Cerca

Bersani scivola sull'art.18 Pd: "Ora licenziamo lui"

Polveriera democratica. I militanti attaccano il segretario su Facebook: "Ora basta". Pure nel partito i vertici sono contro la sua linea

Bersani scivola sull'art.18 Pd: "Ora licenziamo lui"

Monta la rabbia nell'elettorato Pd dopo l'annunciata riforma del lavoro del governo Monti ormai in dirittura d'arrivo. La base democratica non nasconde il proprio scontento e lo fa riversando centinaia di commenti minacciosi sulla pagina Facebook del leader democratico Pierluigi Bersani. "Se dite sì a questa riforma del lavoro non vi votiamo più", questo il senso dei commenti che accompagnano il post scritto da Bersani. "E’ chiaro - scrive Bersani - che su quel che c’è di buono nell’impostazione del governo e su quel che c’è da migliorare e da correggere, a questo punto dovrà pronunciarsi seriamente il Parlamento". E in serata il segretario ha rincarato la dose: "Monti non può dirci prendere o lasciare. Con noi si ragiona". E ancora: "Con questa norma, licenziamenti per discriminazione e disciplina scompariranno ci saranno i licenziamenti per cause economiche. Non va bene, è una questione di diritti dei cittadini lavoratori, questa cosa va corretta. C'è il parlamento e si corregge e il Pd si prenderà la briga di trovare le strade per correggere, non per andare indietro, ma avanti con una certa idea di modello sociale".

La base -
In parallelo molti esponenti della base del pd chiedono a Bersani di staccare la spina all'esecutivo. "Al voto! Non fate continuare questo scempio", scrive allarmato Franco Falbo. C'è chi è pronto addirittura a restituire la tessera Pd appena rinnovata, come Gennaro di Colandrea. La maggior parte degli utenti avvisa il leader democratico: "Se voti la riforma scordati il nostro voto", verga lapidario Francesco Salerno. "O ti schieri con la Cgil, o altrimenti, come ho già detto, alle urne sono davvero, ma davvero c...i. L'elettorato ti punirà in modo esemplare". Il punto è che il partito, però, non la pensa così.

Divisioni nel Partito - Per Bersani la situazione è incandescente, esplosiva. Infatti non è soltanto la base a marcare il distacco dal segretario. Non è certo una novità per la sinistra, ma è anche tra le varie correnti del partito che cresce il malconento nei confronti del leader, che secondo gli ultimi sondaggi viene dato in calo continuo. La riforma del lavoro potrebbe disintegrare il primo partito della sinistra dall'interno. Bersani, dopo il tavolo con le parti sociali di martedì, ha spiegato che "i patti non sono stati rispettati". Eppure Enrico Letta, il suo vice, non ha dubbi: "Il nostro voto favorevole, pur con tanti distinguo, non può essere in discussione". Parole in netta controtendenza rispetto a quelle del leader. Anche Beppe Fioroni, cuore dell'area Modem del partito, la pensa diversamente da Bersani: "Credo che sia stata trovata sia nel metodo che nel contenuto una soluzione importante - spiega riferendosi alla riforma del lavoro presentata da Elsa Fornero -. Si incentiva il lavoro a tempo indeterminato, vengono rafforzati gli ammortizzatori sociali, l'articolo 18 resta con una significativa manutenzione. Nella riunione - ha concluso Fioroni -, altro fattore degno di nota, si è registrata l'unità su tanti punti. Adesso nessuno faccia saltare il banco". Nella serata di martedì, Enrico Letta, ospite alla trasmissione Otto e Mezzo, ha cercato di buttare acqua sul fuoco replicando con un secco "no" quando Lilli Gruber gli ha chiesto se sulla riforma del lavoro si dividerà il partito. "Penso - ha spiegato Letta - che tutti noi sappiamo che abbiamo una   responsabilità superiore alla nostra persona, il Pd è un bene comune”, sottolinea. Per il vicesegretario, il Pd “discute ma non si  spacca”. Una speranza vana.

Una polveriera - Col segretario resta l'irremovibile responsabile economico del partito, Stefano Fassina: "Da quello che si può capire finora - ha dichiarato - ci sono dei punti positivi, ma anche molti buchi, per esempio per quel che riguarda gli ammortizzatori sociali. La parte che riguarda l'articolo 18 non va bene perché lo svuota completamente". Il Pd è insomma una polveriera: la base contro il segretario, isolato con poche eccezioni anche in Via del Nazareno. Bersani è pronto a portare le sue istanze in parlamento, spiegando che "sulla riforma dovrà pronunciarsi l'aula". Il problema, semmai, è capire quanto compatto il Partito Democratico possa arrivare al dibattito parlamentare.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • 654321

    22 Marzo 2012 - 12:12

    ..sei il primo postante non di destra che entra in Libero per un discorso serio! Mi complimento con te! Tutto vero quello che hai scritto, ma purtoppo come avrai letto, le differenze restano ancora, e penso anche piu' a presa in giro per il popolo di sx, infatti si verra' a creare il lavoratore di serie A e quello di B, quello che doveva essere il rinnovamento si rivelera' una divisione sinceramente da me non comprensibile!! Sarebbe come dire che l'operaio ha delle responsabilita' comportamentali e lo statale no!! Se questo e' giusto,a ltro che differenza interna di classe! un saluto da uno di dx

    Report

    Rispondi

  • capitanuncino

    22 Marzo 2012 - 11:11

    Quante risate mi fa fare quest'uomo....Se venisse posto al centro della suddetta rosa esposto ai 4 punti cardinali ovunque si giri lo prende in quel posto.....A nord,a Sud,a Est ed a Ovest....Non si illuda che girandosi per esempio a Nord/Nord est se la scampa.Se toglie l'appoggio a Monti,causa il default italiano e la colpa è sua.Se continua a darlo perde l'elettorato.Se approva l'abolizione dell'articolo 18 perde il sindacato e gli iscritti...se si presenta in queste condizioni alle amministrative....sparisce dal panorama politico italiano.Intanto è fuggito a Bruxelles e continua a fare proclami. Fate un po voi.

    Report

    Rispondi

  • 654321

    22 Marzo 2012 - 11:11

    se esiste uno che aspetta un trapianto quello e' il genio mancato del compagnoImahfu, infatti e' in attesa di trapianto di cervello, ma capisco che l'attesa sara' veramente lunga!! Nel frattempo pero, ' i suoi capi lo tengono in vita lavandogli il cervellettino ogni giorno!!IMAHFU, io fossi in te, non mi fiderei tanto dei tuoi capi!! Sai sono intrallazzati in ogni posto, che fossero loro a far si che il ritardo del tuo trapianto aumenti!! Non si sa mai hanno detto, e sei poi lo trapiantano con un cervello normale, potremmo perdere un voto e una mente cosi eccelsa! Imahfu l'Africano, che gioca a fare lo struzzetto, continua cosi, ma io sarei indeciso, se fare lo struzzetto o continuare ad essere pecorella!! Da colui che definisci Zero, un salutino e tanti bacini!!

    Report

    Rispondi

  • Franky63

    22 Marzo 2012 - 07:07

    Premetto che non sono di destra ed ho un contratto a tempo indeterminato, ma sono circa 30 anni che lavoro. Io credo che ormai l'articolo 18 ormai non ha più ragione di esistere, per vari motivi. Il primo perchè di fatto in Italia si sono formati 2 classi di lavoratori, quelli a tempo determinato, con pochissime tutele, e quelli a tempo indeterminato, con tutele che spesso non meritano. In questo momento mi dispiace quando l'azienda deve scegliere tra chi mandare via, spesso si ritrova a scegliere tra un lavativo a tempo indeterminato ed un buon lavoratore a tempo determinato. Quindi spero che la riforma sia per tutti i lavoratori, pubblici e privati, e che ci siano solo due contratti, a tempo determinato con salari un pò più alti, ed a tempo indeterminato. L'articolo 18 applicabile solo in caso di discriminazione per motivi indipendenti dalla qualità del lavoratore.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog