Cerca

Lavoro, palla al Parlamento: Bersani fa il golpista

Il segretario Pd minaccia: "O si modifica la parte sull'art. 18 o l'Aula chiude". Ai critici: "Non azzoppateci, noi teniamo il paese"

Lavoro, palla al Parlamento: Bersani fa il golpista
Prima ancora che il ddl sulla riforma del lavoro fosse varato dal Consiglio dei Ministri, Pier Luigi Bersani ha trovato già il modo di minacciare governo e Pdl in vista dell'approdo del testo in Parlamento. Il segretario democratico ha avvertito: "Si vorrà ragionare, sennò chiudiamo il Parlamento, ma non so se, in questo caso, i mercati si tranquillizzano. Il Parlamento c'è e quindi ne discuteremo". Insomma, modifiche o saranno barricate: "Su tutti i decreti che sono arrivati - ha concluso - il Parlamento è intervenuto, ha sempre modificato qualcosa". Quindi la minaccia a quanti da sinistra criticano il Pd per le sue posizioni "moderate" sulla riforma del lavoro: "Attenzione ad azzopparci - ha detto Bersani - perché noi teniamo il paese. Poi c'è solo il populismo e allora se ne vanno a casa sia i politici che i tecnici". Contando che il segretario Pdl Alfano ha già anticipato che in caso di modifiche al ribasso sull'articolo 18 "cambieranno anche le parti sulla mobilità in entrata" si preannunciano settimane di fuoco tra Camera e Senato.

Casini soddisfatto
- "Il parlamento non è un passacarte", conferma poi il segretario dell'Udc Pier Ferdinando Casini, soddisfatto per le decisioni del governo: "Il governo ha fatto una cosa importante: ha discusso a lungo e in modo approfondito con le parti sociali, e poi la decisione del Parlamento". "Si è ormai superata una prassi e una visione della concertazione - ha detto ancora Casini -, che secondo me era ampiamente superata. Il Parlamento saprà corrispondere nei tempi dovuti, non certo alle calende greche. Bisogna - ha concluso Casini - che subito dopo le elezioni amministrative queste norme diventino legge dello Stato".


La Cisl: "Faremo pressioni" - Sia Luigi Angeletti (Uil) sia Raffaele Bonanni (Cisl) si dicono ottimisti per il passaggio in Parlamento ("Probabilmente, avremo più ascolto di quanto ne abbiamo avuto finora con il Governo", ha spiegato Angeletti, mentre Bonanni annuncia che il suo sindacato farà "un'azione di lobbying"), mentre Bersani in giornata ha usato toni bellicosi. 

 


Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • 654321

    24 Marzo 2012 - 10:10

    ...forse non ricordi te " come hai gia' confermato" in un tuo precedente intervento, che quando il precedente governo alzo' l'iva cosa successe! Te lo ricordo ancora, andarono a Roma a far casino e fecero anche danni!! Ci furono anche gli indignados in quel periodo, per non parlare dell'associazione dei consumatori! Allora, rispondi, perche' prima tutti al contrario di tutto? Perche' non era possibile legiferare? Perche' Napolitano ha firmato alcune cosette che erano esattamente uguali a quando non le ha volute firmar? Osti Bruno, non pensi che questo massacro, era evitabile? Non pensi che la direzione del governo di prima se pur severa arrivava gradatamente? Non pensi che l'Europa non aveva chiesto tutto questo, ma i tagli,e un ridimensionamento della spesa pubblica non basato sulle tasse!!Non pensi che ora veramente tanti operai e non veramente non arrivano alla fine del mese?Non pensi che l'economia e' in picchiata? Non pensi che tanti perderanno il lavoro!

    Report

    Rispondi

  • bruno osti

    24 Marzo 2012 - 10:10

    la situazione che tu lamenti, non è molto diversa dall'autunno scorso, in quanto i provvedimenti di questo governo non sono ancora in atto. Non mi ricordo di tuoi commenti simili, fatti da te all'epoca: ricordi, ad esempio e tanto per dirne una, l'IVA al 21%, grazioso omaggio di Treconti/Burlesque?

    Report

    Rispondi

  • 654321

    24 Marzo 2012 - 09:09

    pressione fiscale record...e la gente non spende, gli incassi calano, l'iva e gli imponibili vanno a picco per gli scenziati del governo, le merci non vengono acquistate, le industrie producono meno, la manodopera e' in esubero su tutti i fronti, meno che quelli dello Stato, come fanno a pensare di mantenere i posti di lavoro? altro che art 18, questa e' realta' ! A proposito di mare di guai, ...Ovvia giu' disse quello che affogava! Un salutone

    Report

    Rispondi

  • bruno osti

    24 Marzo 2012 - 09:09

    tu sei sicuro di quanto scrivi, vero? puoi allora elencare quali aziende il sindacato ha portato alla chiususra?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog