Cerca

Un giorno in villa con Silvio: ecco il Berlusconi arredatore

Visita guidata a Villa Gernetto, sede dell'Università liberale. Il Cavaliere entusiasta: "Ho curato personalmente ogni stanza"

Un giorno in villa con Silvio: ecco il Berlusconi arredatore
Il presidente arredatore. E poi restauratore, guida turistica, esperto di beni culturali... Per farla breve: Silvio Berlusconi nella forma migliore. Così lo hanno descritto gli ospiti che ieri  ha accolto al Gernetto, la dimora settecentesca che si estende per 350mila metri quadri (parco incluso) a Gerno di Lesmo, nella provincia di Monza e Brianza. Il Cavaliere per due giorni ha aperto  la villa ai soci del Fai, il Fondo per l’ambiente italiano diretto da Angelo Maramai, conducendo personalmente la prima visita guidata.

Silvio è arrivato la mattina, scortato da Maria Rosaria Rossi del Pdl. Ad accoglierlo ha trovato anche il presidente della Provincia di Milano Guido Podestà, oltre a una truppa di ospiti selezionati. Rilassato, gioviale, fasciato nel consueto doppiopetto, l’ex premier ha inaugurato la giornata con qualche commento sulla situazione politica. Ha elogiato Mario Monti, si è concesso un commento sull’articolo 18 («La riforma del lavoro adesso è un disegno di legge e avrà un lungo iter normativo»). Poi ha lamentato la fatica dell’impegno politico, ma con leggerezza: «Quando chiedo a Chirac o a Schroeder qual è stato il più bel giorno della loro esperienza politica rispondono che è stato l’ultimo...», e la battuta conferma la serenità dell’uomo. I presenti confermavano la scioltezza: «Parlava di tutto, trascinava, lo sapete come fa lui, no?». Già, era Berlusconi «come fa lui».

Ed ecco finalmente il grande momento, quello della visita guidata. Silvio ha accompagnato una cinquantina di persone stanza dopo stanza, cucine comprese. Tutto restaurato sotto la sua supervisione. Poiché la villa per un certo periodo è stata abbandonata, non era in splendide condizioni quando l’ha acquistata. Dunque si è messo al lavoro. Ha cercato di salvare il salvabile e dove non era possibile recuperare gli arredi danneggiati, ha provveduto a farli ripristinare seguendo scrupolosamente lo stile originale.

Una camera aveva bisogno di una nuova pavimentazione? Bene, Silvio il presidente restauratore ha fatto piazzare un parquet modellato sugli stucchi dell’antico soffitto. Soprattutto, per ogni intervento si è servito di manodopera locale. Ogni volta che poteva, faceva un salto per verificare che tutto procedesse per il meglio (un giorno si trascinò dietro anche il presidente della Repubblica del Vietnam, Nguyen Minh Triet). «L’ho fatto nel mio piccolo», ha confidato agli ospiti, e senza aiuti dallo Stato, ci ha tenuto a precisare.   

Il risultato, dopo tutto, non è affatto male e il Cavaliere ne sembra particolarmente fiero (ama particolarmente la biblioteca affollata di centinaia di volumi). Anche per questo ha deciso di stabilire nella villa la sede dell’Università della Libertà, il progetto di formazione politica internazionale che ha in mente da un po’. Ieri ha spiegato che inizierà il prossimo 29 settembre. Ospiterà «cento studenti scelti tra i migliori dei Paesi del G20», i quali potranno seguire le lezioni tenute da intellettuali e politologi liberali. Non solo: Berlusconi auspica che tutti i presidenti del G20 sfilino come relatori.

La visita è durata in tutto una quarantina di minuti, in cui il Cavaliere ha dispensato buonumore. Ha invitato i componenti del Fai ad andarlo a trovare nella sua villa in Sardegna, è riuscito a infilare nel discorso un paio di barzellette, di cui una autobiografica. «Berlusconi va dal dottore e si lamenta: “Quando faccio l’amore sento sempre un fischio...”. E il dottore: “Alla sua età che si aspettava, gli applausi?”». Qualcuno dice pure  di averlo visto guidare una golf car per trasportare gli invitati da un’ala all’altra. Poi, scambiati i saluti e i salamelecchi di rito, Silvio è salito sull’elicottero bianco e ha preso il volo. Lasciandosi dietro ospiti soddisfatti di aver visto Berlusconi come dovrebbe essere.

di Francesco Borgonovo

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • LiberiamoLibero

    27 Marzo 2012 - 11:11

    Lei mi deve credere quando le dico che mi sento veramente orfano del suo blog: una piattaforma su cui discutere della sua omosessualità latente, sviscerare le condizioni che l'hanno portata a fare questo mestiere, la sua sua mancanza di ironia (per quanto mi abbia regalato in questi mesi tante risate). La telefonata fatta a Freccero meriterebbe ore di commenti e sbertucciamenti alla sua persona, involontariamente comica come del resto tutte le azioni in cui finge di sembrare un giornalista. Per cui la prego: riapra il suo blog.... Cordialmente dal suo primo ammiratore LiberiamoLibero

    Report

    Rispondi

  • L'infeltrato

    27 Marzo 2012 - 09:09

    Domenica prossima all'IKEA

    Report

    Rispondi

  • umberto2312

    27 Marzo 2012 - 09:09

    Immagino abbia dedicato le sue cure soprattutto ai letti.

    Report

    Rispondi

  • nick2

    27 Marzo 2012 - 09:09

    Non colgono la sottile ironia pariniana che accompagna la descrizione della giornata del “senil signore”. Continui così, sono curioso di leggere la parte conclusiva, “La notte”!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog