Cerca

Pressato da Cgil, Pd e Cei Monti costretto alla retromarcia

Riforma art.18, all'asse cattocomunista si unisce la Lega. Il prof tratta su indennizzi e passa la palla all'aula: verso legge delega

Pressato da Cgil, Pd e Cei Monti costretto alla retromarcia

Sul premier Mario Monti si è scatenato un pressing selvaggio, che ha unito e avvicinato poli storicamente distanti tra loro. Il pomo della discordia è la riforma del lavoro, che nel corso dell'aspro dibattito delle ultime settimane viene sostanzialmente identificata con un solo aspetto di un testo ampio e organico, quello relativo all'articolo 18. Il principale nodo è quello dei liceziamenti per motivi economici, che nel testo presentato dal governo dei tecnici non prevede la possibilità del reintegro, a differenza di quanto successo fino ad oggi. Scontata la contrarietà della Cgil di Susanna Camusso, che nonostante l'isolamento promette battaglia e ha già proclamato uno sciopero generale. A ruota del sindacato rosso Pierluigi Bersani, il segretario del Pd, partito lacerato e sull'orlo dell'implosione a causa del dibatitto interno sulla riforma del lavoro. Il leader democratico non ha dubbi: "La norma sull'articolo 18 deve essere cambiato. Se il licenziamento viene totalmente monetizzato facciamo un salto di qualità nel diritto del lavoro".

L'attacco dei vescovi - All'asse, scontato, che a sinistra vede uniti il Pd e la Cgil, ieri, giovedì 22 marzo, si è unito un 'compagno' insolito, la Cei, la Conferenza episcopale italiana. Il presidente della Commissione lavoro dei vescovi, monsignor Bregantini, ha detto chiaro e tondo che Monti "ha sbagliato" a lasciare fuori dalle trattative la Cgil. In un connubio di cattocomunismo, Bregantini ha spinto sul fatto che "non è possibile tenere ai margini il primo sindacato italiano" e ha poi attaccato il governo rinfacciandogli il fatto che "i lavoratori non sono merce". Dopo la presa di posizione della Cei, anche la Cisl di Raffaele Bonanni ha cambiato sensibilmente la linea sulla riforma del Lavoro, spiegando che "la norma sull'articolo 18 va riscritta". Un significativo cambio di posizione da parte di Bonanni, che fino a due giorni fa decisamente più accomodante nei confronti del testo proposto da Monti ed Elsa Fornero. Ultimo tassello di uno schieramento trasversale e peculiare - oltre alle scontate, non fanno nemmeno più notizia, barricate dell'Idv di Di Pietro - è quello della Lega Nord. Anche Umberto Bossi indossa la tuta blu e si lancia in slogan operaisti: "Giù le mani dall'articolo 18", ha intimato il leader del Carroccio.

La retromarcia - Monti, prima, durante e dopo il tavolo con le parti sociali di giovedì, prendeva atto di una situazione fluida, in movimento. Il premier realizzava ora dopo ora che lo scontro si radicalizzava, che il suo consenso sulla riforma del mercato del lavoro veniva lentamente eroso. Il professore ha annotato sul suo taccuino la netta contrarietà al provvedimento della sinistra, di buona parte del mondo sindacale, del Carroccio e dell'Idv che sempre più spesso viaggiano in coppia, e anche quella del mondo cattolico, che ha preso posizione tramite la Cei. Una situazione intricata. E così nonostante i proclama e l'ostentata volontà di tirare dritto, Monti ha concesso qualcosa. Più che qualcosa. Per primo, proseguono le trattative per estendere gli indennizzi a tutti i lavoratori licenziati per motivi economici, buonuscite aziendali che si andrebbero a sommare agli ammortizzatori sociali. Inoltre ha lanciato la palla al Parlamento, poiché l'orientamento del governo è riformare il lavoro con una legge delega, che de facto permetterebbe all'aula di modificarne i contenuti nel corso dell'iter parlamentare.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • wilegio

    wilegio

    23 Marzo 2012 - 17:05

    che scrive: "Diciamo Lei, datore di lavoro, ha un/una dipendente, (...) "superiore alla media". Innanzitutto lei datore di lavoro, non conosce minimamente la sua dipendente, e della sua valutazione diciamo che non gliene può fregar di meno. Parliamo di persone "normali", che fanno il proprio dovere, si ammalano ogni tanto come capita a un cinquantanovenne e lavorano con serietà, ma avendo rinunciato da tempo a prospettive di carriera. Mi creda, la logica del datore di lavoro è puramente economica, e non è così facile da comprendere per noi. Quando emerse la crisi, sentii con le mie orecchie un imprenditore dichiarare candidamente: "non esiste che io ci possa rimettere neanche un euro, quindi dobbiamo strutturare l'azienda in modo che gli utili restino almeno invariati. Limiteremo le spese e il personale, ma gli utili non devono calare, crisi o non crisi." Questa è la loro logica e, se possono, non guardano in faccia a nessuno.

    Report

    Rispondi

  • miky2010

    23 Marzo 2012 - 17:05

    ma non se ne dovevano tornare a casa loro se la legge non veniva votata come dicevano i ns. moderni dittatori bancario-comunisti!!!

    Report

    Rispondi

  • perfido

    23 Marzo 2012 - 15:03

    A chiesto di farsi spiegare questa. Intanto ha scelto un esempio sbagliato. Provo io che sono a crudo delle sentenze sindacali, CON UNA DOMANDA. Diciamo che : Lei, datore di lavoro, ha un/una dipendente, da circa 15 anni, -ha sempre reso un buon lavoro- e per un suo giudizio è valutato "superiore alla media". Fra qualche anno, deve andare in pensione. Vorrà spiegarmi perchè pensa di licenziarlo?. Ho lavorato 30 anni nell'ambito statale e a questi io licenzierei, senza neanche il preavviso, ma subito, dopo pochi anni. Aspetto la risposta. Saluti.

    Report

    Rispondi

  • imahfu

    23 Marzo 2012 - 13:01

    La riforma puo' essere magnifica, stupenda. Puo' prevedere lavoro per tutti e paga alta, altissima. Poi a conti fatti, vedremo il libro dei sogni se ha una pagina scritta. Ma é la garanzia che non ci sia libero arbitrio del piu' forte é l'argomento principe. E perché non dovrebbe essere? Quanto a sfasciare il PD, sembra proprio il contrario. Le società moderne sono fondate sul lavoro (e su cos'altro se no?) e chi cerca equità (nella riforma ce n'é poca) o fa finta di cercartla, raccoglie i consensi e si rafforza, non si sfascia. Temo per Alfano che difende l'indifendibile: alle elezioni gli basterà una mano per contare i voti?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog