Cerca

Il disprezzo per la politica di Elsa&Mario: "Cioccolattai"

Schiaffo del ministro e del premier al Palazzo: "Buoni solo a dar caramelle. Noi abbiamo obiettivi ambiziosi, loro buoni solo a tirare a campare"

Il disprezzo per la politica di Elsa&Mario: "Cioccolattai"

Qualcuno le definirebbe decisamente snob. Qualcun altro più votato all'anti-politica, dire pane al pane. Quel che è certo è che le dichiarazioni del premier Mario Monti e della sua ministra Elsa Fornero sono il segnale delle difficoltà che il governo sta incontrando nel "vendere" la riforma del lavoro, e dell'articolo 18 in particolare. E nella partita a tira e molla che Palazzo Chigi sta giocando con la politica, fanno sicuramente parte del "tira". La prima stoccata è arriva a dalla Fornero, che col suo solito tono sofisticato e cerimonioso ha spiegato ai microfoni della trasmissione Report che "noi siamo stati chiamati per fare cose sgradevoli. Se c'erano da distribuire caramelle, l'avrebbero fatto loro, i politici". Monti le ha fatto eco da 10.000 chilometri di distanza. Ai cronisti che lo seguono nel viaggio istituzionale in Estremo Oriente, il premier ha raccontato un aneddoto: "Mi ricordo  che un illustrissimo uomo politico diveva che è meglio tirare a campare che tirare le cuoia. Ma noi ci poniamo obiettivi molto più ambizioni, di quello della semplice durata".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • C.FOXTROT

    28 Marzo 2012 - 12:12

    Possiamo permetterci di non essere d'accordo con le parole dei due "tecnici"? CERTO CHE NO! Qualcuno ha la sfacciataggine di prendere le difese della nostra classe politica? CERTO CHE NO! Ma le vedete le facce di Fini, Casini, Bersaniì, della Bindi, della Finocchiaro, Rutelli e altrI; E allora, senza dietrologie inutili, tutti siamo convinti che la classe politica italiana è DEGENERATA E FALLIMENTARE, SORRETTA SOLO DA OPPORTUNISMI, NEPOTISMI E MALAFFARE. Non cadiamo nel tranello dei vecchi politicanti e cioè quello di screditare Monti & C. per riprendere, come parassiti e sciacalli, in mano il timone del NON DECISIONISMO riazzannandoci per le loro sporche clientele. L A M O R A L I Z Z A Z I O N E D E L L A P O L I T I C A I T A L I A N A ! ! ! QUESTO E' IL PUNTO DI PARTENZA, CHE SIA MONTI O QUALCUN ALTRO POCO IMPORTA L'IMPORTANTE E COLPIRE ' IL VERO CANCRO DI QUESTA ITALIA, IL SISTEMA PARTITOCRATICO DEGENERATO E FALLIMENTARE SORRETTO SOLO DA OPPORTUNISMI E MAAFFARE.

    Report

    Rispondi

  • corto lirazza

    27 Marzo 2012 - 23:11

    si sono dimenticati di dire che essi stessi sono degli incapaci e presuntuosi, esattamente come quelli che hanno così validamente sostituito

    Report

    Rispondi

  • upson

    27 Marzo 2012 - 18:06

    c'è da domandarsi cosa abbiano insegnato nella loro carriera se poi, messi loro alla prova, danno o propongono soluzioni svuota-tasche che a confronto Visco e Tremonti potrebbero ambire al Nobel. ma quando la Merkel si diceva impressionata dalle misure mostratele da Monti si riferiva forse ad un enorme "svanzstuck"?!

    Report

    Rispondi

  • eureka.mi

    27 Marzo 2012 - 16:04

    Possono rivalutarsi se riuscissero a tagliare persone e spese tra i politici: diminuirne il numero, tagliar loro i privilegi, obbligarli a presenziare per gli orari stabiliti ed eliminare eventuali presenze 'mordi e fuggi' solo per accedere al gettone di presenza. Insomma obbligare al lavoro anche politici e d i relativi portaborse.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog