Cerca

Il professor Monti e l'articolo 18: sono pronto a dimettermi

Lavoro, il premier: "Il governo lascia se l'Italia non è pronta. Non sono come Andreotti, non tiro a campare. Voglio fare un buon lavoro

Il professor Monti e l'articolo 18: sono pronto a dimettermi

Serve "l'approvazione in tempi brevi di un testo vicino a quello varato dal CdM. Ser il paese non è pronto alla riforma del lavoro, il governo potrebbe non restare. Non sono come Andreotti, non tiro a campare". Così il premier Mario Monti nel corso del suo viaggio in Corea del Sud.  Il prof spiega che "non punto alla durata, ma a fare un buon lavoro", e per la prima volta dal suo insediamento lascia intendere che senza il consenso dei partiti è pronto a lasciare Palazzo Chigi, anche se non serve agitare lo spettro di una crisi perché, spiega, "rifiuterei il concetto stesso di crisi". E così Monti mette sotto agli occhi della politica il suo punto di vista, chiaro e tranchant: "Se il Paese, attraverso le sue forze sociali e politiche, non si sente pronto a quello che secondo noi è un buon lavoro, non chiederemo certo di continuare per arrivare a una certa data".

"Paese pronto" - Si voterà nel 2013 e Monti non nasconde ai giornalisti che Paesi sede di fondi sovrani e istituzioni private che investono anche nel nostro Paese hanno “il palpabile desiderio di capire se, come e quanto intensificare i loro investimenti in Italia”, timorosi del ritorno di “vecchi vizi” come l’invadenza della politica nell’economia. E' vero che “alla fine di questo test quando la politica tradizionale tornerà non sarà quella tradizionale” ma, se non bastasse, Monti avverte che “finora il Paese si è mostrato più pronto di quello che immaginassi e se qualche segno di scarso gradimento c'è stato è andato verso altri protagonisti del percorso politico. Ma non verso il governo”.

"Tempi non troppo lunghi" - Il premier torna poi sulla riforma del lavoro, definita "equa e incisiva". Monti, dall'Asia, difende il provvedimento e auspica che i tempi della sua approvazione da parte delle Camere siano "non troppo lunghi" e che il risultato finale sia "il più vicino possibile a quanto abbiamo presentato". Toni simili sono stati utilizzati dal ministro del Lavoro, Elsa Fornero, che intervistata da Repubblica ha spiegato: "Non accetteremo una riforma del lavoro ridotta in polpette". Monti ha poi aggiunto che "è responsabilità del governo presentare una proposta equa e abbastanza incisiva e prospettare al Parlamento le ragioni per le quali, pur essendo il Parlamento sovrano, cerchiamo di avere un risultato in tempi non troppo lunghi"

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • beatles14

    28 Marzo 2012 - 00:12

    Nessuno ti ha chiesto di venire, saluta papà Giorgio e vai. A te preferisco il default, tanto peggio di come ci hai ridotti cane rognoso... Portati via anche tutti i tuoi inguardabili scagnozzi, ipocrita bastardo che predichi i SACRIFICI dall'alto dei tuoi miliardi...affamatore

    Report

    Rispondi

  • longhma

    27 Marzo 2012 - 13:01

    Andreotti non abbia niente da dire in merito ??? Tirato in ballo e Diffamato !!!! Giulio fatti sentire !!!!

    Report

    Rispondi

  • longhma

    27 Marzo 2012 - 13:01

    Prima che la situazione per il Popolo Italiano degeneri...... Poi SUBITO al VOTO !!!!! Giorgino..... questo vale anche per te...... Vigliacco e sostenitore della casta !!!!

    Report

    Rispondi

  • freefaber

    27 Marzo 2012 - 09:09

    dei 350000 (tanti sembrano essere) esodati la maggior parte è in mobilità per crisi aziendale; di queste crisi aziendali ben poche sembrano vere. Con il nuovo art. 18 molti 55 andranno a casa per crisi aziendale ed al loro posto (1 ogni 3-4) entrerà un giovane al quale verrà consigliato (la cosa già avviene da qualche anno) il silenzio assoluto; a consigliare la consegna del mutismo sarà sufficiente una formula contrattuale capestro e qualche parolina magari di un semplice collega. L'anziano 55, novello esodato per 'crisi' nel frattempo si prenderà 20000 euro di risarcimento per ingiustificato licenziamento più la liquidazione e dovrà aspettare l'eta per la pensione di anzianità; assegno che sarà molto inferiore a quello spettante, evidentemente. Con una fava molti piccioni, quindi!!...mentre a sentire il consiglio nazionale degli avvocati pare di ascoltare una versione 'colta' della FIOM...chi lo avrebbe mai sospettato..?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog