrati per trovare un'intesa sull'articolo 18 da contrapporre alla proposta del governo. Ma il vertice non ha portato ad una linea comune. Sulla pagina twitter della Cgil si legge: "“Nessun documento condiviso con Cisl e Uil su Art18 ma con Bonanni e Angeletti stiamo lavorando e continueremo a sentirci”.

 


Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • dubhe2003

    19 Marzo 2012 - 22:10

    ...si al governo Monti,(tutto merito ed opera del...Sig.del Colle).Il tutto per la crescita italiana: + tasse,+ imposte, + contributi, + inflazione,+ disoccupazione,+accise,+costi energetici,+ stangate varie ed affini,+ fuga di risparmi,+ rapine,+ costi bancari,+ costi per fare le dichiarazioni dei redditi,+ arrangiarsi da sè,+++tutto,- salari,- pensioni, - servizi, - detrazioni sul reddito, -- - -- tutto.Quanto era meglio quando si arrivava soltanto alla terza settimana ?! Ce lo spieghi...Monsieur George!!! Tra poco cominceranno i veri dolori,perchè si è pescato dalla fascia più larga a reddito fisso.Molto utile per tutti i governi;basta avere la IV elementare, pensare l'ammontare che si vuole,impartire l'ordine ed il mese seguente...ecco tutti i soldini!!!!

    Report

    Rispondi

  • dubhe2003

    19 Marzo 2012 - 22:10

    ...finire con le pensioni che non dovevano essere toccate? Lavoratori sciocchi!! Vi hanno pure fatto perdere ore di sciopero,avete avuto la magra consolazione di essere al fianco della...Pasionaria Camusso. Ma lei,non ci ha rimesso neppure un cent,mentre voi vi è costato sulla busta paga. Come andrà a finire ora con l'art.18 della Legge 300?? Questa volta la strategia sarà diversa e più subdola. Il sindacati alzando il prezzo,(soprattutto Cgil-Uil),faranno in modo che il...Governo predone vada avanti lo stesso,in modo da giustificare che non è stata per colpa del sindacato(fa togliere le castagne dal fuoco), e...con altre ore di sciopero,perdita tutta vostra,vi incarteranno a dovere...Capito l'antifona? L'art.18 non si tocca ehhh?! Sveglia,prima non arrivavate alla terza settimana,mentre con Monti,ne avete dei soldi da perdere...ma il tutto è finalizzato per la crescita no?...Ma di chi???

    Report

    Rispondi

  • imahfu

    19 Marzo 2012 - 20:08

    Nulla di male se lo si dice. C'é troppo egoismo. Ma qui si nascondex un'altra cosa. Napolitano ha detto '''grave se non c'é l'accordo dei sindacati''. Ed anche questo é giusto: lavoro, lavoratori, riforma, tutto senza le parti coinvolte. E' davvero grave. E' grave anche prendere le parole che interessano e dimenticare le altre dette da Napolitano. Malafede.

    Report

    Rispondi

  • wall

    19 Marzo 2012 - 20:08

    .....come fa' a sottostare a questi accordi sul lavoro vista la sua estrazione politica. L'ITALIA E' UNA REPUBLICA FONDATA SUL LAVORO E LA SOVRANITA' APPARTIENE AL POPOLO....come puo dare LEI il permesso a far si che questo accada da parte di personaggi che vogliono adesso al governo da noi non votati....................modificare e addirittura imporci come in CILE le modifiche delle istituzioni e del lavoro................

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog