Cerca

La telefonata con Cicchitto che ha fregato il prof Monti

Premier in Corea del Sud risponde al deputato Pdl e 'buca' l'intervento di Obama che lo stava elogiando

La telefonata con Cicchitto che ha fregato il prof Monti

Mario Monti sarà pure indipendente e popolare dai partiti, sostiene che loro non hanno consensi mentre il suo governo piace sempre di più, ma poi accade che, mentre è in Corea del Sud per il vertice sulla sicurezza nucleare, mentre sta per parlare Barack Obama, lo chiama Fabrizio Cicchitto e lui alza i tacchi. Corre a rispondere. Avrebbe potuto dire: "Ci sentiamo più tardi", invece no. Le tensioni nella maggioranza che finiscono per inseguirlo anche in Corea del Sud, al tavolo di un summit con quasi 60 tra leader di Stato, di governo e di istituzioni internazionali.

Grande attesa - Il presidente del Consiglio, riferiscono fonti italiane a proposito dell’episodio nelle solenni battute finali della Conferenza di Seul, si trovava al tavolo della plenaria ben prima che cominciasse a parlare Obama. Ma le 'insistenze' del capogruppo Pdl, una volta riferite a Monti, gli hanno impedito di ascoltare il capo della Casa Bianca, proprio quando è stato il professore l’unico ad avere l’onore di una citazione tra i leader al tavolo.

Intervento bucato - Si tratta di questioni parlamentari, non dei rischi legati alla gestione di impianti e materiali nucleari, ma anche in questo campo, tanto per stare alle parole di Monti che Obama fa sue, un piccolo incidente può avere grandi effetti e conviene affrontarlo con piccoli ma costanti passi. Parole che Monti aveva calibrato pensando alla loro estensione metaforica alla crisi dei mercati ma che, in qualche modo, possono adattarsi anche alla conflittualità politica nostrana. Quel tributo da parte del presidente Usa, però, Monti finisce per bucarlo, proprio per dover affrontare le fibrillazioni nella maggioranza

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • peperoni

    28 Marzo 2012 - 14:02

    uno che si crede presidente del conglio dei ministri italiano, NON PUO' ALZARSI dal tavolo dove ci sono i grandi del mondo per NESSUNA RAGIONE, è fatto (da napolitano) e messo la quanto si rimpiange il PRESIDENTE BERLUSCONI

    Report

    Rispondi

  • valerio5

    28 Marzo 2012 - 14:02

    la paura che al ritorno di monti si possa iniziare a parlare di CORRUZIONE e RIFORMA DELLA GIUSTIZIA!!!!!!! poi chi da degli altolà al governo è il PD!!!!!!!!!! ma non fateci ridere! ditelo voi di libero che è quella parte di riforma che fa tremare il PDL sempre e solamente indaffarato a salvare il cu....lo al nano e ora all'ex min. Romano sotto processo!!!!!!!!!!!!! al PDL del lavoro della ripresa economica non gli frega una mazza

    Report

    Rispondi

  • frank-rm

    28 Marzo 2012 - 13:01

    Ora vi racconto come sono andate le cose. C'era una volta una persona che pur di far parlare di se, era pronto a tutto. Sicchè rubatagli la scena, per toglierla a Monti in quanto Obama si apprestava ad omaggiarlo, ordinò a Chicchitto di chiamare il Presidente U.S.A. Il povero Cicchitto quale "umile servitore" come Max Paiella lo parodiò, esegui l'ordine. La scena venne sottratta al punto di far parlare dell'episodio su tutta la stampa, escogitando lo scherzetto da prete salesiano. E' fantapolitica, ma non distante dalla realtà. Il motto è: purchè si parli di me.

    Report

    Rispondi

  • iltrota

    28 Marzo 2012 - 13:01

    E' l' occupazione principale di Cicchitto: rompere i c0gl10ni !!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog