Cerca

Bertinotti dimentica la politica preferisce fare il nonno

Approfittando del sole di primavera, l'ex leader di Rifondazione comunista fa il nonno in un parco della Capitale

Bertinotti dimentica la politica preferisce fare il nonno

Anche per il compagno Fausto Bertinotti, e leader di Rifondazione comunista, è venuto il momento di ritirarsi su una panchina dei giardinetti. In questi primi giorni di primavera trascorre il pomeriggio a fare il nonno in un parco della Capitale con i due nipotini.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ileana47

    27 Marzo 2012 - 20:08

    tutti questi politici che hanno , superato i 70/75 max anni dovrebbero ritirarsi a vita privata come il Bertinotti invece di rubare il lavoro ai giovani e fare solo danni come è evidente nel quotidiano. Vecchi, rincoglioniti, mafiosi, e fuori dal tempo in tutto.

    Report

    Rispondi

  • pi.bo42

    27 Marzo 2012 - 17:05

    La verità è che Berlusconi ha perso un altro valido alleato per un suo eventuale ritorno al potere! La fidelistica ottusità nel perseguire certi ideali, spesso è solo miopia politica ed incapacità di vivere i cambiamenti storici! E' stato l'uomo simbolo di quel modello di "sinistro" che ha consentito, con i suoi comportamenti ed il suo straparlare, al Silvio di erigersi a baluardo di democrazia (sic!) e di libertà (sic.sic,sic!).

    Report

    Rispondi

  • 654321

    27 Marzo 2012 - 17:05

    carissimo, ti sei dimenticato di dire che il sovietico compagnone nel frattempo si e' creato una bella rendita, infatti dovrebbe possedere ben 9 case tra cui un casosalere tutto in pietra!! Alla faccia dei compagnoni che ancora credono agli asini che volano!! Saluti

    Report

    Rispondi

  • alvit

    27 Marzo 2012 - 16:04

    Pensate a questo personaggio, che tutta la vita si e' spacciato per una reale classe politica komunista e che ha insistito sulle proprie idee, anche a scapito dei lavoratori veri. L'unico giapponese, da solo o con quattro poveri beoti, sull'isola deserta, attendendo di andare in pensione.E' resistito a tutto, alle battaglie parlamentari, alla opposizione, alle brigate rosse, verdi, arcobaleno, infischiandosene di tutto, ma non ha mai tradito il suo credo, che non era del tutto sincero, ma che lo portava ad una pensione d'oro.Ha fatto perfino cadere un governo, ha trombato il mortadellone, fregandosene delle esigenze lucrose di tutta la sinistra unita.Ora fa il nonno, sempre in cashmere,con il porta occhiali come i dandy e con un bel pacco di banconote in cassa.Dopo di lui il partito è sparito, anche se i soloni e i trombati suoi eredi stanno cercando di tirare fuori la testina dalla mer@@ dove meritano di stare.Diliberto, rizzo, ferrero, dovete mangiarne di politica ...attenti all'onda

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog