Cerca

Prodi e Bersani, piano per dare governo e Colle alla sinistra

Sabotare la riforma del lavoro, liquidare Monti, scaricare Napolitano e metterci Romano: il Pd vuole prendersi l'Italia

Prodi e Bersani, piano per dare governo e Colle alla sinistra

La successione di Mario Monti? Sarà uno sprint, non una lunga battaglia di posizione. A lanciare l'offensiva non può essere che il Partito democratico, quello che in queste ore ha mandato giù i bocconi più amari del governo dei professori. Il segretario Pier Luigi Bersani ha già avvertito il premier sulla riforma dell'articolo 18, una tagliola per la sinistra: "Non condivido la modifica dell'articolo 18 perché è all'americana e non alla tedesca". E ancora, "Monti non può dirci prendere o lasciare". Lo ha ribadito Massimo D'Alema, anche da Fabio Fazio a Che tempo che fa: "Dopo Monti, serve una svolta a sinistra". Ufficialmente, si parla di scadenza naturale della legislatura, ma il piano segreto porta al voto anticipato: crisi entro l'estate e voto in ottobre. Come? Le con salva-Italia e cresci-Italia in porto, resterebbe da risolvere la grana lavoro. Su questo punto il progetto democratico è chiaro: minare alla base il progetto riformista del governo, minacciare strappi e strappare il più possibile sull'articolo 18, per non dover poi ricucire con la Cgil. Non a caso, è stato lo stesso D'Alema ad ammettere: "La trappola non è scattata, cioè quella di spaccare il Pd e isolare la Cgil".

L'era della sinistra - A tendere quella trappola, sottolinea Mario Sechi nel suo editoriale sul Tempo, sarebbero stati proprio Monti e Fornero, con l'appoggio del presidente Napolitano più interessato alle riforme che agli equilibri a sinistra. Ecco qua, cerchio chiuso: perché con la scrittura della nuova legge elettorale rimandata all'infinito (al Pd non interessa, con il Porcellum avrebbe più opportunità di vincere che con un altro sistema) non resterebbe che abbattere l'ultima resistenza alla sfiducia a Monti: il Quirinale. Ma ormai tra Napolitano e il suo ex partito, proprio sul lavoro, sembra essersi scavato un fosso. E Bersani e D'Alema hanno già pronto l'asso da calare, carta buona per tutte le stagioni: Romano Prodi. Con buona pace di Monti (che tanti indicano sul colle, specie dopo le parole di sabato del presidente della Repubblica). Del Pdl, ancora alle prese con le beghe dell'ex alleato leghista. E di Casini, che vuole creare il suo superpartito centrista ma che potrebbe accontentarsi di un ruolo nobile (presidenza del Senato?) nella nuova era della sinistra.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • fonty

    fonty

    27 Marzo 2012 - 11:11

    Io penso che, dopo aver avuto come presidenti della repubblica Non ci sto Scalfaro, Ciampi dalle tre pensioni dorate ed ora il Napolitano che vuol essere il capo di tutto, anche del governo, se dovesse andarci il mortadella Prodi saremmo in linea con la dinastia sinistra che tanti danni ha causato e che è foriera di altre disgrazie, oltre a quelle che già abbiamo.

    Report

    Rispondi

  • fonty

    fonty

    27 Marzo 2012 - 11:11

    Ma semplice direi, eccone qui due belle giulive nella foto.

    Report

    Rispondi

  • Napolionesta

    27 Marzo 2012 - 10:10

    si fa a avere stima di questi individui?, via tutti i Partiti di questi Politici parassiti e mascalzoni!

    Report

    Rispondi

  • bruno osti

    27 Marzo 2012 - 09:09

    cara "Mano Sinistra Del Blog", lo vedi che ho ragione quando ti rimbrotto per i tuoi post a capocchia? Io parlavo di Bersani, non di Prodi; e di Bersani che tenta di far vincere le sinistre: cosa che a qualcuno qui sembra strana! E tu mi posti se ho stima di Prodi

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog