Cerca

Alfano chiama Bossi e Lega "Con noi alle amministrative"

Il segretario: "Per le prossime elezioni in campo nostri uomini migliori. Berlusconi farà sempre la sua parte, con generosità"

Alfano chiama Bossi e Lega "Con noi alle amministrative"

Per le prossime elezioni amministrative “metteremo in campo i nostri uomini migliori per sfidare la sinistra e pensiamo di potere fare un bel risultato”. A mostrarsi ottimista per le prossime consultazioni è il segretario nazionale del Pdl Angelino Alfano, che oggi, lunedì 26 aprile, a Milano ha incontrato i massimi esponenti del partito a livello locale e ha nuovamente teso la mano all'alleato leghista, spiegando che "non riteniamo conclusa l'alleanza con la Lega" e che "speriamo che Bossi, rispetto alla scelta di autonomia che è stata compiuta dal partito, possa concedere alcune deroghe, che possano servire a dimostrare come uniti si continui a vincere al nord". All'incontro con i vertici del partito hanno preso parte anche il coordinatore nazionale Ignazio La Russa e quello regionale Mario Mantovani. Presenti anche il presidente della Regione Lombardia Roberto Formigoni, quello della Provincia Guido Podestà, il vice coordinatore regionale lombardo Viviana Beccalossi, l’ex ministro Maria Stella Gelmini e il vicepresidente della Camera, Maurizio Lupi.

"Un tempo particolare" - Durante l’incontro il tema caldo è stato quello delle elezioni “che per noi - ha sottolineato Alfano - rappresentano un tempo particolare perché svolgendosi sotto il governo Monti si tratta di elezioni nelle quali noi scontiamo l’assenza di un’alleanza mentre a sinistra l’alleanza è rimasta unita e solida, pur con tutte le sue contraddizioni”. Questo significa, ha proseguito Alfano, “che se per un verso si è determinato da parte nostra un gesto che ha sacrificato un pezzo della nostra coalizione per senso di responsabilià e per potere sostenere questo governo, a sinistra la nascita del governo Monti non ha avuto effetti”.

Mano tesa alla Lega - Il segretario del Pdl rivendica il 'sacrificio' fatto per sostenere la nascita del governo Monti: "Abbiamo sacrificato un pezzo della nostra coalizione per potere sostenere questo governo. Questo ci induce a chiedere con maggiore forza ai nostri elettori un riscontro alla nostra scelta. Noi abbiamo messo prima della coalizione il nostro amore per l’Italia". Detto questo, Alfano torna a stendere una mano al partito dei fazzoletti verdi. "Non riteniamo conclusa l’alleanza con la Lega che rimane solida sia in regione Lombardia che in altre venti province italiane e centinaia di comuni del nord. Speriamo che Bossi possa, rispetto alla scelta di autonomia che è stata compiuta dalla Lega, concedere alcune deroghe, che possano servire a dimostrare come uniti si continui a vincere a nord". Scenderà in campo "con la consueta generosità anche il presidente Berlusconi. Valuteremo insieme ai nostri candidati a livello amministrativo quale sarà il miglior modo di partecipazione da parte del partito".  

Capitolo Monza - Durante la conferenza stampa un accenno è stato fatto anche a Monza dove rimane aperta la scelta del candidato. Il coordinatore regionale Mantovani ha assicurato che la soluzione è vicina e che non si esclude un’alleanza con la Lega: "Credo chiuderemo la questione oggi pomeriggio. Stiamo ragionando anche con la Lega. Quindi non escludiamo nulla per il momento. Entro stasera o mattina al massimo, avremo il candidato". Per inciso oggi, lunedì 26 marzo, la Lega Nord si riunisce al quartiere generale di via Bellerio, a Milano, e con il leader Umberto Bossi deciderà le deroghe per le amministrative, ovvero snocciolerà le città in cui il Carroccio appoggerà il Pdl.

"Berlusconi al nostro fianco" - Alfano ha poi parlato del ruolo dell'ex premier in questa contesa amministrativa, e ha sottolineato come il presidente Silvio Berlusconi "farà la sua parte come sempre, con generosità". Viene così confermato l'impegno del leader del partito nella prossima campagna elettorale. "Lo ha fatto alle scorse - ha continuato il segretario - e, se glielo chiedermo, sono sicuro che lo farà anche adesso. Con i suoi candidati valuteremo poi quale sarà il miglior modo di partecipazione da parte del partito. Di certo - ha concluso Alfano - Berlusconi sarà con noi, al nostro fianco e assieme a noi farà valere l'opinione dei moderati italiani".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • perfido

    27 Marzo 2012 - 10:10

    io posso definirmi " nolaonesta " conosci Nola ?. Anche se risiedo nella provincia della bergamasca. Condivido pienamente il Tuo stato d'animo. Anch'io da un anno a questa parte, pubblico lo stesso Tuo pensiero. Adesso ALFANO dice di far scendere in campo " uomini migliori ", - a mio avviso - sarebbe meglio far candidare " MIGLIORI UOMINI ". Saluti.

    Report

    Rispondi

  • Beppe.demilio

    27 Marzo 2012 - 10:10

    La Lega deve andare da sola perchè il PDL seguita a sostenere Monti nonostante gli Italiani che hanno sempre pagato fino all'ultimo centesimo gli hanno detto ripetutamente di mandarlo a casa. Alfano ha fatto le sue scelte come le ha fatte Berlusconi ed ora vedremo presto se gli elettori sono dalla loro parte. Se Alfano è sicuro che facendo la politica dello struzzo nascondere la testa e lasciare il sedere a Monti gli porta bene faccia pure,io credo che il prurito al sedere gli porterà parecchi guai!! Monti cada e si faccia molto male!!! Un grazie a Napolitano visto che sapeva tutto quello che avrebbe fatto e che avrebbe colpito per 80% della manovra i lavoratori e pensionati!!

    Report

    Rispondi

  • imahfu

    27 Marzo 2012 - 09:09

    Se sono come quelli che erano nel vecchio governo, siamo proprio fottuti. C'é Verdini? Cosentino, Dell'Utri ecc...(46 in odore di ''santita'')

    Report

    Rispondi

  • agosman

    26 Marzo 2012 - 23:11

    Errare è umano ma perseverare è da idioti e da fuori di testa. O Alfano sa di avere una falsa rappresentazione della realtà e scientemente bleffa, oppure qualcuno gliela vende così e lui ci crede. Ma dove si presenta? Ma si rende conto che grazie a Berlusconi (Alfano poveretto il quella scelta ha contato come il due di bastoni quando la briscola è coppe) che non ha voluto le elezioni politiche anticipate che erano sacrosante ci ha rovinato? Adesso cerca la Lega perché spera di limitare i danni alle prossime amministrative. Doveva pensarci prima. Io so solo che la mia pensione non solo non è aumentata ma da questo mese è addirittura diminuita, mentre la benzina aumenta, la vita in generale aumenta perché l’iva aumenta, le tasse aumentano, e presto faremo i conti con l’IMU, l’iva e le nuove rendite catastali. Chi dobbiamo ringraziare di questo noi che avevamo riposto fiducia nel PDL e in Berlusconi? Alfano ci crede così fessi da dare la colpa a Monti? Sono solo degli sciagurati. Hanno appoggiato un governo che di fatto ha rubato ai poveri per continuare a garantire stipendi da nababbi alla dirigenza statale alta e altissima, civile e militare, a politici e amministratori regionali, provinciali e comunali e ora ci vengono pure a chiedere il voto. Io avrei capito se i sacrifici fossero stati proporzionalmente distribuiti, se avessero deciso che per cinque anni nessuna pensione pubblica dovesse superare i 5-6 mila euro netti mensili e nessuno stipendio pubblico potesse superare i 6-7 mila euro netti mensili con divieto assoluto di cumulare più stipendi e/o più pensioni. Invece no. E allora cari signori alle prossime elezioni me ne starò a casa e se mai andassi a votare il PDL il mio voto se lo scorda, oppure annullerei la scheda. E così vincerà Bersani, Vendola, Di pietro, Diliberto e Ferrero. Vorrà dire che me ne farò una ragione. Tanto, cosa potrà cambiare in peggio per me? Peggio di così!! Però spero che a qualcuno la facciano pagare, sia in termini personali che patrimoniali ed economici.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog