Cerca

Dal 2013 una donna al Colle? Votate il sondaggio

Napolitano ha annunciato: "Non farò un secondo mandato". Abbiamo scelto undici candidati per il Quirinale, dalla Bonino a Berlusconi. Chi preferite?

Dal 2013 una donna al Colle? Votate il sondaggio

Denunciando una certa stanchezza, e il peso dell’anagrafe, Giorgio Napolitano fa sapere che il prossimo anno tornerà ad essere privato cittadino.  Il super lavoro a cui è stato sottoposto negli ultimi tempi - dalle dimissioni di Berlusconi alla ricerca di tecnici a cui affidare il governo, fino alle estenuanti trattative per trovare una sintesi alla riforma del lavoro - lo hanno sfiancato. E ora non ne può più. "Non si deve mai ritenere di essere insostituibili", ha spiegato il Capo dello Stato. La confidenza viene affidata ad un gruppo di studenti della Scuola media 'Virgilio' di Roma, ed è contenuta in una trasmissione realizzata da Rai Educational. "Effettivamente la stanchezza c'è, e poi non si deve mai ritenere di essere insostituibili", spiega Napolitano rispondendo ad una domanda ben precisa. Questa: "Quando finirà la sua carica da Presidente della Repubblica, lei pensa di ricandidarsi?"."Sono una persona che ha lavorato molto, ha avuto molte soddisfazioni, molte responsabilità, ma sono una persona molto avanti negli anni", precisa il Presidente. "E' necessario passare la mano, è necessario che si facciano avanti altri anche per la carica di Presidente della Repubblica. Quindi, dopo il maggio del 2013, potremo vederci di nuovo, quando vorrete, ma sarà da privato cittadino".


Corsa alla successione - Si apre, a questo punto, la corsa alla successione. Per il Colle pare favorito d'obbligo Mario Monti, premier che proprio nel 2013 finirebbe il suo mandato da 'salva-Italia'.  Ma occhio alle quote rosa, visto che è lo stesso Napolitano a lanciare la volata: "Sicuramente rimane ancora, se non un vero e proprio pregiudizio, una resistenza a scegliere una donna per certi incarichi. Questo, prima di arrivare a quello di presidente della Repubblica, riguarda molti incarichi - aggiunge il presidente - se si pensa ad esempio che fino a non molto tempo fa anche in certi alti gradi della magistratura non c'erano donne". "Più le donne si faranno sentire, prima arriverà - mi auguro presto - il momento in cui ci sarà anche una candidata donna a presidente della Repubblica e potrà essere eletta". Per essere eletti al Quirinale, occorre avere almeno 50 anni. Tra le donne della politica, le papabili non sono molte: Emma Bonino, ex commissaria europea proprio con Monti, è la favorita. Oltre alle donne, sono in tanti a giocarsi le loro carte: Silvio Berlusconi, Gianni Letta, Romano Prodi, giù giù fino a Massimo D'Alema e Gianfranco Fini.

Napolitano lascia nel 2013: voi chi vorreste al Quirinale?
Votate il sondaggio di Liberoquotidiano.it

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Alessandro Tesio

    30 Marzo 2012 - 23:11

    Presidenti partigiani, ex-comunisti, visualizzatori di immagini sacre (Scalfaro vedeva la Madonna) e adesso Prodi ("L'importante è non perdere il buon umore") o la Bonino(che praticava aborti omicidi in "privato") proprosti come i futuri Presidenti della Repubblica. Comune a tutti l'ideologia comunista, perbenista e snob. Costi alle stelle e rappresentanza ideologica che NON figura tra i paesi occidentali (personaggi ceh 50 anni fa appoggiarono l'invasione sovietica in Ungheria non sono così moderni e rappresentativi). Serve ancora questa figura inquietante pilotata sempre da una frangia politica?

    Report

    Rispondi

  • willyroger

    29 Marzo 2012 - 07:07

    l'essenziale che sia una donna con degli attributi di onestà,cultura e con un curriculum di primordine, e non le solite bufale della prima e seconda repubblica, come le bind,i la moglie di fede e di fassino o e le solite bellone che squazzano in tv tutti i giorni.

    Report

    Rispondi

  • cignoblu

    28 Marzo 2012 - 11:11

    Xkè non lo trasformiamo in un centro di prima accoglienza ! Tra i mantenuti ke vi risiedono adesso e quelli ke arriveranno con i barconi .... scusate ma ke differenza c è ?

    Report

    Rispondi

  • antonioarezzo

    26 Marzo 2012 - 18:06

    ma a cosa serve in Italia 'sto presidente ??? a spendee e bruciare soldi pubblici con la sua corte di nullafacenti. non puo' prendere una decisione, non conta una mazza, e' inutile e dispendioso. che pena...il quirinale, un carrozzone costosissimo ed inutile !!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog