Cerca

Ecco come si potrà licenziare La sfida: soldi per tutti

Monti: "Sull'art.18 non si torna indietro". Ma il dialogo non è terminato: i sindacati chiedono un indennizzo per tutti

Ecco come si potrà licenziare La sfida: soldi per tutti

"Sull'articolo 18 non si torna indietro, ma abbiamo percepito una diffusa preoccupazione su cui vorrei rassicurare tutti". La preoccupazione è relativa al fatto che "il binario dei licenziamenti economici possa essere abusato con aspetti di discriminazione. Il governo si impegna affinché questo rischio non si verifichi perché è nostro dovere evitare discriminazioni con un minimo di attenzione alla stesura. Su questo mi impegno". E' quanto ha dichiarato il premier, Mario Monti, nel corso dell'incontro con le parti sociali riunite a Palazzo Chigi per l'ultimo tavolo di trattativa sulla riforma del lavoro. Una volta terminati i lavori, nel corso della conferenza stampa, il ministro Fornero ha spiegato: "Non aboliamo l'articolo 18, tendiamo a distinguere le fattispecie tra i licenziamenti economici, quelli disciplinari e quelli discriminatori". Il ministro ha così confermato che l'impianto dell'articolo 18 resta lo stesso deciso nel corso dell'incontro dello scorso martedì. E ancora, Fornero ha sottolineato come "il documento tecnico (la riforma, ndr) ha molti aspetti, non solo uno su cui tutti discutono, l'articolo 18, senza considerare le connessioni con il resto della riforma". Ma la trattativa con i sindacati sulla riforma dell'articolo 18 in verità non è ancora terminata.

Verso la legge delega - Dopo le prese di posizione delle Cei e dei sindacati, il governo ha aperto a una lieve riformulazione dell'articolo 18 nella parte relativa ai licenziamenti economici, ma mantenendone inalterato l'impianto. La riforma, ha aggiunto Monti, "domani sarà interamente in Cdm". Il premier ha però aggiunto, categorico, che nel caso dei licenziamenti per motivi economici resta l'impossibilità del reintegro. Il ministro Elsa Fornero ha puntualizzato che "il testo di tutta la riforma, compresa la parte sulla flessibilità in uscita, sarà portato domani (venerdì, ndr) in Cdm e non sarà consegnato prima alle parti sociali". Si è poi appreso che l'orientamento del governo sulla riforma è quello di ricorrere allo strumento della legge delega: è quanto hanno riferito fonti tecniche. Con il ricorso alla legge delega, di fatto, il Parlamento potrà intervenire per modificare la norma.

Lavoratori licenziati - Nell'ampio testo della riforma del lavoro, il tema più caldo resta quello della flessibilità in uscita, ossia l'articolo 18. La novità più significativa presentata dal governo alle parti sociali nell'incontro di martedì è quella relativa al licenziamento per motivi economici: una società, secondo quanto prospettato dai tecnici, potrebbe licenziare - senza possibilità di reintegro - in caso di difficoltà economiche. Il lavoratore licenziato, nella formulazione originaria del testo, avrebbe potuto godere degli ammortizzatori sociali, nel dettaglio del nuovo sussidio di disoccupazione (l'Aspi), che a differenza degli altri ammortizzatori entrerà a regime subito, e non nel 2017. Prima la Cgil e il Partito Democratico, quindi anche la Cisl, hanno manifestato la loro contrarietà alla norma.

Sindacati: soldi a tutti - Nel corso del tavolo di giovedì a Palazzo Chigi si è trattato sulla buonuscita della quale possa godere un lavoratore licenziato per motivi economici, buonuscita che per i sindacati dovrebbe andare a beneficio di tutti i lavoratori licenziati, aggiungendosi al nuovo sussidio di disoccupazione. L'articolo 18 riformulato , infatti, nella versione presentata martedì, offre la possibilità dell'indennizzo solo nel caso in cui il lavoratore abbia ragione di fronte a un giudice (fino ad oggi, nel caso in cui al lavoratore venisse riconosciuta la ragione, il reintegro era obbligatorio). Il secondo punto sul quale trattano i sindacati è quello della definizione dei criteri che nelle singole realtà aziendali possano giustificare il licenziamento per motivi economici, un punto sul quale ancora non sono state chiarite le posizioni del governo. I sindacati chiedono chiarezza e più soldi per tutti i licenziati: su questo punto la trattativa non è ancora finita.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • biric

    23 Marzo 2012 - 16:04

    Per favore qualcuno mi illumini. Se un'azienda deve chiudere per motivi economici, come fa a pagare 27 mensilità oltre alla buona uscita del lavoratore licenziato? Immagino che sulle 27 mensilità verranno conteggiati anche i contributi sociali. A questo punto l'azienda dovrà tenere aperto per motivi economici o sbaglio?

    Report

    Rispondi

  • TOMMA

    23 Marzo 2012 - 14:02

    Come facciamo a far arrivare la nostra protesta al signore del Colle? Se i cittadini lavoratori sono uguali di fronte alla Legge e alla nostra Costituzione (cagionevole) la possibilità di licenziare deve valere anche per i troppi dipendenti pubblici; altrimenti ci sono (ne sono perfettamente convinto) cittadini di serie A e di serie B. E questo prova che la nostra è una Democrazia solo a parole.

    Report

    Rispondi

  • peroperi

    23 Marzo 2012 - 11:11

    E' evidente che ci sia la volonta' di dar vita al Ministero Complicazioni Affari Semplici. Il Fornero ed il Governo avevano l'occasione di riformare veramente le regole sui diritti del lavoratore. Si prende esempio dalle nazioni che nororiamente funzionano meglio della nostra e dove i lavoratori sono soddisfatti almeno al 75% : Germania, Danimarca, Francia, Usa ed Inghilterra. Si paragonano i vari contratti cercando di migliorarli laddove si puo' e si fa una riforma seria tenendo in considerazione la media degli stipendi che andrebbero assolutamente aumentati. Se nelle nazioni che funzionano meglio della nostra i lavoratori stanno meglio dei nostri e godono di migliori condizioni bisogna copiare da loro e non inventarci l'impossibile.

    Report

    Rispondi

  • vin43

    23 Marzo 2012 - 11:11

    Uno coraggioso e intraprendente mette su un’attività, si avvale di alcuni collaboratori. Va bene per i primi anni e quindi tutto va bene. Se può chiudere per motivi economici, alle prime difficoltà metterà tutti fuori, rinunciando alla lotta per la sopravvivenza della sua attività. Certo che può farlo perché nessuno glielo vieta. Non crea ancora di più illusione e scombussolamento tra quei collaboratori? Se a ogni difficoltà piccola o grossa che sia, un imprenditore può disfarsene di tutto, perché questo è considerato, lo farà volentieri, forse nel frattempo avrà pensato a se stesso. Credo che siano cose che devono essere analizzate per bene. E’ una riforma importante. Occorre studiare e ponderare bene ogni passo. Secondo me occorrono tempo e consultazioni. I pareri dei sindacati, data la loro esperienza, possono essere utili alla discussione.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog